L’amico Fritz

L’Amico Fritze è una de quelle opere che se mettono su una vorta ogni morte de papa, pe’ fa contenta qualche abbonata vecchia, o un sovrintendente vecchio che je ricorda tanto la prima vorta che è annato in teatro, o un direttore artistico vecchio che l’aveva vista dar loggione, o un tenore che je piace da fa’ er giovanotto in scena pure se cià cinquant’anni e a guardallo pare che de ciliegie n’ha magnate abbastanza ne la vita. Sia come sia, me tocca aricconta’ la trama dell’Amico Fritz, che me potrei sbriga’ in quattro e quattr’otto dicendove che se sposeno perché a conti fatti in quest’opera nun succede davero un cazzo. Ma siccome che poi dice eh, te la voi cava’ con poco, allora scenno ner dettajo e nun ve la pijate co’ mme se poi alla fine ce restate demmerda. Allora ce stanno tre scapoli, tipo li Vitelloni, che nun fanno artro che pija’ pe’ culo er rabbino che vorebbe se sposassero tutti li maschi der paese. Fritze dice a mme le manette nun me le mette nessuno, me ce gioco ‘na vigna. Mo’ questi danno ‘na festa che è un bel rompimento de cojoni un po’ pe’ tutti, l’unica cosa bona che succede è che ariva la fija der contadino, ‘na sorchetta che se chiama Suzel, che da’ a Fritze un mazzetto de fiori, dice’ “so’ pochi, ma io questi ho trovato” punto. Fritze se invaghisce de questa che però se deve sposa’ un antro, e quanno lei je lo dice a Fritze quello se incazza e dice, no, te amo io, e se sposeno. Er rabbino se pija la vigna ma la regala a Suzel, segno che tanto giudìo alla fine nun doveva esse. Basta, finito, cioè, l’ho pure allungata tanto eh? Vabbè poi ce sta Beppe che è un travestito che sona er violino ma che nella trama nun c’entra un cazzo, un coro de orfanelli che piaciono tanto alle mamme perché l’infanzia, se sa, spreme la lacrimuccia e er bambino in scena fa sempre successo, bestie e regazzini più ce ne so’ più er pubblico fa “oooooooh”, ce stanno loro che magnano le ciliegge, guarda quanto’ so’ belle, ne voi una, sì, mmmmm bone, anvedi…Rega’, questo è, non è che me posso inventà quello che nun c’è. Pensa che pure er libbrettista ha firmato co ‘no pseudonimo, segno che un pochetto se vergognava pure lui. Dice “‘mbè, ma nun capisci, è rivoluzzionaria, è ‘no spaccato de vita quotidiana, te racconta un pezzetto de la vita de tutti li ggiorni”. Aaaaa moretto, e io me rompo già tanto li cojoni co’ la mia de vita, armeno in teatro invece de famme vede’ la vita mia famme’ sogna’ no? Tira giù er sipario, va, che devo anna’ a vede’ centovetrine.

Annunci

One thought on “L’amico Fritz

  1. Quanno a Trieste, quarche anno fa, fecero la cazzata de mette’ su ‘sta stronzata, er soprano era pure una cana secca che je pareva d’esse’ ‘sto cazzo. Mo’ me ne torno ad ascolta’ er Ringhe.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...