Carmen

Sor delegato mio, nun so’ un boiaccia, fateme scioje, v’aricconto tutto.
Abbitavamo là ar paesello nostro, io, co’ mi madre e pure Micaela, ‘na bionna slavata che però visto che er paese era piccolo passava pe’ na gran fica. ‘Mbè insomma io e Micaela se fidanzamo: essa pe’ vole bene me voleva bene però che piattola, sor delegato mio, me pareva de senti’ mi’ madre. Senonché grazie a dio me trasferiscono de reggimento e finisco a Sivija, che Micaela la vedevo ‘na settimana sì e una no quanno veniva giù cor torpedone e le maje de lana che me mannava mi’ madre. Un giorno che ero de ronda, sor delegato mio, me se para davanti un chilometro de fica che me tira un fiore. E chi c’ha visto più? Sor delega’, io so’ de paese, a le mignotte nun ce semo abbituati. Gnente, me ‘nnamoro, soprattutto dopo che l’ho vista mena’ ‘na collega pe’ ‘no screzio de donne: ‘na gatta sor delega’. ‘Na pantera! L’aresto e questa mentre la lego nun me struscia le mano sur pacco mentre m’aricconta tutto quello che me potrebbe fa’? Che deve fa n’omo? L’ho libberata, e per questo c’ho fatto pure la galera, voi ce lo sapete. Appena esco l’aricontro, volevo fa’ robba, j’ho pure fatto vede’ che m’ero tenuto er fiore suo e j’ho detto che in carcere me c’ero spremuto de pippe, però a un certo punto me sona la ritirata e devo rientrà. Quella me monta un casino, sor delegato mio, dice che nun so’ innammorato, che se l’amavo dovevo disertà e famme contrabbandiere. Nun je dico quanto ce so’ rimasto demmerda, sor Delega’. Però poi ahò, ‘ndo la trovo una come questa, me so’ fatto contrabbandiere e ciccia. Me portano in un ritrovo segreto in mezzo a le montagne e un bel giorno me piomba Micaela, alla faccia der ritrovo segreto, che me dice che mamma è morta. Mamma! Mamma mia! “Va’ da mamma va” me fa Carmen. Aho’, nun c’ho visto più, soprattutto se me veniva da pensa’ che poco prima era passato de lì un torero a faje la corte. Gnente, so’ dovuto parti’. Quanno torno dar paesello nun me dicono che s’era messa cor torero? Ce so’ rimasto de mmerda, sor Delegato mio. L’amiche sue me dicevano che se n’era annata p’er bene mio, perché le carte j’avevano detto che se continuava così finivamo male tutti e due, ma che carte, è ‘na mignotta, mo’ vo a la corrida e je fo’ vede io. Dico m’ami, dice no, je dico de si, lei me dice de no, morissi ammazzata se te amo, e butta via l’anello che j’avevo regalato. Ah!!! diedi un urlo da berva e je strillai: “ah bojaccia, infamona, scellerata…tu m’hai ammazzato Mamma!”. Come ‘na jena me je buttai addosso, e j’agguantai i capelli, e misi mano ar cortello…Poi viddi tutto rosso e giù menai… menai… menai. Sipario.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...