La bohème

Dunque ce staveno quattro morti de fame che abbitavano drento a ‘na soffitta de Pariggi, uno faceva er pittore, uno er poeta, uno er filosofo e uno er musicista, dunque in sostanza nessuno faceva un cazzo de utile ne la vita, e la viggilia de natale er musicista aveva appena guadagnato quattro sordi e dice ‘mbè, annamoseli a sputtanà ar bar qua sotto, vabbè annamo. Er poeta dice annate avanti voi che io ciò da fa’, ve raggiungo. Come questi se ne vanno je bussa la tisica der piano de sopra, morta de fame pure lei, che je s’era spenta la cannela e se mettono a chiacchierà, che fai, io li fiori de carta e tu?, io le poesie, ‘mbè sostanziarmente nessuno de noi due fa un cazzo, direi de no, oddio me sento male, e mo’ come fo?, mo’ me sento mejo io me chiamo Mimì in realtà Lucia, io so’ Rodolfo e basta vabbè m’aspettano l’amici mia, posso veni’ co’ te?, basta che dopo me la dai, po’ esse, annamo, fine primo atto.
Stamo ar bare, un casino de la madonna, ce stanno pure li regazzini che vonno li giocattoli, la banda de paese, tutta Pariggi, arivano Mimì co’ Rodolfo che lei svérta s’era già fatta comprà ‘na cuffietta e ce prova pure a fasse rigalà ‘na collanina ma Rodolfo dice “te la compro se more mi’ zio, tu intanto vedi de dammela e ne riparlamo”, e se mettono tutti seduti a magna’. Senonché a un certo punto ariva quella mignotta de Musetta cor protettore suo e ar pittore Marcello che je l’aveva precedentemente infilato in tutti i buchi je vie’ ‘no sbocco de sangue. Musetta canta ‘na robba che dice “quanno vo’ pe’ strada da sola è difficile che nun torni a casa accompagnata”, Marcello se incazza e se la va a ripija’, s’arimettono assieme e Musetta, che era ‘na grande mignotta, fa paga’ er conto de tutti ar protettore suo prima de lasciallo, inutile di’ che questo ce rimane demmerda, fine secondo atto che se c’è er direttore scarso se sente la banda che va da ‘na parte, l’orchestra da quell’altra, i solisti pe’ cazzi loro e er coro a puttane.
Mo’ ner terzo atto Musetta e Marcello stanno assieme che lui sta a pitta’ er muro de ‘na bottega dove che ce dorme pure Rodolfo perché aveva sdimiciato co’ Mimi’. Questa ariva e dice ahò, quello m’ha lasciato, ma com’è?, boh me tratta male, ma che è ‘sta tosse, boh avrò preso freddo, vabbè vo a chiama’ Rodorfo, io me inguatto che nun me vojo fa vede. Ariva Rodorfo e Marcello je dice “ma com’è che te sei lassato?” e Rodorfo dice è ‘na mignotta, fa vede er culo a tutti, no, nun è vero, so’ io che me so’ cacato sotto perchè me sa che è tisica e non m’ariva a natale prossimo. Mimì ce resta demmerda “Oddio, so’ tisica, ecco che era ‘sta tosse”, amore mio scuseme, no scuseme tu, senti famo ‘na cosa visto che semo poveretti stamo insieme fino a primavera che se non artro co’ sto freddo se scallamo, me pare ‘na bona idea, quanto te amo, pure io. Solo che mentre se stanno a di’ ste cose Marcello e Musetta se lasciano perché essa continuava a fa’ la mignotta sur serio mica come Mimì, e difatti se ne dicono de tutti i colori “a ‘mbianchinoooooooo” “a bastardaaaaaaaaa” mentre quell’altri due stanno a pomicia’ a favore de pubbrico e l’atto finisce co ‘no “zazzà” de Puccini che te fa presagi’ che va tutto a fini’ male.
E difatti aritornamo nella soffitta che mentre ‘sti quattro stanno a fa’ i cretini ariva Musetta e dice “ahò, ce sta Mimì de sotto che nun se sente bbene, è da quanno ha infilato er portone che scatarra” oddio fa er tenore, la vanno a pija’ e la mettono sur letto. Essa co’ tutto che more dice “vedemo se ce scajo quarche cosa” e fa ammazza che freddo, non è che ciavreste un manicotto, ‘sta zoccola, nun poteva chiede ‘na coperta? Vabbè, Musetta dice, magari è l’urtimo desiderio, che ne sai, io me vo’ a venne li gioielli, Marcello va a pija’ ‘na cosa in farmacia, er filosofo se impegna er cappotto, insomma ognuno se renne utile tranne er tenore, gnente de novo sotto ar sole. Rodorfo resta co’ Mimì e tutti a piagne perché se ricordano de li tempi belli, t’aricordi, sì, ma davero, sì nun senti che sto a cantà lo stesso motivetto der primo atto? segno che m’aricordo, anvedi, quanto te amo, pure io, amore mio mo’ dormi, vabbè. Tornano tutti, Musetta je da er manicotto e lei fa “uuuuuh anvedi, è un regalo de Rodorfo?”. “Sì, allora magni” pensa Musetta ma siccome quella sta a mori’ je dice “eccerto, hai visto che ber pensiero?”. So’ contenta, dice Mimì, e more. Marcello dice “mbè, come sta?” me pare bene, dice Rodorfo, s’è abbioccata. “S’è abbioccata sì”, fa er musicista, “ma me sa che questa nun se sveja più”. Rodorfo ce rimane demmerda e comincia a fa’ “mimiiiiii mimiiiiii mimiiiiii” e poi piagne tarmente forte pure si nun c’è scritto che tante vorte se fatica a senti’ l’orchestra sotto che pure de suo sta a fa’ un casino della madonna, e tutti inginocchiati a piagne, quanto se piagne, come se fa a nun piagne co’ Puccini, quello si c’era da fatte piagne lo metteva ar culo a tutti. Sipario.

Annunci

3 thoughts on “La bohème

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...