Aida

celeste-aidaAllora, cominciamo a chiarì una cosa: Aida non è celeste, è nera, ner senso che è una principessa etiope che è diventata schiava de li Faraoni e lì se innamora de Radames, perché è bello, giovane, c’ha il fascino della divisa e in più è tenore, e nell’opera se sa che er soprano va cor tenore, non ce so’ santi che tengano.
Mo’ il problema sta nel fatto che pure la fija der Faraone, Amneris, è innamorata de questo, e già so’ cazzi, e in più a Radames je dicono se per cortesia va a da’ una sterminata agli etiopi che hanno francamente rotto li cojoni una vorta de troppo. Radames va e ritorna vincitore (che je l’aveva detto pure Aida ma poi je so’ venuti li rimorsi de coscienza perché dice ahò, qui come me movo me fulminano, se vince lui m’ammazza i parenti, se vincono i parenti ammazzano a lui) e durante tutto un trionfo coi flabelli e gli elefanti e i cammelli e er popolo e i sacerdoti e i raggi laser se la reggìa è contemporanea presenta ar faraone i priggionieri de guera. “Anvedì, papà mio” dice Aida, ma quello je dice sta zitta scema, e racconta ar faraone che sì, lui è er padre, ma che er re, ossia lui ma non se deve sape’, era morto e che lui era solo un soldato qualunque. Radames se intenerisce pe’la pora Aida che e chiede ar Faraone de liberà li priggionieri. Ramfis, er gran sacerdoteche era un pezzodemmerda, dice sì, vabbè, ma almeno tenemose in ostaggio Aida co’ su’padre. Detto fatto. Er faraone pè sovrappiù promette Nerise in sposa a Radames. Aida ce resta de merda, anche pe’ via der fatto che già s’erano fatte na litigata lei e la Nerise sul tema Radames, che la Nerise j’aveva detto “volemo fa a chi so’ io e chi sei tu? Io so’io e tu non sei un cazzo” come er marchese der grillo, solo he Aida dice, mbe’, propriamente un cazzo no, io sarei fija de…”de na mignotta” je fa Nerise e se conclude lì. Continua a leggere

Rigoletto

rigoletto1Allora ce sta uno come Berlusconi che faceva le orge però fori non lo doveva sapè nessuno, che però poi come ar solito lo sapevano tutti ma lui se ne fregava che tanto era er DucadeMantova e poteva fa’ er cazzo che je pareva. Come Berlusconi, t’ho detto. Mo’ durante una de ‘ste borge, mentre che er DucadeMantova se stava a intorta’ la moje der conte de Ceprano (che stava zitto perché je conveniva) ariva Rigoletto, che già era gobbo in più ciaveva un nome demmerda, che de mestiere faceva er buffone de corte e comincia a pija’ per culo ar conte. Tutti a ride. Piomba dentro casa un vecchio incazzato come un puma perché er DucadeMantova je s’era scopato la fija, e Rigoletto pija p’er culo pure a lui, ma a questo je fumano e je dice “potessi passa’ tu quello che passo io.” E poi aggiunge “sii maledè” e tutti immagginamo che abbia detto pure “tto” ma siccome lì l’orchestra esplode non se sente più un cazzo e annamo a senso. Allora Rigoletto torna a casa e mentre è lì che se gratta li cojoni pè scaramanzia e dice che vita demmerda che sto a fa’, incontra Sparafucile che in sostanza je fa “aho’, si voi ammazza’ quarcuno io costo poco, e nello stesso prezzo ce metto pure quella zoccola de mi’ sorella pe’ rimorchiallo”. Rigoletto dice beh, bono a sapesse.

Continua a leggere

Il trovatore

Allora Trovatore. Tutto succede perché ‘na zingara matta, che il conte de Luna padre j’aveva arrostito mamma, se vole vendica’ e allora rapisce uno dei fiji der conte e se lo porta nell’accampamento de zingari pe’ daje foco pure a lui. Ma siccome che non ce sta con la testa da’ foco ar suo de fijo. “oh, che smaronata! E mo’? Vabbè, me tengo er fijo der Conte e dico che è mio, sticazzi, chi se n’accorge?”. Er fijo der Conte, che mo’ è cresciuto e se chiama Manrico, se incapriccia de una e je va a fa’ le serenate sotto le finestre. Pure l’altro fijo der Conte, che mo’ se chiama Contediluna, è incapricciato de ‘sta Leonora, e tutti e due s’aritrovano sotto la finestra de questa che scende e se abbraccia Contediluna pensando che fosse Manrico, Manrico se incazza, i due se sfidano a duello. Continua a leggere

Don Carlo

principessa eboli / madame kovarianCarlo e Elisabetta so’ fidanzati ma a Filippo je preme ‘na passerina giovane e allora se la sposa lui e ciccia. Carlo ci rimane di merda, e allora per bullarsi con la Betta si mette a difendere le Fiandre aiutato da Rodrigo (che c’è chi dice che si ingroppano, ma non è vero…però vajelo a spiega’ ai froci quanno se mettono in testa uno). Com’è come non è insomma Filippo diventa amico de Rodrigo, però Rodrigo è più amico de Carlo che de Filippo e quando arrivano delle carte che incriminano Carlo, Rodrigo se le mette in tasca e allora Filippo si incazza e lo fa ammazza’. Nel frattempo ce sta ‘na zoccola cecata da un occhio che è pure principessa che accusa la Betta de scopa’ co’ Carlo perché è gelosa che Carlo se lo vorrebbe fa’ lei, e intanto tira dei sissignori con l’inghiotto pure a Filippo (sotto il tavolo fratino dove Filippo canta ellagiammaimamo’ coi crocefissi e le candele accese). Continua a leggere