Madama Butterfly

sharpless e ciociosanLa mignotta de cui ve parlo oggi non solo è giapponese, ma è pure minorenne, e se chiama Ciociosan. Mo’ quelli tra voi che so’ iti all’estero o hanno letto du’ libbri (e pure i soprani che ce sformano quanno devono fa’ le mignotte) te diranno che non è ‘na zoccola, è ‘na gheiscia. Dice, e che è ‘na gheiscia? ‘Mbè sarebbe una che mette l’omo a suo aggio, partecipa alle cene, sa fa’ quarche cosa, te fa li massaggi e alla fine te scopa pure, cioè non è che come la vedi allarga le gambe, ce sta tutta ‘na preparazzione. Come ‘na escort? Aaaah. ‘Na mignotta, appunto. Allora ce stava ‘sta mignotta minorenne che se l’era sposata Pinkerton, uno che mannaggia a Puccini fa ir marinaio e tocca vestillo de bianco pure se in vita sua s’è magnato tutto er magnabbile,

Continua a leggere

Annunci

La bohème

Dunque ce staveno quattro morti de fame che abbitavano drento a ‘na soffitta de Pariggi, uno faceva er pittore, uno er poeta, uno er filosofo e uno er musicista, dunque in sostanza nessuno faceva un cazzo de utile ne la vita, e la viggilia de natale er musicista aveva appena guadagnato quattro sordi e dice ‘mbè, annamoseli a sputtanà ar bar qua sotto, vabbè annamo. Er poeta dice annate avanti voi che io ciò da fa’, ve raggiungo. Come questi se ne vanno je bussa la tisica der piano de sopra, morta de fame pure lei, che je s’era spenta la cannela e se mettono a chiacchierà, che fai, io li fiori de carta e tu?, io le poesie, ‘mbè sostanziarmente nessuno de noi due fa un cazzo, direi de no, oddio me sento male, e mo’ come fo?, Continua a leggere

Maria Stuarda

maria-e-bettaOggi ve parlo de Maria Stuarda, un’opera de Donizzetti che però prima l’aveva fatta pure Mercadante ma j’era annata buca perché quanno l’ha scritta Donizzetti è come se j’avesse detto “bravo, mo’ levete” e infatti quella de Mercadante nun la conosce più nessuno e pure Mercadante non è che se je lo chiedi a mi’ nonna te dice chi è. Insomma la storia è para para a quella de Sciller, che te dice che la Stuarda era bbona e Elisabbetta era ‘na stronza solo perché la Stuarda era cattolica e Elisabbetta no. Mo’ ‘ste due erano cuggine ma se staveno reciprocamente sur cazzo, tanto che la Stuarda era finita in galera e il giorno indove che Elisabbetta dice che se vole sposà ariva Talbot e dice libberala, ma la reggina dice “cor cazzo, se ne resta in galera” anche perché so’ innamorate dello stesso omo, Lester o Leisester o Leicester a seconda de come preferite pronunciallo.

Continua a leggere

Le nozze di Figaro

Susanna e FigaroAllora mo’ ve racconto delle Nozze de Figaro, che quanno dici alla ggente che le devi anna’ a fa’ mediamente te risponne “aaaah, Figaro qua Figaro là” e tu invece de mannalli affanculo pe’ direttissima te metti a spiegaje che no, nun so’ quelle, Figaro è lo stesso ma queste so’ state scritte prima pure se succedono doppo, e che quell’altro che cantano loro è er Barbiere che l’ha scritto Rossini e no Mozart, e quelli te guardano co ‘na faccia che nun se sa se pensano “è mejo che stavo zitto” o “ma che s’è fumato questo?”. Allora le Nozze cominceno cor fatto che Figaroderbarbiere è tornato a servizio dar Contedalmaviva che ner frattempo s’è sposato Rosinaderbarbiere che è diventata LaContessad’almaviva. Ce semo? Annamo avanti. Figaro se deve sposa’ co’ Susanna ma nun cià li quatrini, e un più cià un debbito co’ Marcellina (personaggio novo che ner Barbiere sarebbe quasi la Berta ma non proprio). Dice che debbito? Lo sa lei, a noi nun ce dice un cazzo e morimo senza sapello. Insomma se devono sposa’ e er Contedarmaviva, paraculo, je regala ‘na stanza attaccata alla sua che così quanno Figaro se ne va po’ prova’ a ingroppasse la Susanna come je pare. Quanno la Susanna je lo spiega a Figaro quello ce rimane demmerda e dice ah sì, mo je fo vede io ar Conte.

