I Lombardi Alla Prima Crociata

all the single ladiesSiccome che me sa tanto che stamo pe’ rianna’ in guera, me pare appropriato ariccontavve la trama dei Lombardi alla Prima Crociata, che sarebbe dove se so’ inventati che pe’ anna’ a pija li quatrini der mediorente bastava dì diolovòle e gnisuno ciaveva più gnente da di’. A me ‘st’opera me piace un casino pe’ ‘na serie de bboni motivi: er primo che cambia un sacco de lochescion, e quinni nun fai a tempo a capi’ ‘ndo cazzo stai che già stai da n’antra parte, er seconno che ce sta un sacco de cori, e er terzo è che c’è un sacco de bbella musica drento. Allora se comincia che stamo a Milano e ce stanno du’ fratelli che doppo che aveveno litigato pe ‘na fica ‘n sacco de tempo fa, mbè oggi fanno la pace davanti a tutti. E difatti er coro dice “anvedi hanno fatto pace, che carucci, tu te fidi?, io no” e ciavevano raggione perché Arvino era bbono ma Pagano era stronzo, come Romolo e Remo.

Bono sì, ma no cojone, perché manco Arvino ce credeva tanto, e su’ fija Giserda e su’ moje Vicrinda pure de meno, e lei ce lo sapeva bbene perché la fica pe’ cui avevano litigato era la sua. Insomma lo stronzo aritorna alla carica insieme all’amico suo Pirro perché vo’ ammazza’ er fratello la sera stessa, j’entra dentro casa ma smarona alla grande perché se sbaja e ammazza su’ padre. Tutti a maledillo, a sputallo, ‘sto fijo de ‘na mignotta, a ‘nfame, e lo cacceno via. Mo’ nun se sa come stamo a Antiochia in Terasanta e ce sta uno che se chiama Oronte mussurmano co’ la madre bizzoca che se chiamava Sofia, e mentre ‘sti due chiacchierano se scopre che Giserda nun se sa perché è diventata priggioniera de Oronte che siccome che è tenore s’è già bello e innammorato de Giserda che è soprano, ‘na legge da cui nun se scappa. Essa je dice te la do se te fai cristiano (ma che è, Ben Hur??) e siccome tira più un pelo de fica esso se cristianizza subbito, che ce vo’, troveme un prete. Arivìa, annamo da un’antra parte. Mo’ stamo drento de ‘na grotta che ce sta Pagano lo stronzo che mo’ è diventato bbono e lo chiammeno l’eremita che tutti l’annaveno a prega’, che sta a aspetta’ l’arivo de li cristiani. Siccome er monno è piccolo, lì vicino ce sta pure l’amico suo Pirro che s’è fatto mussurmano (ma che è, Beautiful??) che ariva ma se vede che era cambiato tanto perché nun s’ariconoscheno, e dice prega e aiuteme che dio me perdoni vojo aritorna’ cristiano, abboname ‘sta cazzata che ho fatto e ve apro le mura de Antiochia. Du’ minuti doppo ariva pure Arvino (ma che è, Carramba?) e manco questi s’ariconoscheno e je dice sarvame mi’ fija e lui je fa nun te preoccupa’ che stanotte li sgaramo.
Mo’ er libbrettista te fa vede er punto de vista dell’arabbi, che stavano a casa a fasse li cazzi loro e se so aritrovati tra li cojoni ‘st’invasati, e difatti c’è un coro che dice Allah, vedi un po’ che poi fa’. Intanto la Giserda l’hanno messa nell’harem e lei dice dio perdoname, ma me so’ innammorata de ‘n’arabbo (amore, te capisco!), quanno ariva su’ socera e dice “guarda che l’amici tua nun solo cianno sfonnato le porte ma hanno pure aperto er core a Oronte e a mi’ marito”. Nun je l’avessero mai detto, Giserda ce resta demmerda, se butta in mezzo a li cristiani e je dice “ma che cazzo state a fa’, ma nun ve vergognate, altro che diolovòle, qui state a stupra’, state a ammazza’, state a rubba’, ma chi volete pija’ p’ er culo?, ma tanto fate tutti ‘na finaccia”, er padre ce resta de mmerda e la vole ammazza’ ma l’eremita dice ‘sta bbono, j’avete ammazzato er fidanzato e voi pure che sta zitta? Ècchice ner deserto indove che Giserda se dispera tarmente tanto pe’ Oronte ma poteva risparmiasselo perché ecchetelo tiè che ariva, dice m’hanno solo ferito, te amo, annamosene da ‘sto posto. S’ariparte e annamo nella tenda de Arvino quanno che je stanno a dì che quarcuno ha visto Pagano, finarmente quarcuno che l’ariconosce, e Arvino ce resta demmerda e poi dice ah sì, mo j’annamo a fa’ ‘li bozzi, a lui e se l’incontro pure a quella stronza de mi’ fija, uguale a su’ zio. Arivìa che se spostamo drento ‘n’antra grotta, Oronte dice “aho’ e io sto a mori'”, se vede che era ‘na ferita grave, nun se direbbe, so’ venti minuti che canta, ariva l’eremita, battezza Oronte che more da cristiano e so’ soddisfazioni pe’ tutti. Daje co’ ‘n’antra grotta, stavorta quella dell’eremita, che siccome tutti li cristiani se staveno a mori’ de sete cià Giserda in mano e je dice a Arvino (che ancora nun l’ariconosce) “ahò, e questa sta a mori’. “Non ancora”, fa Giserda dandose ‘na grattata, “ciò solo ‘na febbre, e comunque ve devo di’ che ho sognato Oronte mio che m’ha detto che dice che si ve state a mori’ de sete dovete cerca’ d’anna’ ar Siloe”. Dice te l’ha detto lui, sì, anvedi, e come ha fatto a ditte ‘ste cose in sogno, ahò, a papa’, e quelli so’ tenori possono fa’ er cazzo che je pare. A ‘sto punto l’azzione vie’ interrotta dar pubbrico che fa “ooooooh” perché er coro canta ossignoredartettonatìo che quella er pubblico la sa e quanno er pubblico sente quarcosa che la sa è contento, come “vincerò”. Stamo verso er lieto fine, ‘nsomma, lieto, ‘na carneficina, li cristiani so’ arivati ar Siloe e l’eremita je dice a Arvino “ahò, e io sto a mori’, a proposito so’ tu’ fratello”, te perdono, ma davero, sì, ma davero Gise’, sì se te dice de sì è sì, so’ contento, e quanto se volemo bbene tutti, ma che bella famija. Poi Pagano dice ma ce semo arivati a Gerusalemme, sì, ecchetela tiè, la vojo vede’ prima de morì (ma che è, Mosè?) e more. Sipario.

Annunci

One thought on “I Lombardi Alla Prima Crociata

  1. Pingback: Buon compleanno, Peppino! | Quelle trame svelate

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...