La Gioconda

gioconda

Oggi ve parlo della Gioconna, che pe’ molti de voi è quella che sorride e ve guarda sempre dar salotto de nonna e a qualcun antro invece je viene subbito in mente la danza de le ore co’ l’ ippopotami de Fantasia, e er seconno c’ha preso de più der primo perché se non altro la danza de le ore ne la Gioconna ce sta, ma senza l’ ippopotami, a meno de non vole’ considera la stazza media der tenore e der soprano, ma sarebbe maleducazzione, non ve pare?

Dunque, annamo con ordine. Intanto stàmo a Venezzia davanti a ‘na chiesa dove incontramo subbito subbito Gioconna che è na cantante e che sta a fa’ da cane lupo alla madre cecata e Barnabba che sarebbe ‘na spia che momentaneamente se spaccia pe’ menestrello, e siccome che Gioconna armeno su la carta (poi in teatro nun se sa mai) era ‘na gran fica esso je fa la corte ma essa lo manna affanculo, e Barnabba dice “ah sì? E io t’ammazzo a mamma”. Pe’ di’ er tipo, che è baritono e quindi cattivo come lammerda.

Allora siccome a Venezzia quanno nun cianno gnente da fa’ fanno ‘na regata, Barnabba je dice a quello che ha perso la regata de oggi che ha visto la cecata faje ‘na fattucchieria sulla barca, e siccome che er popolo è bue piano piano ce credono tutti e allora daje, tutti che vonno lincia’ la vecchia, stanno lì lì pe’ ammazzalla quanno ecchete che ariva er tenore Enzo che sarebbe er fidanzato de Gioconna, er mezzosoprano Laura e su’ marito er basso Arvise, che era un nobbile. Laura, nun se sa perché, se mette de mezzo e dice ar marito de sarva’ la cecata e ciarimedia subbito un rosario che j’arigala la vecchia, che se vede che era appena tornata da padrepio e aveva fatto la spesa de souvenir.

E gnente, mo’ Barnabba sta incazzato nero e se mette a chiacchierà co’ Enzo (che nun ve l’ho detto ma scopa co’ Laura, quella sposata cor basso) e Enzo je dice che nottetempo se ne scappa via nave co’ Laura, e Barnabba je dice che lui pure nun è da meno perché morisse ammazzato se non je lo infila a Gioconna, e pe’ faje capi’ mejo la situazione je dice aho’, io so’ er possente demone der consijo dei dieci, mica pizza e fichi, e Enzo ce rimane demmèrda ar punto tale che fa tela.

Mo’siccome che Barnabba è baritono e stronzo, scrive ‘na denuncia indove dice che Enzo e Laura vonno scappa’ e la infila drento la bocca de un leone de pietra perché se usava così, ma quello che non sa è che Gioconna co’ la madre hanno visto tutto, ossia Gioconna ha visto, la madre nun ha visto un cazzo, che sta a succede Gioco’?, zitta ma’che nun me fai capi’. Gioconna a quer punto ce resta demmèrda, dice oh porettamme, me mette le corna, ‘nfame, mejo che ce vado pure io sulla nave de Enzo stanotte che li sputtano a tutteddue, ma ’ndo vai resta, no ce vado, no resta, no ce vado ma’, no resta, no vado, se t’ho detto che ce vado ce vado, e io come faccio senza de te?, comprate ’n cane!

E ‘nsomma su ‘sta nave ce sta Enzo che canta ’n’ aria indove se domanna se l’amore suo verrà dar mare, probbabbile, o se verrà dar cielo (la vedo dura), e difatti Laura ariva come previsto dar mare su ‘na barchetta pilotata da Barnabba in uno dei suoi più riusciti travestimenti che manco Stanislao Moulinsky, e se mettono a pomicià in musica fino all’alba, quanno che Enzo je dice aspetteme ciumaca che vado de sotto a metteme d’accordo pe scappa’. Come se ne va ariva Gioconna, e a Laura che sta a prega’ pe’ passa’ un po’ er tempo je fa “ma t’annasse de traverso la giaculatoria”, madonna, madonna un cazzo te scopi l’omo mio, no è er mio, no è mio, insomma tutte quelle cose che le donne se dicheno quanno ce sta un omo de mezzo, e allora Gioconna je dice “e io t’ariporto a tu’ marito, ecchetelo tiè, sta a ariva’ in barchetta”. Laura a quer punto solleva er rosario manco fossero le lame rotanti de Goldrake e Gioconna fa “er rosario de mamma, me l’hai sarvata tu, allora te sarvo pure a te, ma ricordate bene er nome mio, so’ Gioconna, nun te mette più de mezzo”. E gnente, Laura scappa, er basso je va dietro, er tenore fa pe seguilla pure lui ma Gioconna je se para davanti e je fa “dica?”. Enzo ce resta demmèrda, e pe’ nun fasse pija’ da li venezziani scappa e da’ pure foco alla nave sua. Così, pe’ sfizzio.

