Mosè in Egitto

MosèPe’ capì bene ‘sta trama, anzitutto ve dovete scorda’ Ciarlton Eston e li dieci comannamenti che se no ve incasinate, perché questa è ‘na storia libberamente tratta da la Bibbia, ma poi er libbrettista ha fatto un po’ er cazzo che je pareva. Dunque, tutta la storia gira intorno alla verga de Mosè, che come che je dava ‘na sgrullata succedeva sempre quarche cosa de brutto pe’ll antri e de bono pe’ gli Ebbrei. Siccome che ereno tutti schiavi der Faraone, Mosè se smaneggia la verga e je manna la piaga nummero nove, ossia er buio, l’altre otto ve le dovete immagina’ perché Rossini ariva ar punto, mica è Wagner che v’avrebbe ariccontato pure li broccoli che s’era magnato a Natale, ‘ndo l’aveva comprati, come se l’era cotti e er punto de colore de la merda che aveva fatto doppo. Gli Eggizziani se spaventeno e libberano gli Ebbrei, senonché ariva er tenore e dice noooo, io so’ innammorato de un’ebbrea che se chiama Elcia e col cazzo che li fo parti’, e se mette d’accordo pe’ organizza’ una rivorta cittadina contro er faraone. Er Faraone se caca sotto e dice, vabbè, nun partite più. Gli ebbrei ce restano de mmerda, ma Mosè da n’antra smucinata alla verga e piovono li furmini e viè giù ‘na granninata, che sarebbero du’ piaghe precedenti a quella de prima ne la Bibbia, ma ve l’ho detto che er libbrettista qui fa de testa sua. Mo’ ner frattempo Faraone c’ha ripensato e li fa’ riparti’, e intanto je dice a su fijo er tenore de sposasse un’armena e de piantalla de rompe li cojoni. Ma er tenore nicchia e vole Ercia. Mentre che gli ebbrei stavano a rifa’ le valigge ariecchete Faraone che dice “stop, nun se parte più che c’ho un casino alla frontiera che la metà basta”. Gli Ebbrei dicheno “Ah sì? A Mosè, tira un po’ fori la verga”, du’ smucinate e all’Eggitto je morono tutti i primoggeniti, ma stavorta l’aresteno, co’ tutti li carcerati che non vedevano l’ora de gioca’ co’ la verga de Mosè. Mo’ ariva Elcia che c’ha avuto un’idea geniale: va dar faraone e je dice senti, se te levassi de mezzo, ce libberassi a tutti e facessi governa’ tu fijo er tenore? Senonchè er tenore, che se chiama Osiride, se mette de mezzo, je dice che nun se ne parla neanche, ma se vede che in carcere Mosè se stava a smanettà la verga perché ariva un furmine e er tenore more stecchito. Gli Ebbrei fanno pe’ annassene e stanno sur mar rosso, ariva l’esercito eggiziano, zumzumzum co’ la verga in mano e l’acqua der mare se apre, passano gli ebbrei, n’antro zumzumzum, er mare se richiude e l’esercito ce resta de mmerda giusto er tempo de mori’ affogato, e tutti l’ebbrei cantano “ammazza quant’è bono er dio nostro, ha fatto proprio ‘na carneficina. Da ‘sta trama se capisce un concetto solo: se imparate a smucina’ bene la verga ve possono veni’ un sacco de soddisfazioni. Sipario.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...