Simon Boccanegra

Me presento, so’ Maria Amelia Fieschi Grimaldi Boccanegra e tra un po’ pure Adorno: so’ una nessuna e centomila, a me Pirandello me fa’ ‘na pippa. Er fatto è che io sarei la fija illegittima de Simone Boccanegra che s’era scopato a mamma prima der matrimonio, e siccome nonno mio pe’ sto fatto c’è annato in puzza, papà m’ha anniscosta da ‘na vecchia che abitava da le parti de Pisa. Mo’ un bel giorno papa’ mio va a trova’ mamma Fieschi e incontra nonno che je fa “‘ndo sta mi’ nipote?” “Morammazzato se te lo dico” je fa papà, ma nun sapeva che nonno j’aveva preparato un bello scherzetto. Difatti quanno Simone va a trova’ mamma Maria (se chiamava come me, pe’ comprica’ le cose) la trova morta, ce resta de merda ma poi arriva uno che se chiama Paolo Albiani che je dice a papà che l’hanno fatto dogge. E così un bel giorno me l’aritrovo a casa mia perché Paolo me se voleva ingroppa’ e soprattutto perché i mi’ fratelli Grimardi erano nemici sua. Dice, ma come Grimardi? Un momento che ve spiego: la vecchia de Pisa era morta e io ero rimasta sola come ‘na cagna, i Grimardi m’hanno trovato e siccome nun parlavo ancora m’hanno chiamato Amelia, e mo’ so’ Amelia Grimardi. Insomma er dogge ariva, me perdona li fratelli e me fa un sacco de domanne, e così scoprimo che era mi’ padre e io imparo pure che me chiamo Maria come mi’ madre, ma lui dice “però nu lo dimo a nessuno”, eh, certo, non sia mai se chiarisce troppo la trama. Papà je dice a Paolo de levammese dalla testa, lui ce resta demmerda e dice “te fo’ vede io”.E difatti me fa’ rapi’ da un fijo de ‘na mignotta che meno male che Gabriele Adorno, er fidanzato mio, me l’ha ammazzato in tempo in tempo. Ma Gabriele è tenore e quindi pensa che sia stato Simone a famme rapi’, e allora me ce so’ dovuta mette de mezzo io a chiari’ le cose almeno pe ‘l palcoscenico, perché in platea già a ‘sto punto non ce stanno più a capi’ un cazzo. Papà se incazza come una iena prima cor popolo e je dice “sete bbestie, pensate solo a litiga’” e poi co’ Paolo Albiani, tanto che je manna ‘na maledizione indiretta e se sa che in opera le maledizioni so’ cose serie. A ‘sto punto Paolo dice a Fiesco : “te sta sur cazzo a te, me sta sur cazzo a me, ammazzamolo” ma Fiesco j’arisponne a ‘nfame, a pezzo de mmerda, co’ chi credi de sta a parla’. Allora, dice Paolo, rivorgemose all’anello debbole: va dar tenore e je dice che Simone è innammorato de me, e quer cojone ce crede e se incazza abbestia. Però siccome Paolo der tenore non se fida, pija e avvelena un bicchiere d’acqua che se doveva beve Simone. Io vo da papà e je dico che so’ innamorata de Gabbriele, che era pure nemico suo, e lui dice vabbè, che nun se farebbe pe i fiji, sposatelo, e intanto beve e s’abbiocca. Gabbriele ariva e tenta de pugnalallo ma io arivo come ‘na forgore e je dico “è papà mio”, sì, mo sta a vede’ che è papà tuo, “a Gabbrie’, lo so che sei tenore e la trama è compricata ma è papà mio, stacce”. Intanto Paolo è condannato a morte, uno de meno. Simone incontra nonno Fiesco e fanno pace perché lui je dice che Maria (no la fija, la nipote) so’ io. Tutti a piagne, tutti a volesse bene. Papà sta pe’ morì, ce sposa, dice a Fiesco de fa’ dogge a Gabriele (anvedi, so’ dogaressa!), e poi more, ma l’ultima cosa che dice prima de morì è “Maria”. Sta a parla’ a me? Sta a parla’ a mi’ madre? Sta a parla’ alla Madonna? Boh, me sa che a ‘sto punto non ciò capito un cazzo manco io. Sipario.

Annunci

3 thoughts on “Simon Boccanegra

  1. Pingback: Buon compleanno, Peppino! | Quelle trame svelate

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...