I racconti di Hoffmann

I Racconti de Offa so’ un po’ come un firme de Fellini, che uno ce va e dice ammazza, bello, peccato che nun c’ho capito un cazzo, e allora ariva quello esperto de Fellini e te dice “che ce volevi capi’? E’ come un sogno, che li sogni tua ciànno ‘na loggica? No. E allora godite er sogno e nun sta’ a rompe li cojoni”. Nei Racconti de Offa uguale, che difatti è tutto ‘n viaggio tra le donne che nun se capisce che vor di’ però e bello, che poi c’è chi dice che le donne che Offa incontra so’ sempre la stessa c’è chi dice che so’ tre diverse e anche la faccenna che Offenbach c’è morto sopra e non l’ha finita ha aiutato pe’ la scesa perché ognuno la finisce come je pare, ce stanno più versioni de Offa che Cristi su la croce.

Continua a leggere

Annunci

Lucia di Lammermoor

luciaAllora dovete sape’ che c’è stato ‘n periodo indove che li compositori e li libbrettisti avevano fatto la bella pensata de fa’ impazzi’ li soprani, no ner senso che se le volevano porta’ a letto (oddio, pure, ma er teatro, se sa) ma ner senso che alla fine dell’opera le facevano parti’ de brocca così quelle cominciavano a ‘nfila’ ‘na sfirza de sopracuti a cazzo che spesso ce ne mettevano pure de più de quelli che erano scritti che ar compositore che je frega tanto so’ matta, perché volevano fa’ vede quant’erano brave e poi ar pubbrico er foco d’artificio j’è sempre piaciuto, anvedi quanto sale, ma che nota sarà boh, certo che è brava, mai come quell’artra, quell’artra chi, la greca, ma è morta, e che vor di’, ah, vabbè. Una de le matte più famose è Lucia de Lammermoor, che sarebbe ‘na ‘mbecille che già sana de suo nun era perché vedeva li fantasmi dapertutto, figurete come diventa quanno je fanno sposa’ er tenore sbajato.

Continua a leggere

Il barbiere di Siviglia

rosina_1024

“Uh che palle, mo’ ce racconta er barbiere de Sivija, ce lo sapemo, figarofigaro, mmmma, mmmmasemmitoccano, e ‘nnamo, dicce quarche cosa de novo!”. Ah ce lo sapete, allora ariccontatemela voi. Ecco, lo vedete che nun sapete un cazzo? Allora boni e zitti che mo’ ve racconto. Dunque ce stava una che se chiamava Rosina che j’erano morti er padre e la madre e quinni vive co’ uno che je fa da tutore, ‘no stronzo che se chiama Don Bartolo (no, nun è prete), e se so’ trasferiti da poco a Sivija. Mo’ siccome a Sivija Bartolo nun conosceva gnisuno, e consideranno er fatto che era uno sospettoso de suo, la Rosina la teneva chiusa a chiave pe’ paura che quarcuno se la portasse via, mica perché era innammorato ma perché je s’era magnato tutti li sordi e se la voleva sposa’ lui così gnisuno se ne sarebbe accorto. Lo sapevate questo?

Continua a leggere

Suor Angelica

Tirate fori li fazzoletti perché ve sto pe aricconta’ la trama de un opera che si nun piagni sei un bojaccia: Suor Angelica. Allora, antefatto: ce stava ‘sta pischella ricca, nobbile, ma nobbilenobbile, principessa che se lo fa sbatte dentro da uno e rimane incinta. Quella stronza della zia, principessa pure lei, ma che probabirmente de cazzo in vita sua aveva visto giusto quello de li puttini sopra all’artare, siccome che li genitori de ‘sta pischella ereno morti e lei era responsabbile, la pija e la fa monaca’. Fine dell’antefatto. Mo drento ar convento questa ce stava da sette anni e era diventata la sòra infermiera, che ognuno che ciaveva un malessere, n’alitosi, n’urcera, ‘na gotta, ‘n’artrite, ‘na diarrea, li baffi, insomma tutte quelle malattie che cianno le sore annava da lei e je diceva aho’ sto male e lei je dava sempre una ricetta bbona fatta co’ ‘li fiori. Un ber giorno escheno tutte le moniche dalla chiesa indove che pregavano e so’ tutte un friccico perché è uno de li du’ giorni dell’anno in cui er sole je filtra ner chiostro, sbatte sull’acqua e la fa’ diventà dorata. Pe’ di’ quanto se potevano diverti’ in quer convento. Continua a leggere

I Lombardi Alla Prima Crociata

all the single ladiesSiccome che me sa tanto che stamo pe’ rianna’ in guera, me pare appropriato ariccontavve la trama dei Lombardi alla Prima Crociata, che sarebbe dove se so’ inventati che pe’ anna’ a pija li quatrini der mediorente bastava dì diolovòle e gnisuno ciaveva più gnente da di’. A me ‘st’opera me piace un casino pe’ ‘na serie de bboni motivi: er primo che cambia un sacco de lochescion, e quinni nun fai a tempo a capi’ ‘ndo cazzo stai che già stai da n’antra parte, er seconno che ce sta un sacco de cori, e er terzo è che c’è un sacco de bbella musica drento. Allora se comincia che stamo a Milano e ce stanno du’ fratelli che doppo che aveveno litigato pe ‘na fica ‘n sacco de tempo fa, mbè oggi fanno la pace davanti a tutti. E difatti er coro dice “anvedi hanno fatto pace, che carucci, tu te fidi?, io no” e ciavevano raggione perché Arvino era bbono ma Pagano era stronzo, come Romolo e Remo.

Continua a leggere

Al Gran Sole Carico d’Amore

Oggi parlamo de un’opera de quelle che piaciono tanto ai melomani, Ar Gran Sole Carico d’Amore de Luiggi Nono, che non era un papa era un compositore de musica contemporanea parecchio de sinistra che annava de moda insieme a un ber po’ d’artri compositori fino a quanno s’è sciorto er Piccì, che in quer periodo pare che si nun sentivi quella musica lì nun capivi un cazzo, e difatti li melomani cianno pure provato a annacce a sentilla ma sinceramente, co’ tutta la bbona volontà, nun je l’hanno potuta fa’. Er probrema è che l’orecchio medio s’è abbituato ar sistema temperato, quello co’ la scala doremifasollasi che te fa l’accordo maggiore e ridi e quello minore e piagni, mentre questi dicevano “e che cazzo, adopramo pure li tasti neri no?” e se so’ inventati la scala dododiesisrerediesismifafadiesissolsoldiesislaladiesissi che cià dodici soni e se chiama dodecafonia.

Continua a leggere

Iris

Irise è ‘n’opera de Mascagni de quelle che le conoscono in pochi grazie a dio, che se mette in scena ‘na vorta ogni tanto a beneficio de li soprani che ancora devo capi’ perché la vonno canta’, forse ciavranno avuto un trauma da ragazzine, boh, io nun me lo spiego. Cioè, nun è che è proprio brutta, intennemose: è che si l’hai sentita o meno nun te cambia un cazzo, a parte l’inno ar sole che se uno s’aricorda quanto l’hanno adoprato li fascisti se tocca immediatamente li cojoni. Mo’ ve racconto che succede, anche se a ariva’ a favve ride quanto le note scritte da Illica nel libbretto me sa che nun je la fo, ma provamoce. Continua a leggere