Il barbiere di Siviglia

rosina_1024

“Uh che palle, mo’ ce racconta er barbiere de Sivija, ce lo sapemo, figarofigaro, mmmma, mmmmasemmitoccano, e ‘nnamo, dicce quarche cosa de novo!”. Ah ce lo sapete, allora ariccontatemela voi. Ecco, lo vedete che nun sapete un cazzo? Allora boni e zitti che mo’ ve racconto. Dunque ce stava una che se chiamava Rosina che j’erano morti er padre e la madre e quinni vive co’ uno che je fa da tutore, ‘no stronzo che se chiama Don Bartolo (no, nun è prete), e se so’ trasferiti da poco a Sivija. Mo’ siccome a Sivija Bartolo nun conosceva gnisuno, e consideranno er fatto che era uno sospettoso de suo, la Rosina la teneva chiusa a chiave pe’ paura che quarcuno se la portasse via, mica perché era innammorato ma perché je s’era magnato tutti li sordi e se la voleva sposa’ lui così gnisuno se ne sarebbe accorto. Lo sapevate questo?

Cor cazzo che lo sapevate, visto che lo tajano sempre. Annamo avanti. Insomma ‘sta Rosina, che era bona e cara ma era mejo nun faje gira’ li cojoni, manco in chiesa poteva anna’, e vedeva solo ‘na cammeriera vecchia che se chiama Berta, un cameriere rincojonito che se chiama Ambroggio, e Don Basilio che era er su’ maestro de musica (no, nun è prete manco questo, ma gnisuno pare capillo). Er problema è che Basilio era un fijo de ‘na mignotta senza un minimo de morale che diventava er servo de chi lo pagava de più, come certi politici che cambieno schieramento doppo le elezzioni, e questo tenetevelo a mmente perché ve servirà tra ‘n po’. E poi drento casa c’entrava sempre Figaro, che era er parucchiere della città, combinava li matrimoni, insomma s’arrangiava come poteva, e difatti te lo dice pure che donne ragazzi vecchi e fanciulle vengono e lui je da’ la parucca je fa la barba je mette le sanguisughe e je da’ er bijetto, che voi direte che nun c’entra un cazzo e ciavete raggione, difatti per me se dovrebbe di’ belletto che co’ le fanciulle ce sta preciso ma che ne vojo sape’ io, mica faccio er musicologo. Insomma un giorno ariva ir Conte d’Armaviva, un arinomato puttaniere che se vole ingroppa’ Rosina e je fa le serenate travestito sotto casa, no da donna però, da poveraccio. ‘Na bella matina se incontra co’ Figaro sotto er balcone, anvedi, come stai, bene, pure tu, che cazzo stai a fa’ qua, me vojo ingroppa’ ‘na pischella, ‘ndo sta, lassù, uh ce penso io che so’ de casa, tu vestite da sordato ‘mbriaco che vedrai che er tutore te accoje a braccia aperte. Che poi’sta cosa nun cià senso, però io penso che la ‘mbriacatura ce l’ha messa a gusto suo pe’pija’ p’er culo er Conte, statece. Insomma er conte finto sordato ‘mbriaco entra e riesce pure a mette le mani sulle zinne de Rosina, ma siccome cominceno tutti a litiga’ fanno un casino tale che ariva la polizia e lo vole arresta’, ma siccome è er conte nun l’aresteno e ce rimangheno tutti demmerda, tranne er conte e Figaro ovviamente, je scoppia a tutti letteralmente er cervello e te lo dicheno in armonia, pure una che pare che se chiami Lisa che non se capisce bene da ‘ndo cazzo spunta e che la fanno canta’ da la Berta, io non ve saprei spiega’, fatevelo chiari’ da Zedda. Allora dice, mo’ come famo? E gnente, er conte s’aritraveste che manco Fregoli e aritorna vestito da maestro de musica, dice Basilio sta male la lezzione de musica je la do’ io. Manco p’er cazzo, dice Bartolo, ma er conte je dice stacce che ciò una lettera che quella mignotta ha scritto ar conte, anvedi che zoccola, mo je dico che ‘sta lettera me l’ha data l’amante der conte così essa crede che la sta a pija’ p’er culo, bravo, eh, lo vedi che sto dalla parte tua, e Bartolo quer cojone se fida. Essa ariva, l’ariconosce e se mette a canta’ un rompimento de cojoni mai inteso prima così Bartolo s’abbiocca e loro se ponno mette a pomicia’. Senonchè ariva Basilio e ce resta demmerda quanno vede un antro maestro, e Bartolo dice come stai, Basilio dice com’ho da sta’, e allora er Conte se inventa de di’ che Basilio non sa un cazzo della lettera e che tocca cacciallo via, e difatti lo cacceno. Gnente, poi succede che Bartolo je fa tana mentre pomiceno e succede un antro casino e scappeno tutti. A ‘sto punto Bartolo dice a Rosina “guarda ‘sta lettera, ‘sto amante tuo nun te ama, te vo’ arigala’ a quer puzzone der Conte”. Piuttosto me la cucio, dice Rosina, anzi visto che stasera vengheno pe’ portammese via chiamamo le guardie e famolo arresta’. Bartolo se mette d’accordo co’ Basilio perché dice, visto che ce semo stasera me la sposo a botta calla prima che ciaripensa, viemme a fa’ da testimone, che se era prete poteva sposalli lui ma siccome nun è prete chiameno er notaro, ve serve altro pe capì che nun è prete? E difatti quanno ariva er conte Rosina se incazza come ‘na pantera “a bujaccaro, a ‘nfame, me volevi fa’ scopa’ dar conte, a zozzo” ma er conte so’ io, ma che davero, sì, ma divento contessa, embè direi, uh che botta de culo e quanno? Subbito, fa Figaro, me pare che stanno a ariva’ er notaro co’ Basilio, l’altro testimone lo fo io e festa finita, annamo coi confetti. Se sposeno ma ariva Bartolo e dice “che cazzo state a fa’, questi so’ ladri arestateli!” Io sarebbe er contedarmaviva, co’ rispetto parlanno, fa er conte. E che cazzo, fa Bartolo, ce so’ rimasto come er cerasaro: cor culo rotto e senza le cerase, e per di più ‘sto ‘nfame de Basilio j’ha fatto pure da testimone, ahò, quant’ è vero, da li mejo amici le mejo cortellate. E gnente, finito, Rosina se ne va contenta perché mica lo sa quant’è fijo de ‘na mignotta er Conte, ma se n’accorgerà presto, er tempo che Beumarchais scrive er sequel. E calamo er sipario, sia sur Barbiere de Rossini che su quello de Paisiello, che pareva tanto ‘n capolavoro ma doppo Rossini nun se lo fila giustamente più nisuno. Sipario.

Annunci

2 thoughts on “Il barbiere di Siviglia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...