Lucia di Lammermoor

luciaAllora dovete sape’ che c’è stato ‘n periodo indove che li compositori e li libbrettisti avevano fatto la bella pensata de fa’ impazzi’ li soprani, no ner senso che se le volevano porta’ a letto (oddio, pure, ma er teatro, se sa) ma ner senso che alla fine dell’opera le facevano parti’ de brocca così quelle cominciavano a ‘nfila’ ‘na sfirza de sopracuti a cazzo che spesso ce ne mettevano pure de più de quelli che erano scritti che ar compositore che je frega tanto so’ matta, perché volevano fa’ vede quant’erano brave e poi ar pubbrico er foco d’artificio j’è sempre piaciuto, anvedi quanto sale, ma che nota sarà boh, certo che è brava, mai come quell’artra, quell’artra chi, la greca, ma è morta, e che vor di’, ah, vabbè. Una de le matte più famose è Lucia de Lammermoor, che sarebbe ‘na ‘mbecille che già sana de suo nun era perché vedeva li fantasmi dapertutto, figurete come diventa quanno je fanno sposa’ er tenore sbajato.

Ve spiego: allora ce stava questa che era innammorata de ‘n tenore, Edgardo, che però come era successo a Giulietta (n’antra matta mica da ride) faceva parte de ‘na famija nemica che li parenti de Lucia je l’avevano sterminata tutta ma je frega assai all’amore, e difatti se innamoreno. Insomma ‘sto Edgardo se n’ha d’anna’ in guera perché in Scozia ce stava un casino, era morto Gujermo che era protestante, era arivata Maria ch’era cattolica e li protestanti se staveno a caca’ sotto, e prima de parti’ je dice ahò, aricordete de me, tutte le vorte che senti un rumore fosse pure ‘na scoreggia so’ io che sospiro. Mo’ siccome che Lucia ciavéva un fratello mediamente stronzo, questo quanno vie’ a sape’ che su’ sorella scopava cor nemico ce resta demmerda, se incazza come ‘na iena e je dice “senti bella, poche spicce: me frega assai a me de chi sei innammorata, ce ‘sta st’artro tenore che canta pure benino, te sposi a quello perché se no Maria me scapoccia ma siccome è amica sua po’ esse che ce po’ mette ‘na bbona parola”. Lucia chiaramente ce resta demmerda però dice embè, se la mettemo così sposamoselo. E difatti se sposeno, tutto un ricevimento cor coro che sta fermo ma soride quinni se intuisce che so’ contenti, e ariva essa co’ ‘na faccia che manco avesse ricevuto ‘na cartella de Equitalia, e se lo sposa. Senonché in quer momento ariva Edgardo e dice anvedi ‘sta ‘nfame, me mette le corna co ‘n antro tenore, mo te fo senti’ un si naturale, hai capito che te sei persa?, aripijete l’anello che m’hai dato e vaffanculo. Ce restano un po’ tutti demmerda ma soprattutto Lucia che tra poco se deve scopa’ er tenore sbajato, mentre quello giusto ner frattempo s’è annato a rifugià ne la torre diroccata de famija indove che ariva er fratello de Lucia e fanno a chi ce l’ha più grosso, litigano pe’ ‘na mezz’ora bbona e poi se vede che ce l’avevano grosso uguale perché dicheno sai che c’è, sfidamose domani a duello e arisorvemola così. ‘Sta scena de la torre ogni tanto se taja, tanto pe’ comincia’ perché si la fai o nun la fai ne la trama nun cambia un cazzo, e poi perché er tenore s’ha da riposa’ che dopo cià l’aria. Ner castello de Lucia ner frattempo ce sta er basso, Raimondo Bimbumbam, che ariva e dice: “rega’, piantatela de festeggia’ che è successa ‘na traggedia, ‘sta rincojonita ha massacrato a cortellate er comprimario”. E difatti ariva Lucia zozza de sangue che manco ‘na macellara a Pasqua: ce resteno tutti demmerda, pure er coro te lo fa capi’ perché nun se move come ar solito però nun soride più come prima, e essa comincia a tira’ un pippone indove che je pare de stasse a sposa’ Edgardo, anvedi, l’artare, quanto me sta bene ‘sto vestito, ce sta er prete, quanto so’ felice, ma che fai Edga’, te ne vai, ma ‘ndo vai, oddio ‘n fantasma, me sa che moro, sto a mori’, Edga’, moro, quanno arivo ‘n paradiso pregherò per taaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaggiungertuosoltanto, fiabelloilcielperme, aaaaaaaasssì, aaaaaassssì, per maaaaaaaaaaa, coccodè, chicchirichì, se butta pe’ tèra e more dopo ‘na sfirza de sovracuti e de trilli che li faceva mejo la greca, ma quella è morta, e che vor di’, ah vabbè. Edgardo intanto sta su la tomba de famija a piàgnese li mejo mortacci sua quanno je vengheno a di’ che Lucia è morta, e allora lui prima ce resta demmerda e poi fa l’unica cosa loggica pe’ tutti li tenori: se mette in ribbarta a canta’ un’aria dove in sostanza dice a Luci’, aspetteme che arivo, e s’ammazza. Insomma questa sarebbe ‘n po’ la quintessenza dell’opera romantica, indove che per amore s’ammazzeno tutti. Daje a ride. Sipario.

Annunci

One thought on “Lucia di Lammermoor

  1. Pingback: Quelle Trame Svelate: the competìscion! | Quelle trame svelate

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...