Don Pasquale

20131207-174245.jpgAriecchime sa, c’ho avuto da fa’, embé, ciò pure ‘na vita che non sarà granché ma è la mia e ce so’affezzionato. Dunque io v’aricconterei la trama dell’opera che sto a fa’, erdompasquale, che m’arisurta difficile scrivela perché er fijo de Tito Schipa aveva fatto ‘na riduzione a musical in romanesco che a dimenticassela mentre scrivo so’ cazzi, comunque ce provo, risartasse fori io ho messo le mano avanti.

Allora stamo a Roma dentro casa de dompasquale, un vecchio che non se l’è mai appettato nessuno e che sta lì lì pe’ stira’ le zampe, co’ un nipote che se sta a fa’ la punta ar cazzo nell’attesa che lo zio mora e je lasci l’eredità.

Sì, allora magni: perché Pasquale ce lo sapeva che er nipote era un tenore e se sarebbe sputtanato tutto in mignotte, automobbili e ristoranti, e je dice de sposasse una che ciaveva li sordi de suo e che quinni avrebbe fatto un bon affare. Ma er tenore, Ernesto, je dice none, io so’ innammorato de Norina, che poi sarebbe er soprano, ‘na vedova squatrinata che però se vede che la dote ce l’aveva in mezzo alle cosce visto che canta un’aria dove in sostanza dice che a fa arapa’ l’omini non è seconna a nessuno.

Insomma Ernesto je dice de no, e allora su’ zio dice ‘mbè, sai che c’è? Me sposo e te diseredo. Ma come te sposi, fa er nipote, e chi te s’appetta? La sorella de Malatesta, er dottore amico tuo. Ernesto ce resta demmerda e canta anvedi che sfiga ahò, cor pertichino de Pasquale che controfagotta “attacchete ar cazzo e tira forte”.

La verità è che era tutta ‘na messinscena de Malatesta, che difatti se mette d’accordo co’ Norina e la spaccia pe su’ sorella, però je dice “non fa’ la mignotta come er solito tuo, hai da fa’ quella de chiesa, poi quanno ve sete sposati je fai vede li sorci verdi”. E difatti essa ariva co’ l’occhi bassi e la fica stretta e je dice a Pasquale me chiamo Sofronia non me tocca’ che l’omini me spaventano, m’hanno cresciuta le moniche, in convento stavo sempre da sola cucivo aricamavo spicciavo, l’ommini no, ciò paura, ajuteme madonna. Pasquale se ingrifa e se la sposa, e appena sposati essa fa “‘mbè, tanto pe’ comincia’ sei vecchio sei brutto fai schifo ar cazzo e io co te a passeggio nun ce vado, quindi ‘sto giovanotto -che sarebbe Ernesto- me fa da sciaperòn, e poi ‘sta casa è ‘nammerda, va rifatta, tre cammerieri so’ ‘na micragna ne vojo armeno una ventina, aprime un conto da Burgari, fo come me pare, domani vo’ dar parucchiere e poi dar sarto, come sarebbe che ciai quarcosa da ridì, ma statte zitto buffone e vedi d’anna’ affanculo”. Pasquale ce resta demmerda, fanno un concertato prima de stupore poi de rabbia e se chiude er sipario.

Ner seconno atto ce sta Pasquale co’ tutta casa rimessa a novo e ‘na serie de cammerieri che pare de sta’ a Villa Certosa, e ce sta Sofronia che dice se vedemo cocco io vo ar teatro, no tu non te movi, hai da vede se me movo, non te movi e zitta, ma vaffanculo tiè, e je molla un ceffone che je fa sarta’ la dentiera. Arivìa che Pasquale ce resta demmerda, e un pochetto pure Norina perché er ceffone j’è partito da le mano ma ormai la frittata è fatta e dice ‘mbè io vado, tu vai a dormì che ciai ‘na certa. Esso mentre che va in cammera da letto vede un bijetto pe’ Sofronia indove che c’è scritto “incontreme in giardino stasera che te lo metto in tutti i buchi” che ovviamente essa se l’era scritto da sola pe’ fallo incazza’ ma Pasquale non ce lo sa je va er sangue ar cervello e dice chiamateme Malatesta che j’apro er culo.

Passa er coro de servi che dice “che casino ‘sta casa, meno male che pagano” e Pasquale se incontra co’ Malatesta e je dice annamo in giardino e li famo aresta’, “beh no”, fa Malatesta, “è mi’ sorella. “E ‘sti cazzi?” fa Pasquale, ma Malatesta je dice famo così, se li beccamo in fregante la cacciate via. Ce sto, fa Pasquale, pure io, fa Malatesta, semo d’accordo, so’ contento, famose no sciojilingua assieme che è l’urtima vorta che ne sentiranno uno naa storia dell’opera buffa e annamosene.

In giardino ce sta er tenore che canta ‘na serenata, scenne essa tutta fica e canteno sempre un po’ calanti un duetto a distanza de terza che a vorte se scambieno pure li righi se er tenore nu je la fa, ariveno Pasquale e Malatesta e Malatesta dice guarda che domani ariva ‘na sposa nova, dice chi, Norina la fidanzata di Ernesto. Quella scorfana trucida burina (e questo è Schipa jr.) dice Sofronia finta, io e lei sotto lo stesso tetto mai, me ne vado, no, un momento, non sarà che me state a pija’ pe’ ‘r culo, ha da esse una cosa sicura. Allora Pasquale dice ar nipote “sposete e levame questa dai cojoni, va a pija’ Norina, va” ma Malatesta je fa “aaaa coso, ecchetela Norina, er matrimonio tuo era finto”.

“Ma li mortacci, ma ve possino ammazzavve, ma che ve piji un corpo” fa Pasquale, ‘mbè, sapete che c’è, mejo lui sposato co’ Norina che io sposato co’ Sofronia, auguri e fiji maschi, parte un valzeretto e Norina fa la morale della storia “si sei vecchio sei vecchio, non te fa pija’ i rodimenti de chiccherone, nun te sposa’ che ce fai la figura der cojone, stacce”.

E così cala er sipario su Pasquale, e contemporaneamente su ‘a tradizzione dell’opera buffa italiana. Sipario.

Nota a margine: e comunque va ribbadito, che nun ce lo sa gnisuno, che sta ‘trama è un capolavoro perché nun l’hanno costruita da un libbro, hanno solo preso a spunto ‘na maschera de Carnovale romana che era er dompasquale, appunto, un vecchio che voleva sposasse e tutte le vorte che ce provava j’annava buca e i servi lo cojonavano. Quinni l’hanno tirata su da gnente, da un pretesto, e quinni è una ficata de Donizetti e der librettista.

Annunci

2 thoughts on “Don Pasquale

  1. Pingback: Greetings from Rome: Don Pasquale opens at Scottish Opera | Will that be all?

  2. Ma questa trama è geniale…
    M’hai fatto venire la pelle d’oca.
    “E si chiude il sipario sull’opera buffa italiana…” si poi ci sarà il Falstaff. Ma è altra cosa.
    Grazie…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...