Die Zauberflöte (Il flauto magico)

20131008-222310.jpgEr flautomaggico è un’opera leggera de Mozart, anzi non è manco un’opera, sarebbe come una specie de musical der tempo suo che lui l’aveva scritto pe’ ‘n amico che faceva l’attore e cantava un po’ a cazzo de cane e pe’ la compagnia sua de guitti, così, tanto pe’ divertisse, e difatti non l’ha chiamata opera ma singspiel, cioè come pe’ di’ che tu te diverti mentre che canti e ciài pure li dialoghi parlati invece de li recitativi, e invece mo’ tante vorte se vede che li cantanti lirici cantano mejo ma se divertono meno, ma queste so’ considerazioni mie, annamo avanti. Allora ce stava ‘na stronza friggida co’ ‘no zufolo maggico che l’aveva smollata ‘na vorta a un basso che se chiamava Sarastro, e da quer giorno staveno sempre a litiga’ pe’ chi se doveva tene’ la fija Pamina, na rompicojoni perfettina che pare che ce l’aveva solo lei perché come apriva bocca veniva sempre fori ‘na melodia che era ‘na meravija, sempre che la canti er soprano giusto perché se non sai lega’ viene fori ‘na mmerda, ma queste pure so’ considerazioni mie, annamo avanti.

Insomma un giorno ariva er tenore Tamino che je stava a córe dietro un drago co’ tutto che stavano in Eggitto, e lui se caca sotto e sviene, giusto er tempo de esse sarvato da tre poracce che cantano in terza e non mancano mai de sgomita’ pe’ fa’ a chi è più fica, non se sa mai er direttore artistico la prossima vorta je fa fa’ la protagonista de quarche cosa, e quanno Tamino se sveja è convinto che l’abbia sarvato er baritono Papageno, uno che de mestiere andava pe’ fratte in cerca d’ucelli e che passava de llì pe’ caso, e je dice “Ma che sei stato te?” e quello “no, un prospero”, e le tre poracce ce restano demmerda, je dicheno a buciardo, e je chiudono la bocca co ‘n lucchettaccio così la pianta de racconta’ cazzate, e a Tamino che è tanto bbono j’arigàleno un medajone co’ dentro la foto de Pamina. Tamino dice anvedi che ber ritratto, anvedi er ritratto, anvedi quant’è bello, anvedi quanto, anvedi, che è un’aria famosissima che la portano pure a li concorsi però in tedesco. A ‘sto punto ariva la friggida, che poi se scopre esse la Reggina de la Notte, vede er medajone ar collo der tenore e je fa “bella sorchetta eh? ‘Mbè, si me dai ‘na mano a fa’ fori quello stronzo de Sarastro te la regalo” e poi alle poracce je dice rega’, dateje er flautomaggico che cia’ er potere de incanta’ le bbestie, così la ggente capisce er perché der titolo, e a Papageno je regalo ‘sto carillon che pe’ esperienza de cammerino so’ che lo gradisce, perché a chi je piaciono l’ucelli je piace pure ‘sta robba qua, stacce bello e non rompe li cojoni, abbelleee slucchettatelo ‘m po’! Mo’ famme tirà du’ sopracuti che ar pubbrico je piaciono sempre, e me ne vo che c’ho da fa’, s’arivedemo ar seconno atto, vai cor botto. Annamo a casa de Sarastro, che sarebbe ‘na sorta de grande sacerdote, de re der sole, de forza positiva, rega’ è ‘na favola, non è che ce se po’ anna’ precisi, fate conto er bene che vince e er male che perde. Allora drento ar palazzo de Sarastro ce stava un moretto sempre arapato che je faceva da braccio destro, che da ‘n sacco de tempo se sta a spara’ le cartucce solitarie su Pamina, e difatti l’ha rapita e se l’è portata a casa sua, e nun se sa come ariva Papageno e er moretto fa tela. Mo’ Papageno je dice a essa “no pe’ vantamme, ma m’ha mannato tu’ madre che t’avrebbe pure trovato er ganzo” e tutti e due se mettono a cantà viva l’amor che vien che va. Ner frattempo arivano tre tasse da pagà: tre regazzini che cantano in terza come le dame de prima, ma de solito meno intonati a meno che nun li famo veni’ dall’Austria che so’ pure magri, e insomma ‘sti tre guidano er tenore davanti a tre porte indove che sopra ce sta scritto Raggione su una, Natura e Sapienza, e er tenore ne deve sceje una, si è quella ggiusta se apre. Essendo tenore, Raggione la scartàmo a priori, Natura ce po sta’ ma mica tutti ce l’hanno, arimane Sapienza che ce n’avemo tutti bisogno, e annamo co’ Sapienza che difatti se apre. Come entra uno je fa “A Tami’, guarda che la friggida è ‘na stronza e Sarastro è bbono, quella t’ha fregato”. Esso a quer punto sona lo’ zufolo e ariveno li cerbiatti le bisce l’ucelli li vermi li scoiattoli a senti’ tutto, si lo so, v’è venuta in mente Biancaneve de Disney, pure a me, pensa come stamo messi. Dietro l’ucelli ariva Papageno co’ Pamina e se mette a sona’ er carillon, che essendo carillon rincojonisce subbito tutti e li servi der moretto che l’avevano seguito pe’ pijallo a mazzate a lui e ripijasse a lei se mettono a balla’ come le scimmie, lo so che v’è venuto in mente Baloo, pure a me, non se n’esce.
Ariva Sarastro e ce rimane demmerda a vede’ su’ fija ner bosco, che cazzo stai fa’, tornamo a casa, non ce vai da tu’ madre, t’ho detto de no, annàmosene, ma essa nun ciavéva occhi che pe’ Tamino e er padre la pija e se la porta via dicendo “intanto a Monostatos mo’ j’aprimo er culo, e sti due portatemeli a casa che ce devo fa’ un discorso” insomma l’omo che tutti vorremmo dentro casa.

