Iris

Irise è ‘n’opera de Mascagni de quelle che le conoscono in pochi grazie a dio, che se mette in scena ‘na vorta ogni tanto a beneficio de li soprani che ancora devo capi’ perché la vonno canta’, forse ciavranno avuto un trauma da ragazzine, boh, io nun me lo spiego. Cioè, nun è che è proprio brutta, intennemose: è che si l’hai sentita o meno nun te cambia un cazzo, a parte l’inno ar sole che se uno s’aricorda quanto l’hanno adoprato li fascisti se tocca immediatamente li cojoni. Mo’ ve racconto che succede, anche se a ariva’ a favve ride quanto le note scritte da Illica nel libbretto me sa che nun je la fo, ma provamoce. Allora ariva er Sole e dice “ahò svejete so’ io” e fa un casino de la madonna che uno se sveja pe’fforza, e difatti Irise se sveja e dice ho fatto un sogno brutto me s’era ammalata la bambola. Mo’ già a sto punto ‘no spettatore normale pija e se ne va, ma siccome li melomani nun so’ gente normale se ciucciano tutta ‘na scena tra lei e su’ padre cieco che se dicono hai pregato, si, prega, prego, devi prega’, eh, pregherò, subbito però, sì prego, allora prega, se t’ho detto che prego, prego!, allora mettete a prega’ che prego pure io. Mentre stanno a fa’ sta conversazione ariva uno che se chiama Osaka, vede Iris e chissà perché s’arazza, nun credo pe’ la conversazione e manco per er catalogo de Interflora che lei se mette a canta’. Er fatto è che lei era caruccia, era ‘na regazzina, ciaveva le zinne a posto e l’omo, se sa. Insomma siccome che Iris era ‘na creatura, Osaka pe’ buttajelo su se inventa de mette su’ ‘na specie de kabuki der Portonaccio e allora fanno ‘no spettacolo indove che esso fa’ er fijo der sole, e è tutta ‘na storia de una sedotta che poi more, che Iris se mette pure a commenta’ a voce alta perché evidentemente a teatro nun c’era stata mai ‘na vorta in vita sua. Alla fine dello spettacolo fanno tutta ‘na coreografia pe’ rapi’ Iris e er padre cieco, che non la trova più, ce rimane parecchio demmerda. E insomma poi essa s’aritrova a casa de Osaka che ce prova in tutti i modi, je dice perfino che ir nome suo è “Er Piacere”, esaggerato come tutti l’ommini, e essa non je l’avessero mai detto, se mette a cantà che er prete suo j’ha detto che a gode’ se more schiattati, l’aveva visto su un paravento (e noi se lamentamo della Bibbia). Osaka se comincia seriamente a rompe li cojoni, e visto che Iris non je la da’ chiama Kyoto e dice, tiè, facce quello che te pare, e questo la porta a fa’ la mignotta ar casino lì vicino, indove che ariva er padre, scopre che lei fa la mignotta, ce resta ‘n antra vorta parecchio de mmerda, la manna affanculo e se ne va. Tutto er terzo atto è lei che more. Tutto. Du’ cojoni che nun ve li racconto. In sur finale aritorna er sole co’ tutto er casino d’orchestra e i centoventi coristi e li timpani e li fiati, e seconno er libbretto “essa sente la sua anima divenire fulgida come un raggio alla voce ben nota del suo Sole che chiama” che provatece voi a fallo sulla scena, e finalmente schiatta, alé, avemo rivisto la storia der kabuki de prima, dice teatro ner teatro, ehhh non poi sape’, che voi capi’, nun capisci un cazzo, è ‘n capolavoro. Vabbè, sipario.

Annunci

2 thoughts on “Iris

  1. a parte la volgarità assolutamente inutile e quanto mai sgradevole lei non capisce la musica ,che da sola,anche senza testo può esprimere tante cose che non sono dette.Inoltre mi sembra proprio ignorante,perchè la musica dell’Iris è bella e deliziosa quella dell’Amico Friz,proprio per la suaq semplicità.Mi domando chi la paga per dire tante stupidaggini(per usare una parola “non volgare come quelle del suo vocabolario)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...