Pagliacci

Allora ce stava uno che se chiamava Sirvio (boni!) che s’era incapricciato de n’attricetta de mezza tacca e se la voleva porta’ via (boni, v’ho detto!) e lei, che se chiamava Nedda, ce stava pure, ma er problema era che ‘sta Nedda era la moje de Canio, er capocomico de ‘na compagnia de giro. Dentro ‘sta compagnia ce stava pure uno che se chiamava Tonio, brutto come la fame e pure gobbo, oppure scemo, lì dipende da quello che vole fa’ er reggista. In genere dicono gobbo perché è più facile: se ar cantante je dici che deve fa’ lo scemo c’è caso che nella recitazione non je cambi un cazzo. Insomma dicevamo de ‘sta Nedda che era una che l’ucelli je piaceveno eccome, tant’è che je canta pure ‘na canzonetta che dice “anvedi quanti ucelli, quanto so’ belli, ma ‘ndo cazzo volerete ahò.” Mo’ Tonio ce vole prova’ co’ Nedda, che siccome che ce lo sapeva de Sirvio dice ‘mbè, questa è mignotta, voi vede che ce scajo quarche cosa pure io. Ma Nedda je fa ‘na risata in faccia e je sputa pure. Tonio ce rimane demmerda ma giura de vennicasse. Mentre che Nedda sta a pomicia’ co’ Sirvio, ma gnente rapporti sessuali solo qualche struscio (boniiii!) Tonio va da Canio e je dice “guarda un po’ tu’ moje”: E come ce deve resta’ Canio? Demmerda, difatti se dispera e dice anvedi che vita der cazzo, io mo’ devo anna’ in scena, me metterei a piagne ma devo ride, questa de dove’ ride a tutti i costi è ‘na condanna, insomma le stesse cose che dice pure Rigoletto ma la musica è n’antra. E difatti vanno in scena e fanno tutta ‘na pantomima de Arlecchino e Colombina e Pajaccio (che sarebbe Canio) che vedi caso parla propio der fatto che Pajaccio c’ha le corna. Arivati ar dunque Canio dice aho’, basta recita’, a ‘nfame, t’ho tirato su dalla fanga, non eri gnisuno, a zozza, dimme er nome de quello che te stavi a pomicià. Ammazzeme ma non te lo dico, je fa Nedda, Te servo subbito, fa Canio, e l’accortella. Allora Nedda dice “Sirvio, questo m’ha ammazzata sur serio, li mortacci sua!” Sirvio a quer punto scatta dalla platea, che stava a vede lo spettacolo, pe’ daje ‘na mano ma Canio accortella pure lui e poi dice “la commedia è finita” pure se la dovrebbe di’ Tonio da spartito e ciavrebbe tutto un antro significato, ma er tenore, se sa. Insomma pe’ riassume: stavano tutti bene, erano tutti felici e contenti e mo’ è annato tutto a puttane perché Sirvio non è stato capace de tenesse er cazzo nelle mutanne (vabbè, mo’ scatenateve). Sipario.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...