Cioccolatoooo, carammelle, gelatiiii, palledemozaaaaart, secondo atto.

Mo’ stamo ner tempio de Sarastro mentre che sta a prega’ in eggiziano però in tedesco, e poi dice a li sacerdoti sua fàmo ‘na bella cosa, fàmo fa’ le prove a Tamino e se le passa fa parte dei nostri, che è ‘na cosetta che nelle fiabbe piace sempre, ma ne ‘sto caso so’ tre prove da cantantelirico, la prima è la più difficile, stasse zitti. Papageno che deve fa’ le prove cor tenore te poi immagina’ a fallo sta’ zitto, m’ha siccome j’avevano promesso che si ce riusciva je davano una, e allora zitto e mosca, pure quanno ritornano le tre poracce e fanno de tutto pe’ fallo parla’, essi gnente, manco un vocalizzo. Ner frattempo er moretto ce sta a riprova’ co’ Pamina che sta a dormi’, ma ariva un botto co’ la friggida dentro e je fa’ pija’ un corpo, e poi lei stronza je dice alla fija de ammazzallo lei er padre, io co quell’omo non je la faccio più, ciò du’ mani sole eh?, e cià sempre da ridi’, e nun je va mai bene gnènte, ammazzalo tu cocca che se levàmo un peso, fallo bella se no te stordisco de sopracuti, ecco brava, ciao, vai cor botto. Pamina un po’ demmerda ce rimane, ma manco fa in tempo perché er moretto je dice ‘mbè, o me la dai o j’aricconto tutto a Sarastro, “Che je devi di’ tu a Sarastro? Me sa che mo’ t’ariaprimo er culo”, je fa Sarastro che aveva inteso tutto, e poi alla fija je fa tu devi esse bbona cocca, a vole’ male alla gente ce se rimette, damme er pugnale, ecco brava, aricordete sempre che la saetta gira gira torna in culo a chi la tira. Ner frattempo ar baritono je se para davanti ‘na vecchia, no una matura, proprio ‘na vecchia che come je chiedi er nome scompare, come nelle chat, e ar tenore je s’attaccano le tre tasse che je metteno davanti da magna’, e magnamo fa Papageno, mentre er tenore me sa che sta a dieta perché se mette a sona’ lo zufolo. Nun ariva nessuna bestia tranne Pamina, che ce rimane moltissimo de mmerda perché er tenore non je risponne (sapeva ‘n cazzo lei che doveva ‘sta zitto), e dice non m’ama, che faccio m’ammazzo? Pure Papageno non stava benissimo e se mette a sona’ er carillon, e arieccote la vecchia che però diventa ‘na gran fica, e come lui fa’ pe’ toccalla quella scompare, come nella vita. Pamina ner frattempo ha deciso, sì, m’ammazzo, ma le tre tasse se rendono utili ‘e la fermano e in terza je cantano una delle massimette loro, quanto so’ odiosi. Er tenore intanto deve passa’ l’altre du’ prove, der foco e dell’acqua, ma non ve preoccupate, se spicciamo subbito: le passa aiutato da Pamina che pe’ me sapeva la strada, mentre er baritono sta ancora a piagne su quella bonona che era sparita, sonamo er carillon va, ariecchetela tiè, pa papa, pa papa, papapapa, papapapa che l’avete sentita nelle pubblicità, te la do, davero, sì, quanti fiji?, come ‘na conija je fa lei, annamo risponne lui. Ner gran finale co’ tutti che se sposeno, er tenore cor soprano er baritono co ‘n se sa, ariecchete la stronza co’ le poracce e er moretto che se mettono de mezzo ma se la vanno a pija ‘nder culo perché ve l’ho detto è er bene che vince er male che perde. A volévve spiega’ la trama de ‘sta favola ce se po’ impelaga’ in diverze letture perché dice è n’opera massonica, ce stanno li simboli, è ‘n viaggio interiore, ma comunque pe’ spicciasse se po’ sempre di’ a chi ve lo chiede che è er bene che vince è er male che perde che nun se sbaja. Statece. Sipario.

NOTA: dice che Pamina poi non era la fija de Sarastro, pare che er padre de Tamina quanno è morto ha smezzato er trono in due tra la stronza e Sarastro, e quinni arisurterebbe che Tamina è la fija de la stronza ma non l’ha fatta co’ Sarastro. Mica l’avevo capito io. Lo vedi che i musicologi servono?

Annunci

3 thoughts on “Die Zauberflöte (Il flauto magico)

  1. ODIO I BAMBINI NELLE OPERE!! Altro che tre tasse queste sono tre croci con annessa corona di spine!!
    Fidatevi di una che fa prove per sti tre mostri un giorno si e l’altro pure, suonando tutta l’opera praticamente da cima a fondo perché siccome so’ carini i registi tedeschi li infilano sempre in ogni dove, anche quando non dovrebbero essere in scena!!!

  2. questa è bellissima, la più bella di tutte !!! ( Oddio, l’ho detto già due o tre volte, vero ? 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...