Maria Stuarda

maria-e-bettaOggi ve parlo de Maria Stuarda, un’opera de Donizzetti che però prima l’aveva fatta pure Mercadante ma j’era annata buca perché quanno l’ha scritta Donizzetti è come se j’avesse detto “bravo, mo’ levete” e infatti quella de Mercadante nun la conosce più nessuno e pure Mercadante non è che se je lo chiedi a mi’ nonna te dice chi è. Insomma la storia è para para a quella de Sciller, che te dice che la Stuarda era bbona e Elisabbetta era ‘na stronza solo perché la Stuarda era cattolica e Elisabbetta no. Mo’ ‘ste due erano cuggine ma se staveno reciprocamente sur cazzo, tanto che la Stuarda era finita in galera e il giorno indove che Elisabbetta dice che se vole sposà ariva Talbot e dice libberala, ma la reggina dice “cor cazzo, se ne resta in galera” anche perché so’ innamorate dello stesso omo, Lester o Leisester o Leicester a seconda de come preferite pronunciallo.

Poi Donizzetti ce fa’ vede’ ‘sto castello indove è rinchiusa la Stuarda, che esce dar portone subbito e canta le previsioni del tempo, e intanto se scopre che Leseste aveva fatto in modo che le du’ cuggine se incontrassero. E allora se incontrano e mentre Stuarda spera de ingrazziasse la reggina dicendoje quanto sei fica aho’, anvedi quanto stai bene, famo pace, Elisabbetta, ‘sta stronza, je fa “ma ‘ndo vai, a cozza?”. La Stuarda ce rimane demmerda e allora giù “‘sta mignooootta, ‘sta fija de ‘na mignoooootttaa, ‘sto mignottone pittatoooo, te sfregggiooooo, a bastaaaardaaaa”. ‘Na lite che manco tra du’ trans. Elisabbetta pure ce rimane demmerda ma siccome è reggina, la Stuarda torna in galera, e Elisabbetta la vorrebbe pure scapoccià, ma dice in fonno è mi’ cuggina, e ‘nnamo, ciavemo lo stesso sangue, e proprio mentre era ben disposta arriva Levete e lei se ingelosisce e la fa scapoccia’. Ner castello la Stuarda se confessa co’ Talbot che mo’ se scopre che è pure cattolico e pure prete, e lei che era tanto de chiesa je pija la ruzza e prima de mori’ ringrazia orchestra e coro pe’ la collaborazzione e se canta praticamente tutto er messale, che se la cantante è brava è un godimento pe’ tutti, ma se è minimamente cagna allora stavorta è er pubblico che ce rimane tanto, ma tanto, demmerda, tanto che nun vede l’ora che la scapocciano. Sipario.

Annunci

One thought on “Maria Stuarda

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...