Don Giovanni

Ce stava uno che le donne le considerava giusto pe’ fa’ mucchio, dice fori una dentro un’artra, non me frega gnente come te chiami dimme solo de dove sei che devo mette la bandierina su la mappa come Fede quanno fa’ la cronaca dell’elezzioni, e se chiamava Dongiovanni, che appunto pure adesso uno che se comporta ne’ sto modo lo chiamamo dongiovanni pure a lui, così mo’ ce lo sapete perché.

Insomma Dongiovanni ‘na bella sera decide de infilallo su a Donnanna, la fija de ’n commendatore che era promessa sposa de Donottavio, e je se inguatta ammascherato ne la cammera da letto pe faje bu’, ma essa gnente, se divincola, se storce, se sfila (dice lei) e scappa in giardino indove che a forza de strilli ariva er padre che sfida a duello Dongiovanni ma siccome è vecchio e rincojonito more subbito, mentre che er servo de Dongiovanni che se chiama Leporello sta dentro un cespujo a cacasse sotto. Scappeno via e ecchete che ritorna Donnanna co’ quer sellero de Donottavio, che difatti è tenore, vede su’ padre morto pe’ tera, ce resta demmerda e dice papà, papà mio, me l’hanno ammazzato, giura che me lo vendichi, giura, e vabbè giurerò dice er tenore e vanno via.

Però siccome ogni tanto ce stanno de quelle giornatine dove hai voja a scappa’, ‘ndo vai, come te movi te furmino, ecco che Dongiovanni se mette a fa’ la corte a una che se move come ‘na matta, ma se accorge solo dopo che se l’era già fatta (è successo un sacco de vorte pure a me): trattasi de Donnervira, ‘na virago de Burgos che era de quelle che pe’ dattela se deve senti’ di’ che te la sposi, e che difatti stava a cerca’ propio Dongiovanni pe’ fallo nero visto che cor cazzo che se l’era sposata. 
Dongiovanni fa tela, e Donnervira resta co’ Leporello che je dice “aaaa cosa, ma che te credi de esse la sola? Ariconsolete co’ l’ajetto” e je fa’ vede tutto un catalogo indove che lui aveva appuntato dove come quanno e perché tutte le donne che s’era fatto Dongiovanni, inclusi li buchi, le posizzioni, li strilli, e chi stava de sotto e chi stava de sopra. Mbè, Donnervira ce resta demmerda porella, ma quello intanto Leporello se leva de mezzo e raggiunge er su’ padrone che era finito in una festa de nozze de Masetto e Zerlina.

Mo’ ‘sta Zerlina era ‘na contadina, ma pure ‘na mignotta che la metà è sufficiente, perché abbasta che Dongiovanni je l’appizza e a lei je vie’ la sindrome dell’olgettina, dice è ricco, voi che nun ce scajo quarche cosa? E quinni fa’ pe’ inguattasse co’ Dongiovanni che je dice “intanto damme la mano, che er resto me lo pijo con comodo”.

Masetto ce resta demmerda, senonché prima che essi se inguattano ariva Donnervira che dice aho, a Zerli’, sta attenta che questo è un miffarolo e un bujaccaro, prima te la sgara e poi chi s’è visto s’è visto. “Ma questa è scema!” dice Dongiovanni: effettivamente Ervira tanto sana nun pare, quinni restano tutti tra er demmerda e er perpresso, e intanto Giovanni fa tela mentre Donnanna dice “aho’, aaaa voce de questo è para para a quello che ha ammazzato papà mio, è stato lui ‘st’infame, ammazzemelo Donotta’!”. Donottavio dice sì, vabbè, intanto c’ho l’aria, poi vedémo.

Siccome a Dongiovanni j’era rimasta la contadina sur gozzo, decide de organizza’ ‘na bella festa p’ er matrimonio de Masetto e Zerlina (che ner frattempo a Masetto j’ha detto si me perdoni stasera famo un giochetto sadomaso) e tutti ariveno a la festa, pure er triomonnezza composto da Donottavio Donnervira Donnanna che canteno in terza ‘na cosa difficile e bella parecchio, se sente ‘no strillo perché Giovanni sta pe’ fajela co’ Zerlina, tutto un casino, Dongiovanni tenta’ de di’ che era stato Leporello a provacce co’ la mignotta ma gnisuno se la beve, aveva perso propio credibbilità, e gnente, concertato, Dongiovanni e Leporello ariscappeno, fine primo atto.

Ner seconno Giovanni è ingrifato pe’ la cammeriera de Donnervira, pe’ di’ quant’era fijo de ’na mignotta, e je dice a Leporello de scambiasse li vestiti cosicché mentre Leporello tie’ occupata Donnervira facenno finta de esse Dongiovanni, Dongiovanni se scopa la cammeriera. Pe di’ quello che non se poteva esse fumato Daponte.

Mentre Dongiovanni se mette sotto le finestre de la cammeriera a cantaje “Affaccete Nunziata”, Donnervira vie’ smucinata da Leporello e abbocca dice uh, quanto sei ggentile, quanto sei caruccio, anvedi quanto sei cambiato! “E te credo” pensa Leporello, e se la porta via, solo che se imbattono in un gruppo de contadini che volevano mena’ Dongiovanni per via der fatto che esso aveva menato a Masetto naa scena prima che non v’ho ariccontato ma insomma statece, e Leporello dice “aho’, boni che so’ Leporello”, e così non lo menano più li contadini ma viè menato da Ervira, Zerlina, Masetto e pure da Anna e Ottavio che ne ’st’opera girano più de la circolare rossa.

Dopo ce sta un siparietto a luci rosse de Zerlina che fa a Masetto l’anteprima de la scopata che l’aspetta, che serve pe’ cambia’ la scena ebbasta, tanto che era mignotta s’era capito, nun serviva ribbadillo.

E gnente, Leporello e Dongiovanni finiscono ar cimitero, no morti eh?, ner senso de drento al cimitero, e come pe’ caso propio davanti a la statua der Commendatore. A Dongiovanni je vie’ da ride ma la statua je dice “che cazzo ciai da ride? Aspetta aspe’, che prima de domani piagni”. Leporello se caca sotto, Dongiovanni dice “‘mbè, se la bocca la poi apri’ pe’ parla’ vor di’che la poi apri’ pure pe magna’, voi veni’ a cena?” Se vedemo a casa tua, je fa la statua, tiette leggero.

E difatti mentre Giovanni sta a magna’, e appena Donnervira che era annata pe’ dije de cambia’ vita era stata mannata affanculo, ariva la statua der Commendatore che dice grazie tante pe’ l’invito, ecchime, no pe ribadi’ quello che t’ha appena detto quella matta ma se volessi cambia’ vita fallo adesso che de tempo te ne rimane poco assai. “T’ho detto de none!” fa Dongiovanni, e a quer punto la statua der Commendatore je dice “allora vie’ a magna’ da me”, se spalanca la tera, escheno li diavoli e Dongiovanni sprofonna in mezzo a le fiamme dove brucerà in eterno, il che nun è gnente a petto der fatto che se non antro lì è difficile che s’aritrovi davanti Donnaervira che je va a rompe li cojoni.

Sarebbe finita qui, ma poi doppo Mozzart c’ha messo ‘na moraletta fatta a cojonella che la cantano tutti assieme e che dice “comportateve bene riga’, che si no morite come sete campati”, che per me se potrebbe pure leva’ ma er lieto fine, se sa, ar pubbrico je piace sempre, te tornano a casa rassicurati. Sipario.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...