Nell’atto doppo ce sta la prova ggenerale de Otello fatta dar basso, che dice ‘sta mignotta l’ammazzo, fa chiama’ Laura, je dice quanto sei caruccia, essa dice grazie, no davero, sei caruccia forte,peccato che sei ‘na mignotta e mo’ t’ammazzo. Uguale a Otello, paro paro, solo che er basso nun se vo’ sporca’ le mano e quinni decide che Laura ha da mori’ avvelenata, e pe’ mette in chiaro la situazzione a essa e pure ar pubblico je fa pure vede’ la bara indove che se deve anna’ a ripone, che esso ne teneva sempre una in casa perché nun se sa mai.
Insomma er basso da’ er veleno a Laura e dice senti che de fori stanno a canta’ “va serenata celeste”? Mbe’, tempo c’hanno finito bevi ‘sta fiala e t’ammazzi, quanno torno te vojo vede’ morta. Ma siccome che Gioconna pure lei aveva letto Scespir, mica solo er basso, ariva e fa dice “senti cocca, bevi da questa de fiala che non mori, pare che sei morta ma sei viva, stacce”, uguale a Giulietta, paro paro. Essa beve e se mette ne la bara mentre Gioconna se ne va dicennose “ma saro’ cojona?”.
Er basso torna, vede la boccetta per tera, la moje ne la bara, dice oooooh, tutto è bbene quer che finisce bbene, annamose a diverti’.

E difatti ce sta ‘na festa dove sonano la famosa danza de le ore dell’ippopotami, e ne ‘sta festa ce stanno tutti, Barnabba che ridice che la cecata è ‘na strega, Enzo che Barnabba je dice che Laura l’ha ammazzata er basso, Enzo che dice assassino ar basso, er basso che aresta Enzo e fa vede’ a tutti er cadavere presunto de la moje, Barnabba che rapisce la Cieca, e tutti l’invitati che pensano “‘mbè, se sarebbe fatta na certa, noi se n’annassimo, ammazza che sciccheria de festa, sissì, ciaritorno propio!”

Ce semo quasi eh? Dunque Gioconna sta sull’isola de la Giudecca che j’hanno appena portato Laura che ronfa, e dice “che soddisfazione la vita mia, quasi quasi m’ammazzo!”. Poi ciaripensa e dice, no, un momento, e se ammazzassi a Laura, tanto quella mica se n’accorge, ma in quer momento esatto quarcuno strilla che hanno trovato un morto a galla e lei fa oddio Enzo mio perdoneme so’ matta, che stavo a fa’! Ariva Enzo che ner frattempo è stato libberato perché Gioconna ha detto a Barnabba “libberalo che te la do”, e se vorebbe anna’ a ammazza’ su la tomba de Laura, sennonché Gioconna je dice che er cadavere ce l’ha lei e esso fa pe’ ammazzalla, e Gioconna dice “eh, me daresti un sollievo de gnente!” ma in quer momento Laura se sveja e dice Enzo, allora Gioconna porella ce resta tanto tanto demmèrda e se va a annisconne pe’ la vergogna.

Laura je dice a Enzo “lasciala sta’ quella poraccia, che se non fosse pe’ lei stavo a fa’ la tera pe i ceci”, ma davero, sì, ma come mai, non lo so io ho solo arzato er rosario…uuuh arieccoli quelli de “serenata celeste” quanto so’ tediosi! Ariva Gioconna e dice fate ‘na cosa, partite che ar resto ce penso io, ma davero Gioco’, sì, giura, giuro, ma davero, sì, annatevene prima che cambio idea.
Ariva Barnabba pe’ riscote e essa je fa “dunque, com’erano li patti? Volevi er corpo mio? Ecchetelo”, e s’ammazza. Se non altro è stata de parola.

Barnabba, come li fiji, je fa “e io t’ho ammazzato mamma” che nun era vero gnente ma tanto pe’ daje un dispiacere in fin de vita, ma Gioconna è già morta (se suppone co’ un soriso enigmatico stampato su la faccia) e nun sente un cazzo. E Barnabba, che ve lo dico a fa’? Ce rimane demmèrda.

Sipario.

Annunci

One thought on “La Gioconda

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...