Continua a leggere

L’amico Fritz

L’Amico Fritze è una de quelle opere che se mettono su una vorta ogni morte de papa, pe’ fa contenta qualche abbonata vecchia, o un sovrintendente vecchio che je ricorda tanto la prima vorta che è annato in teatro, o un direttore artistico vecchio che l’aveva vista dar loggione, o un tenore che je piace da fa’ er giovanotto in scena pure se cià cinquant’anni e a guardallo pare che de ciliegie n’ha magnate abbastanza ne la vita. Sia come sia, me tocca aricconta’ la trama dell’Amico Fritz, che me potrei sbriga’ in quattro e quattr’otto dicendove che se sposeno perché a conti fatti in quest’opera nun succede davero un cazzo. Ma siccome che poi dice eh, te la voi cava’ con poco, allora scenno ner dettajo e nun ve la pijate co’ mme se poi alla fine ce restate demmerda. Continua a leggere

Macbeth

Lady MacbethAmmazza che zozzo aho’, ma nun puliscono mai? Ce sta sangue dappertutto, ce sta. Sarà che mi’ marito ne ‘sta stanza c’ha sgozzato er re Duncano co’ tutte le guardie sua, ma ammazza che zozzo. Famme pija’ er Cif. Gnente, manco cor Cif viene via. Morammazzata a me e quanno do le feste che poi me tocca pulì, dice viene er re, ‘mbe’ ammazzamolo no?, j’ho detto a mi’ marito, scusa, le streghe nun t’hanno detto che diventerai re tu? Embè, accorciamo i tempi bello mio, se no qui ce famo notte. Quer cacasotto de mi’ marito gnente, va drento a la stanza ma poi torna dice aho’, e mica je l’ho fatta a fini’ er lavoro. Quanto ce rimango demmerda quanno fa così, ma chi me l’ha fatto fa’ a sposa’ ‘sto cojone? Pijo er cortello, entro e fo ‘na carneficina, comanna e fa da te sei servita come un re, appunto. Ma che c’ho su le mano?

Continua a leggere

Carmen

Sor delegato mio, nun so’ un boiaccia, fateme scioje, v’aricconto tutto.
Abbitavamo là ar paesello nostro, io, co’ mi madre e pure Micaela, ‘na bionna slavata che però visto che er paese era piccolo passava pe’ na gran fica. ‘Mbè insomma io e Micaela se fidanzamo: essa pe’ vole bene me voleva bene però che piattola, sor delegato mio, me pareva de senti’ mi’ madre. Senonché grazie a dio me trasferiscono de reggimento e finisco a Sivija, che Micaela la vedevo ‘na settimana sì e una no quanno veniva giù cor torpedone e le maje de lana che me mannava mi’ madre. Un giorno che ero de ronda, sor delegato mio, me se para davanti un chilometro de fica che me tira un fiore. E chi c’ha visto più? Sor delega’, io so’ de paese, a le mignotte nun ce semo abbituati. Gnente, me ‘nnamoro, soprattutto dopo che l’ho vista mena’ ‘na collega pe’ ‘no screzio de donne: ‘na gatta sor delega’. ‘Na pantera! L’aresto e questa mentre la lego nun me struscia le mano sur pacco mentre m’aricconta tutto quello che me potrebbe fa’? Che deve fa n’omo? Continua a leggere