Madama Butterfly

sharpless e ciociosanLa mignotta de cui ve parlo oggi non solo è giapponese, ma è pure minorenne, e se chiama Ciociosan. Mo’ quelli tra voi che so’ iti all’estero o hanno letto du’ libbri (e pure i soprani che ce sformano quanno devono fa’ le mignotte) te diranno che non è ‘na zoccola, è ‘na gheiscia. Dice, e che è ‘na gheiscia? ‘Mbè sarebbe una che mette l’omo a suo aggio, partecipa alle cene, sa fa’ quarche cosa, te fa li massaggi e alla fine te scopa pure, cioè non è che come la vedi allarga le gambe, ce sta tutta ‘na preparazzione. Come ‘na escort? Aaaah. ‘Na mignotta, appunto. Allora ce stava ‘sta mignotta minorenne che se l’era sposata Pinkerton, uno che mannaggia a Puccini fa ir marinaio e tocca vestillo de bianco pure se in vita sua s’è magnato tutto er magnabbile,

‘n americano sbarcato a Nagasaki che s’affitta ‘sta sorchetta e je compra pure ‘na casa, solo che lei ce crede e lui no. E difatti je lo dice pure er console suo “guarda che questa ce crede” e lui dice ‘mbè, saranno pure cazzi sua, a me che me frega, io tra ‘m po’ ariparto. Ariva Ciociosan che de nome de battaja se chiamava Butterfly co’ tutta la famija e l’amici sui, un branco de disadattati, e se sposeno, ma siccome essa era pure annata in chiesa visto che ce credeva e voleva diventa’ cattolica lo zio Bonzo ariva e je dice “”a zozza, c’hai traditi a tutti, annamosene” e tutti fanno uuuuuciociosan e la lasciano sola cor marinaio. ‘Sti due rimasti soli se mettono a pomicià, che lei cià tutti ‘sti ritmi giapponesi der cazzo che non s’ariva mai ar dunque e esso invece sta già in mutande che je lo vo’ infilà, e da ‘sto duetto dove essa guarda le stelle e esso se sta a fa’ la punta ar cazzo pure lo spettatore più imbecille capisce che va tutto a fini’ male. E difatti nell’atto doppo Butterfly sta da sola co’ la Suzuki, che non è na moto è ‘na cammeriera, e stanno a aspetta’ da tre anni er ritorno de Pinkerton. Seh, aspetta e spera, je dice er console americano che l’è venuta a trova’ pe’ dije che Pinkerton s’era sposato in america arivederci e grazie. Solo che Butterfly nun je lo fa’ di’ perché appena sgama che po’ esse che l’americano nun aritorna dice “‘mbè, m’ha scordata a mme, vedemo se se scorda su’ fijo” e je fa vede’ un regazzino bionno co’ li ricci. Giustamente er console je dice “ma sei sicura che è suo” perché dovrebbe avecce tre anni ma a occhio e croce ne dimostra sempre dodici, ma Butterfly je dice “‘mbè, è bionno, cià l’occhi azzuri, co chi l’ho fatto?” e la faccenna che sia sviluppatello se spiega facile: se la madre che a ‘sto punto dell’opera dovrebbe aveccene diciotto ne dimostra in genere cinquantasei, er fijo a tre ne po’ dimostra’ dodici, stacce. E insomma er console nun je dice un cazzo e se ne va, senonché Butterfly dice ahò, ma che ariva ‘na nave, famme vede, uuuuuh, aritorna, riempimo la casa de fiori e aspettamolo che mo’ vie’ su. Se pittano, s’assestano, se mettono a aspetta’ e alla fine s’abbioccano assieme ar pubblico che già dormiva pacifico da quanno erano’ ite a coje li fiori. Ner terzo atto, mentre Butterfly è annata a piscia’ ariva Pinkerton e canta ‘n aria dove dice “nu je la posso fa’” che pe ‘mme nun c’entra un cazzo e se poteva taja’ ma dev’esse successo che er tenore voleva l’aria che nell’opera non ce n’aveva manco una, e vabbè, sai che famo?, damojela e vaffanculo. Er tenore se leva de mezzo, aritorna Butterfly e sgama finarmente che l’americano j’aveva dato du’ botte e via, e ce rimane tantissimo demmerda quanno vede ar posto de Pinkerton ‘na buciona su la porta scorevole de casa che sarebbe la vera moje de Pinkerton che era venuta a portajje via er fijo. Allora Butterfly dice “ve lo do volentieri, ma se lo deve veni’ a pija’ lui”. Entra er fijo che gioca sempre co’ le bandierine americane e la madre je fa “sei tu, sei tu, sei tu, sei tu, damme ‘no sguardo che nun m’arivedi più”. Finito ‘sto siparietto essa s’ammazza co’ la spada che ce s’era ammazzato pure su’ padre, ‘na tradizzione de famija, e quanno aritorna Pinkerton ciarimane piuttosto demmerda quanno trova Ciociosan compretamente sgricilata dentro ‘na pozza de sangue che er fijo ce poteva comodamente pure fa’ naviga’ le barchette de carta, questo perché Puccini a le donne je voleva un gran bene, se le scopava tutte ne la vita e l’ha sterminate tutte sur parcoscenico tranne la Lauretta dello Schicchi (de cui ve riparlerò) che comunque a lassalla fa’ se sarebbe ammazzata da sola. Sipario.

Annunci

6 thoughts on “Madama Butterfly

  1. Ancora una volta magnifico!!! 😀 particolari e sfumature che fanno capire che sei davvero un melomane!!! 😀

  2. Pingback: Recensione semiseria di Madama Butterfly alla Fenice di Venezia: memento Mariko Mori. | Di tanti pulpiti.

  3. Ammapete ahò… quanno l’ho fatta la Batterflai nun me so accorto de tutti ‘sti rodimenti… comunque nun è vero che l’ha sterminate tutte, se so’ sarvate pure la Magda – ‘npò mignotta anche quella – e la Minni, che ‘nvece de dalla a Topolino se la faceva co ‘na sorta de Gambadilegno de nome Ramirez.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...