Tosca

tosca_1024

“Nun te la do, è inutile che insisti” je fa Tosca a Scarpia, “nun te l’ho data ieri e nun te la do oggi, ma come te lo devo dì che me fai schifo, che si te vedo vommito, che piuttosto che dalla a te me la cucio?”. Vabbè, dice Scarpia, e io t’ammazzo er fidanzato che sta nelle celle qua sotto co’ ‘na corda intorno alla capoccia che basta che schiocco un dito e je danno una de quelle girate che je schizza er cervelletto. “Fammece pensa’ un attimo’ “, je dice Tosca.
Che poi tutto questo non sarebbe successo se Tosca Floria, ‘na cantante de successo, non fosse stata gelosa marcia de ‘na donna che er su’ fidanzato giacobbino, Cavaradossi Mario, aveva dipinto co’ le zinne de fori su un artare de Sant’Andrea de la Valle. Fatto ‘sta che ‘na mattina Floria je piomba in chiesa e je fa “embe’, chi sarebbe quer mignottone bionno?” Maddalena, je fa Mario. “Maddalena un cazzo, quella è l’Attavanti”, che sarebbe poi ‘na marchesa sorella de tale Angelotti Cesare, giacobbino pure lui, che era scappato de carcere la mattina e s’era inguattato ne la cappella de famija proprio ne la stessa chiesa. La Floria nun ce vede più, dice sei un infame, no so’ un’artista, nun me ami, sì che te amo, me piace tutto de te, l’occhi, le mano (de quelle ne riparlamo dopo) tutto me piace. “Te credo” je dice Tosca, e poi je fa “senti, io stasera devo canta’ ‘na cosa pe’ la reggina poi se vedemo a casetta tua fori porta e je damo giù”. Appena Tosca se ne va sorte fori Angelotti e Mario je dice vatte annisconne a casa mia, pero’ vèstite da donna si no te sgamano. Esso esce ma je casca un ventajo co’ lo stemma de la sorella, che poi ‘sto ventajo lo trova dopo Scarpia, er capo della polizia, e pensa “mo’ fo’ ingelosì’ Tosca e vedemo se riesco a scopriì ‘ndo se inguatta Angelotti”. E difatti Tosca quanno vede er ventajo dell’Attavanti ce resta de mmerda e scappa verso la villa de campagna, i poliziotti la seguono e arestano Mario pe’ fasse dì ‘ndo sta Angelotti ma quello gnente, muto e se fa tortura’ piuttosto che dijelo.
E quinni stamo co’ lui in carcere e lei che ce sta a pensa’. Intanto pe’ mettese a paro la coscienza e cerca’ de nun dajela a Scarpia, ar primo strillo de Mario je dice che Angelotti sta anniscosto in un pozzo, poi quanno dopo un po’ ariva la notizia che Angelotti s’è ammazzato lei dice “oddio signore, co’ tutto er bene che ho fatto nun te potresti da’ ‘na mossa? No eh? Allora me sa che me tocca de dajela”. Se fa promette la salvezza pe’ Mario e pure un passaporto pe’ annassene, ma mentre che Scarpia se sta a fa’ la punta ar cazzo, Tosca pija un cortello e lo sventra come a Cesare. Poi, siccome è tanto de chiesa, je mette du’ cannele e un crocefisso come a un funerale, pija er passaporto e va a trova’ Mario suo a Castel Sant’Angelo che lo devono fucila’.
Esso sta a canta’ ‘na cosa tipo “che fregatura moriììììì” quanno ariva Tosca co’ le mani zozze de sangue e dice “‘mbe’, e mo’ so’giacobbina pure io: ho ammazzato Scarpia” e lui anvedi le mano, quanto so’ belle ‘ste mano, sanno fa l’elemosina e sanno ammazza’, chissà quante cosa sanno fa’ ‘ste mano. E essa je dice “a Ma’, guarda che te fucilano a salve: me so’ messa d’accordo co’ Scarpia prima de sventrallo. Tranquillo, non gliel’ ho data.” A salve un cazzo, perché Scarpia era un fijo de ‘na mignotta che nun manteneva le promesse, e infatti quanno je sparano a Mario quello prima ce rimane de mmerda e poi more. Tosca se butta da Castel Sant’Angelo e dice ” A Sca’, sto a ariva’, se te incontro so’ cazzi tua”. Sipario.

Annunci

One thought on “Tosca

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...