Macbeth

Lady MacbethAmmazza che zozzo aho’, ma nun puliscono mai? Ce sta sangue dappertutto, ce sta. Sarà che mi’ marito ne ‘sta stanza c’ha sgozzato er re Duncano co’ tutte le guardie sua, ma ammazza che zozzo. Famme pija’ er Cif. Gnente, manco cor Cif viene via. Morammazzata a me e quanno do le feste che poi me tocca pulì, dice viene er re, ‘mbe’ ammazzamolo no?, j’ho detto a mi’ marito, scusa, le streghe nun t’hanno detto che diventerai re tu? Embè, accorciamo i tempi bello mio, se no qui ce famo notte. Quer cacasotto de mi’ marito gnente, va drento a la stanza ma poi torna dice aho’, e mica je l’ho fatta a fini’ er lavoro. Quanto ce rimango demmerda quanno fa così, ma chi me l’ha fatto fa’ a sposa’ ‘sto cojone? Pijo er cortello, entro e fo ‘na carneficina, comanna e fa da te sei servita come un re, appunto. Ma che c’ho su le mano?

Famme anna’ a pija’ la Kaloderma, va. Insomma so’ reggina, poi me viene in mente che le streghe j’avevano detto a mi’ marito che er fijo de Banco diventerà re pure lui. E che cazzo, tutto ‘sto lavoro pe’ gnente? Ammazzamo pure Banco cor fijo, però stavorta ce mannamo li sicari che io non vojo sta a pulì. Gnente, manco co’ la pajetta de li piatti se ne va sta macchia. Banco more ma er fijo scappa, beh, se lo saranno magnato li lupi, sti cazzi, annamo avanti, anzi famo ‘na bella festa co’ tutta la corte. A ‘sto punto a mi’ marito je parte la brocca e comincia a vede’ fantasmi dappertutto, a fa’ la matta in mezzo all’invitati che nun ve dico quanto ce so’ rimasti demmerda, meno male che so’ arivata io a canta’ ‘na strofetta pe’ stempera’ un po’ er clima, che modestamente quanno me ce metto e si è serata c’ho pure i sovracuti, ma mica lo so se ce so’ riuscita, ma del resto so’ reggina mica me possono di’ in faccia che le feste mie fanno caca’.
Madonna che urto de nervi ‘sta macchia no Macbe’? A Macbe’, busseno, chi è? Nun te preoccupa’, che tanto dice che l’unica preoccupazione tua è giusto si sse move la foresta de Birna, ce la vedi ‘na foresta che cammina, e ‘nnamo, a Macbe’, ‘nnamo t’ho detto. Uh, ‘n’antra macchia. Io me lo sento che uno de ‘sti ggiorni morirò co’ lo straccio in mano, sto sempre a pulì. Annamo Macbe’, sta tranquillo, annamo a letto che non me sento granché.

Tranquillo un cazzo. A parte che sto su li cojoni a tutti e me soridono ma se vede che me vorebbero ammazza’, a mi moje stamattina l’hanno aritrovata a pecorina che j’è presa’na sincope mentre dava lo straccio per tera, ‘na rompicojoni de meno, mo’ me pare proprio de vede’ che la foresta davanti casa s’è mossa, aho’ sarà la vecchiaia, me sa che me devo fa da’ ‘na ricontrollata all’occhi…no no, quella se move proprio. Anvedi, i sordati se so’ messi addosso le frasche! ? ‘Ste streghe de mmerda, ciaveva raggione mamma quanno diceva che annasse a fa’ predi’ er futuro so’ sordi buttati. Gnente, allora me sa che è arivato er momento mio. Devo morì. Moro. So’ morto. Quanto ce so’ rimasto demmerda.
Sipario.

Annunci

2 thoughts on “Macbeth

  1. Pingback: W Verdi, Giuseppe! | Will that be all?

  2. Pingback: Buon compleanno, Peppino! | Quelle trame svelate

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...