Fedora

 fedora

La Fedora de Giordano sarebbe n’opera verista, che significa quanno hanno detto mo’ raccontamo le storie de tutti i giorni però strillando un po’ de più, fatte conto come ‘na sorta de neorealismo contro er cinema patinato.
Mo’ ne’ sto caso la vita de tutti i giorni sta in Russia, dove ‘na principessa vedova e piena de soldi se sta’ pe’ sposa’ co’ Vladimiro Andrejevic, un morto de fame coi cravattari dentro casa che giocava e annava a mignotte ma essa Fedora non ce lo sapeva, e infatti quando entra pe’ la prima vorta a casa del fidanzato suo e vede un ritratto de Vladimiro dice “che brav’omo, onesto, devoto chissà quanti pensieri ciavrà ‘ne sta fronte spaziosa, anvedi che boccuccia risarella, me sa che sta a pensa’ a me”.
E gnente, je l’ammazzano subito subito, noi manco lo vedemo, ariva er dottore cor cadavere ancora vivo ma pe’ poco e lo portano in cammera da letto arivederci e ciao. Fedora ce resta demmerda, e poi dice no, lo devo vendica’, lo giuro sulla croce de mamma che porto ar collo, se fa er segno de la croce a la rovescia e se mette a investiga’, e siccome so’ tutti nobbili de ‘sto cazzo pensano subbito che so’ stati i nichilisti.
E invece s’ariseppe da un regazzino ritardato che se chiama Dimitri che era stato Loris Ipanoff er vicino de casa, la polizia core ma quello core più forte de lei ner mentre che Fedora va a fa’ Sarah Bernhardt sur cadavere de Vladimiro. Poi semo in Francia a la festa de ‘na cretina che potrebbe avecce due arie come una come nessuna dipende dal reggista dal direttore ma soprattutto da quanto è cagna lei. Ne ‘sta festa ce stanno tutti quelli che staveno ner primo atto, questi se spostavano pe l’Europa tutti insieme come gli zingari, e De Siriex (uno che l’aria non je la tajano mai pe’ cattiveria) mentre chiacchiera co’ Fedora scopre che essa stava a fa’ la cicia co’ Loris pe’ fallo confessa’ ma ner contempo ha unito l’utile al dilettevole e s’è innammorata. Desiriex dice ah, vabbé, poi siccome la deficiente (la cretina de prima, se chiama Olga) non je la da’ canta quantè fica la donna russa, paraponziponzipo’.
Mbe’ dopo ariva un polacco, er nipote de Chopin (che è come dì la sorella de Belén) e se mette a sona’ ‘na lagna mentre Fedora je la fa vede a Loris e lui confessa, però dice te devo spiega’, s’arisentimo dopo. Leeeeeei, ‘na furia! Vai vai ma ‘ndo vai, quanno torni so’ cazzi tua!
Intanto scappeno tutti perché dice che c’è ’n’attentato dei nichilisti, e a Fedora je viene de scrive ‘na letterina ar capo de la polizia indove dice che Loris ha confessato e pe’ carico ce metto su’ fratello Valeriano come complice. Loris aritorna, leeeeei, come la bambina dell’esorcista je s’arivolta! Ma esso fa aspe’, l’ho ammazzato perché se scopava mi’ moje! Leeeeeeei! De merda ce resta, e quanno sente che ariva la polizia lo fa scappa’.

Mo’ stamo in Svizzera, e se n’accorgemo subito perché ce manca solo la mucca lilla e le ricola il resto lo fa l’orchestra, non ce famo manca’ niente de tutto il repertorio cisalpino, pure li regazzini che cantano. E gnente, ce sta Loris che se va a fa’ ’n giro e ce stanno quella cerebrolesa de Olga co’ Fedora che stanno a mori’ de pizzichi.

Ariva De Siriex, dice a Orga d’annasse a fa’ un giro in bicicletta e poi je fa a Fedora, dice, Fedo’, sete felice? c’ho piacere, c’ho ‘na cosetta pe’ voi: ve ricordate Valeriano che non c’entrava un cazzo? Ecco, l’hanno carcerato in riva ar fiume. Beh non te va a straripa’ er fiume e ciao Valeriano? Ah, dimenticavo, la madre appena l’ha saputo c’’è rimasta. Me dispiace tanto, arivederci e bone vacanze.

Fedora ce resta demmerda, e a quer punto se sente ‘na voce de regazzina che canta fatte conto come nei film dell’orrore co’ le bambine possedute che cantano le nenie che se le senti mori entro mezz’ora, e dice che la montanina sua non torna più.

Tomo tomo cacchio cacchio arriva Loris co’ na lettera de Boroff che je dice che ce sta ‘na donna che l’ha denunciato. Essa poretta che deve fa’ dice ‘mbé, ma perdonala ciavrà avuto le su’ raggioni, cincischia quarche cosa ma ner frattempo su un’antra lettera c’è scritto de Valeriano e de su’ madre. Quella zoccola, fa lui, quella mignotta, no, dice lei, perdonala, ma che te frega a te ma che la conosci, dice sì, e finalmente benché tenore ciarriva: sta fija de ‘na mignotta eri tu, ma devi mori’ male!

E Fedora dice pronti, e se beve er veleno che stava nella croce de mamma che ‘na vorta tanto j’aveva fatto un regalo utile.

E vabbé poi è opera: te amo, io pure, non te n’anna’, c’ho freddo, era amorosa la tua Manon, no quella la fo la settimana prossima, te amo, io pure moro. E s’arisente la bambina posseduta.

Mezz’ora precisa.

Annunci

One thought on “Fedora

  1. Pingback: Fedora | Riflessi Etruschi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...