I racconti di Hoffmann

I Racconti de Offa so’ un po’ come un firme de Fellini, che uno ce va e dice ammazza, bello, peccato che nun c’ho capito un cazzo, e allora ariva quello esperto de Fellini e te dice “che ce volevi capi’? E’ come un sogno, che li sogni tua ciànno ‘na loggica? No. E allora godite er sogno e nun sta’ a rompe li cojoni”. Nei Racconti de Offa uguale, che difatti è tutto ‘n viaggio tra le donne che nun se capisce che vor di’ però e bello, che poi c’è chi dice che le donne che Offa incontra so’ sempre la stessa c’è chi dice che so’ tre diverse e anche la faccenna che Offenbach c’è morto sopra e non l’ha finita ha aiutato pe’ la scesa perché ognuno la finisce come je pare, ce stanno più versioni de Offa che Cristi su la croce.

Annamo pe ordine: ce sta un poeta tenore alcolizzato che sta’ drento a ‘na taverna ‘mbriaco perso che sta a canta’ mentre che aspetta che finisce de fa’ ‘no spettacolo ‘na sorcona che se chiama Stella, che era la diva der momento. Mo’ però ‘sta Stella faceva arapa’ pure ‘no stronzo che se chiama Lindorf, che Offa, ossia er tenore, non lo poteva vede’ perché dice tutte le vorte che lo incrocio me capita quarche cosa, nun sarà che porta male? Dunque siccome Offa era ‘mbriaco, come tutti li ‘mbriaconi se mette a ricconta’ li cazzi sua pure a chi nu’ li vo’ senti’, e dice oddio, ‘gni vorta che me so’ innammorato ‘na traggedia, stateme dietro che ve dico: ‘na vorta vo ospite de ‘na festa a casa de uno che pareva lo scienziato de Aritorno ar Futuro, ‘na casa ‘no spettacolo dovevate da vede’ le maioliche, e questo me presenta su’ fija, bona come er pane callo per carità e tutto ma come ve dico, fredda, diceva solo de sì, ‘na conversazzione demmerda, vabbè che all’ommini le donne che dicono sempre de sì je piaciono, ma che cazzo, c’è un limite! E gnente, questa se mette a canta’ d’ucelli, segno che la cosa aveva preso bene, ma a ‘n certo punto nun comincia a frulla’ intorno a la casa, a riggirasse come l’esorcista e a strilla’ come ‘n’aquila? Oddio che cià? “Come che cià”, me fa uno che se chiamava Coppelio ma era paro paro a Lindorf, “a ‘mbecille, ma nu’ lo vedi che è finta?” e me la sfascia davanti co’ na mazza che io ce so’ rimasto davero demmerda. Senonché tempo dopo ne incontro un antra, mo’ quale ve racconto, che versione stamo a fa’? Vabbè Antonia: na fichetta de Monaco che m’arazzava perché je piaceva tanto de canta’, ma er busillise sta ner fatto che ciaveva ‘na malattia strana che se cantava troppo moriva, lo so, starete a di’ che me le capo ner mazzo ma questo è. Insomma un giorno che ero ito a trovalla ariva er dottore Miracolo, paro paro a Lindorf pure lui, che je da’ ‘na medicina strana, boh, l’avrà drogata, e questa comincia a canta’ che nun se fermava più e pe’ carico ce metto che s’è messo a canta’ pure er ritratto de la madre morta che era stata cantante pure lei, ma ‘ndo so’ capitato, dentro Shining? Vabbè, che ve lo dico a fà, m’è morta sotto l’occhi. E due.
Dico vabbè, co’ quelle serie m’è annata buca, annamo a troie a Venezia, e n’arimorchio subbito una che se chiamava Giulietta. Beh nun s’ariseppe che non solo era mignotta, ma pure fija de ‘na mignotta? M’ha arubbato l’anima, no in senso figurato, proprio co ‘na sorta de maleficio de Vannamarchi che quanno me l’ha fatto se me specchiavo nun vedevo un cazzo, gnente, solo lo specchio vòto, e pure qui tutta córpa de uno che j’aveva fatto ‘n sortileggio, ‘no stregone paro paro a Lindorf che se chiamava Dapertutto, me pare azzeccato perché me lo ritrovo sempre tra li cojoni, quanto so’ sfortunato io, che vita demmerda, portece un antro litro che noi se lo bevemo e poi j’arisponnemo embè embè che c’è.
Insomma Offa aricconta la su’ storia e se dio vòle finarmente ariva Stella che lui se la voleva scopa’, ma siccome era ‘mbriaco fracico essa pija e se ne va co’ Lindorf, lasciannoce demmerda er tenore che pe ripijasse s’arimette a canta’ e quanno er vino embé, ma in quer punto j’appare la su’ Musa che je dice fa ‘na cosa, lassa perde le donne e viémme dietro che quelle so’ tutte mignotte. ‘St’opera se fa raramente perché devi chiama’ a canta’ tanta de quella ggente che er parcoscenico pare stazzione Termini, e poi ce serve er basso bravo er tenore bravo coll’acuti che sa recita’ (e qui so’ cazzi) e tre soprani che te costano come du’ mesi alle Mardive, tant’è che in quarche caso je fanno canta’ li tre roli a un soprano solo così arisparmieno, come fanno da sempre co’ li roli de fianco che li fanno sempre li stessi tre o quattro, che uno dice ‘na trovata reggistica perché a Offa je se para davanti sempre lo stesso monno, sì, er cazzo, è che nun ce so’ più li quatrini. Sipario.

Annunci

4 thoughts on “I racconti di Hoffmann

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...