Suor Angelica

Tirate fori li fazzoletti perché ve sto pe aricconta’ la trama de un opera che si nun piagni sei un bojaccia: Suor Angelica. Allora, antefatto: ce stava ‘sta pischella ricca, nobbile, ma nobbilenobbile, principessa che se lo fa sbatte dentro da uno e rimane incinta. Quella stronza della zia, principessa pure lei, ma che probabirmente de cazzo in vita sua aveva visto giusto quello de li puttini sopra all’artare, siccome che li genitori de ‘sta pischella ereno morti e lei era responsabbile, la pija e la fa monaca’. Fine dell’antefatto. Mo drento ar convento questa ce stava da sette anni e era diventata la sòra infermiera, che ognuno che ciaveva un malessere, n’alitosi, n’urcera, ‘na gotta, ‘n’artrite, ‘na diarrea, li baffi, insomma tutte quelle malattie che cianno le sore annava da lei e je diceva aho’ sto male e lei je dava sempre una ricetta bbona fatta co’ ‘li fiori. Un ber giorno escheno tutte le moniche dalla chiesa indove che pregavano e so’ tutte un friccico perché è uno de li du’ giorni dell’anno in cui er sole je filtra ner chiostro, sbatte sull’acqua e la fa’ diventà dorata. Pe’ di’ quanto se potevano diverti’ in quer convento. E una monaca ciucarella dice pure “annamone a porta’ un secchiello a la monaca morta che sicuramente je piace”. Pe’ di’ la loro idea de ricreazzione. E gnente, poi tutto un rompimento de cojoni de moniche che se dicono le cose, quella magna, quella ariva sempre tardi, quella è invidiosa, quella è buciarda. Pe’ di’ le bbone sorelle. A un certo punto una delle moniche che ereno annate a trova’ da magna’ pe’ li paesi vicini dice “fori ce sta ‘na carozza”. Angelica nun je pare vero, che erano sette anni che nessuno de la famija la veniva a trova’, e dice ma com’era ‘sta carozza, ricca, ciaveva la seta turchina, ciaveva ‘no stemma d’avorio, dimme quarche cosa no? “Sorange’, so’ ‘n cazzo io” fa quell’antra, ma Angelica ciaveva visto ggiusto perché era ‘na visita pe’ lei, che lei s’aspettava de vede’ er fijo e invece era la zia principessa e quanno Angelica la vede come ce deve rimane’? ‘Sta bizzoca co’ le ragnatele je dice guarda che tu’ sorella se sposa, firma qui e rinuncia all’eredità. “E mi fijo?”, “ah, me so’ scordata de dittelo, è morto da un sacco de tempo”. Qui Angelica ce resta demmerda e quanno la zia se ne va se mette a cantà so’ tutte belle le mamme der monno quanno un bambino se stringheno al cuor, e poi je viene un’idea geniale: m’ammazzo così vo’ in paradiso e l’arivedo, e comincia a fasse da sola er veleno co’ l’amici fiori. ‘Sta cojona però non aveva fatto li conti colla faccenna che se t’ammazzi, cor cazzo che vai in paradiso, e difatti quanno se n’aricorda che stava gia a morì ce rimane demmerda e comincia a dì madonnamiaperdoneme so’matta nunmemanna’all’inferno fammelagraziasarveme. A ‘sto punto se senteno li cori angelici e nun t’ariva la madonna, che quella pare che è l’unica che se po’ sposta’ come e quanno je pare, cor fijo de Angelica, che lei se lo abbraccia e more? Avemo fatto er finale come li greci: madonna ex machina! In tutto questo avrete notato co’ sollievo che so’ tutte donne in quest’opera: quinni nun ce sta er tenore. Però a me gnisuno me leva da la capoccia che a fa’ la zozzeria de mette incinta Angelica nell’antefatto è stato lui. Sipario.

Annunci

One thought on “Suor Angelica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...