Cenerentola

“Hai finito de canta’? Va a pulì’ casa invece de sta a fa’ la Callas!” je fanno le sorellastre a Cenerentola, che poi se chiama Angelina ma siccome passa la vita a buco punzone co’ la capoccia su pe’ ‘l camino a pulì s’è ritrovata quer soprannome lì e ce la chiamano tutti. Angelina sarebbe la fijastra de un Barone che s’era rimorchiato la madre quann’era rimasta vedova, esso aveva seppellito pure quella e era rimasto dentro casa co’ du’ fije che avrebbero potuto fa’ le veline da quant’erano stupide e co Angelina, appunto, che je faceva da serva. Senonché un giorno ariva er Principe in persona dentro casa che stava a cerca’ moje, solo che la cercava travestito da servo perché li signori so’ stravaganti, e come vede Cenerentola ce casca come un fico e comincia a faje le lontananze. E je fa “mo’ guarda che ariva er Principe”. E difatti ariva Dandini, er servo vero, travestito da Principe che dice “ho scopato come un riccio, ma mo’ me vojo sposa’, stasera do un ballo, sete tutti invitati.”. Le veline se bagnano e cominciano a fasse sotto. Mo’ pure Cenerentola vorebbe balla’, perfino er maestro der Principe (che già aveva provato a dì che Angelina era la fija der Barone, ma j’era annata buca) prova a daje ‘na mano ma er Barone se mette de mezzo e je dice “che stai a fa’? Nun ciai niente da puli’? Va a scopa’, va.” e allora se ne vanno tutti. Lei ce resta demmerda, ma quanno fa pe annassene er maestro der principe je fa “senti bella, visto che quanno prima so’ arivato vestito da mendicante m’hai dato da magna’, mo vieni ar ballo con me e non rompe li cojoni”.
Embè stanno a balla’, e mentre che le du’ veline vonno fa’ un triangolo cor finto Principe, er principe vero se innamora de una che è arivata ar ballo strafiga e misteriosa (che poi è sempre Cenerentola, sappiatelo donne che bastano du’ colpi de’ fard e un tacco alto che pure la più cozza quarche cosa rimorchia). Lei com’era arivata scompare, però prima je dice ar principe “tiè, questo è un braccialetto, quest’altro fa pendant, ariportamelo ” L’autore della favola aveva detto una scarpetta, ma siccome poi doppo er principe (che è tenore) ce canta un’aria cor braccialetto in mano, francamente penso che Rossini er tenore a canta’ co’ in mano ‘na ciavatta non ce lo vedeva. Esso allora je dice a Dandini ” io mo’ ariso’ il principe, tu arisei il servo”. Insomma vanno a cerca’ ‘sto braccialetto, e je se ribarta er calessino proprio davanti a casa de Cenerentola, entrano e esso vede essa che sta a buco punzone, la tira sù, vede er braccialetto, dice sei tu? “E tu sei principe?” fa Cenerentola? “Fregna!”. Nun ve dico quanto ce restano demmerda er Barone co’ le veline. E insomma lieto fine, Cenerentola diventa reggina e alla famija je fa “nun ve cacate sotto, io so’ bona e ve perdono. Mo’ levateve de mezzo che devo canta’ una cosa, e la canto lunga quanto me pare perché mo’ so’ reggina e vojo proprio vede’ se me dite che quando canto ve rompete er cazzo”. E se mette a fa’ la Callas. Sipario.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...