Manon Lescaut

Dice er problema dell’immigrati, eh, state a senti’ questa. Dunque ce stava ‘na mignotta, perché in opera a mignotte nun tremamo, che se chiamava Manon Lescò, che un ber giorno ariva cor postale drento ‘na piazza e vede er tenore Degriè e se guardano e esso se innamora de lei che era tanto giovane e tanto caruccia, nun ce lo sapeva che era ‘na mignotta ma a ‘sto punto dell’opera nun ce lo sapeva manco lei per quanto le potenzialità ce stavano tutte perché se stava pe’ fa’ monaca, e se sa che chi studia dalle sòre o diventa mignotta o diventa santa, ma più spesso la prima che ho detto.
Insomma se incontrano e lui je fa anvedi che sorchetta, come ve chiamate? “Manon Lescò me chiamo” je fa lei, e lui uuuuh, Manon Lesco’, anvedi, Manon Lescò, che ber nome, uuuh, arivedemose no? E difatti nun solo se rivedono, ma stranamente er tenore c’ha un guizzo de intelligenza, e siccome che aveva sentito che er fratello de lei la voleva fa rapi’ da un banchiere bavoso che se chiamava Geronte pe’ falla diventa’ l’amante sua, esso dice cor cazzo, mo’ la rapisco io e Geronte se la va a pija’ ‘nder culo. E difatti la rapisce e se la porta a Pariggi drento ‘na stamberga, ma essa in quanto mignotta in mezzo a li sorci e a li spifferi nun ce voleva sta’ e scappa da Geronte (questo ve lo dovete immaggina’ perché succede a sipario chiuso, e difatti lo spettatore medio dice che cazzo, ma s’era chiuso er sipario che scappava cor tenore, mo’ come mai sta cor bavoso?). E insomma a casa de Geronte ce sta essa co’ più giojelli della madonna der divinoamore che se rompe er cazzo perché deve fa’ le lezioni de ballo cor maestro frocio, deve canta’ le strofette pe’ li ricevimenti e in più deve pure tira’ li sissignori ar vecchio che pe’ drizzajelo ce vole la mano de cristo, e dice ‘mbè, qui so’ ricca, ciò le trine morbide, ma come me ripassava Degriè me lo scordo. Come daje torto? Ariva Degriè che l’aveva cercata pe’ tutta Pariggi e dice qui stai, eh, qui sto, zozza, sei ‘na zozza m’hai lassato, ma io te amo, nun è vero, sì te amo, no, a te te piàceno solo li quatrini, ma che stai a di’, guarda quanto so’ fica, a Mano’ nun ce prova’, ce provo sì, te amo, pure io. E mentre che pòmiceno ariva er bavoso, ce rimane demmerda e fa “Ah, me comprimento! Mo’ ve fo’ vede io” e se ne va incazzato abbestia. Degriè je dice “abbella, qui è mejo che famo tela” ma essa nicchia, pure quanno er fratello ariva e dice che Geronte l’ha denunciata in quanto mignotta e stanno pe’ ariva’ le guardie pe’ arestalla. Essa dice vabbè, annamosene ma famme pija’ du’ giojelli, ma in quer momento ariveno le guardie e se la porteno via, e Degriè ce rimane parecchio demmerda. Mo’ Manon sta rinchiusa in un carcere insieme a ‘na manica de puttane e stanno tutte pe’ esse deportate in America dove che un tempo l’Europa ce mannava er peggio, e quanno sargheno tutti in su la barca a Degriè je parte un embolo e dice “no, portatece pure a me, fo’ quello che ve pare, pure er mozzo, ma nun me la portate via” che qui ve vorrei fa ride ma nun je la faccio perché se piagne tutti, e er comannante dice “vabbè sali” e er tenore cor soprano fanno “aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaah” na nota acuta che nun è scritta ma che ar pubblico je piace sempre, mentre sotto sona ‘na musica fatte conto come la sigla de “nata libbera” o, pe’ chi se ricorda, la pubbricità della margarina Maya, uguale.
Come pure li fatti recenti ce racconteno, a mettese su ‘na bbarca pe emigra’ nove su dieci se finisce demmerda, e difatti questi sbarcheno in America ma finischeno ner deserto a mori’ de sete. Esso ce prova pure a cerca un po’ d’acqua ma è tenore, che t’aspetti? Essa intanto dice aho’ moro, esso ritorna e dice ma che stai a mori’, sì, l’ho appena detto, ciò fatto pure un aria mentre che non c’eri, amore mio, so’ fica eh, sempre la più fica de tutte amore mio, vabbè, moro contenta, so’ soddisfazioni. E Degriè ce rimane demmerda. C’è pure da aggiunge che Degriè se sarebbe dovuto fa’ prete seconno el libbro de Prevost, e difatti Massenet che ha fatto Manon senza Lescò ce lo dice pure tutto ‘sto dramma de la vocazzione, ma a Puccini non je n’è fregato un cazzo, chissà perché, pe’ come la vedo io era interessante aricconta’ ‘sta storia de due che dovevano diventa’ de Cristo e invece se so’innammorati, ma è probbabbile che a Puccini non je ne fregasse gnente perché se sa che l’obiettivo suo principale era ammazza’ quanti più soprani possibbile senza perde tempo a racconta’ cazzate. Sipario.

Annunci

One thought on “Manon Lescaut

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...