Anna Bolena

Allora ce sta Bolena che er re non la po’ più vede’, e er coro che se lamenta e dice uuuh aaaah porella mbe’ non è più quella ma che ciavrà boh cose de donne, e essa ariva e fa finta de gnente, dice ahò, che è ‘sta mosceria, Smeton famme er piacere, pija la chitara e sonace ‘na cosa. Quello se mette a canta’ fiore de prato fiore de panna ma quant’è bona la sora Anna, ma essa se incupisce perché pensa ar primo amore suo, Persì (che sembra er nome de un sapone pe li piatti), me sa che ho fatto ‘na cazzata a vole’ diventa’ reggina, Simùr amica mia se tante vorte un re te la chiedesse non je la da’ che nun è tutto oro quello che luccica, e se ne va.

Quella, Sìmur, ce resta piuttostodemmerda in quanto che un re se lo stava a cavalca’ da tempo, eccome, proprio Enrico che era er marito de Anna, co’ tutto che Anna era la mejo amica sua, come pe’ ribadì er detto che “da li mejo amici, le mejo cortellate”, e dice mo’ quanno ariva lo lascio. Però quanno Enrico ariva essa nun je la fa a lassallo e je canta una cosa come quella de Mina, vorrei farlo però ti svegli e al tuo richiamo rispondo sono qui amore mio ti amo, solo che questa dura parecchio de più, me ne vo, resta, vado, ma ‘ndo vai, resta, no, te fo reggina, e Anna?, ce pensamo dopo nun te ne anna’, me ne vado, resta, vabbé resto se no qui non la finimo più.

Mo’ stamo dentro un bosco che se so’ dati tutti appuntamento all’alba pe’anna’ a ammazza’ le bestie, ma un po’ prima ariva er sapone pe’ li piatti che dice uh, so’ tornato, mo’ vedo Anna, quanto so’ contento. Arivano tutti: esso la vede, Anna se bagna, er re se insospettisce, cantano un pezzo de quelli andiam andiam partiam partiam che nun se move nessuno pe’ dieci minuti boni, e finalmente se dio vole se levano dar cazzo.

Poi ce sta er duetto tra er sapone e Anna, che se riassume co’: so’ tornato, t’ho visto, te amo, io pure ma so’ regina, t’aricordi, avoja, vattene, m’ammazzo, oddio. Esce fori da un bucio pure Smeton che era annato lì pe’ restitui’ de nascosto un ritratto de Anna che esso l’adoprava pe’ massacraccese de pippe (ce canterebbe pure una canzonetta che almeno qui ve l’arisparmio) e proprio in quer momento ariva Enrico e dice “che è sto puttanaro?”. Tutti ce restano demmerda, ma mai quanto Anna che vie’ accusata de tradimento e er re je dice che deve anna’ davanti ai giudici, e me sa che essa nun ce sente troppo bene perché je fa “giudici a Anna? Giudici a Anna? Giudici a Anna? A Anna? Giudici? A Anna?”, che Enrico dice sì, a Anna e pure a tutti l’amici tua, sipario.

Ner seconno atto, dopo un coro de uuuuuh aaaaah porella oddìo, ce sta prima Anna che dice aiuteme cristo, poi Sìmur che dice senti, io non so come dittelo ma ciavrei una notizia bona e una cattiva: quella bona è che l’amante del re sarei io, quella cattiva è che nove su dieci te scapocceno a meno che tu non dici de esse ‘na mignotta. Anna ce resta demmerda, come ce deve resta’?, però je dice no, piuttosto moro ammazzata ma nun c’ho corpe, volemo parla’ de te adesso? Perdoname, je fa Sìmur, e essa sempre per via der fatto che urtimamente me sa che non ce sente troppo bene fa “tu, mia rivale, tu, che ascolto, mia rivale, tu, ah, mia rivale, ah, ella, dio, tu, ella, ah, tu, ah”, na robba che er reggista a sto punto s’è impiccato alla graticcia (sempre se è sopravvissuto alla messa in scena dei cori de uuuuuh aaaaaah porella), e poi Anna la perdona e ciao, che deve fa’, a incazzasse a vorte ce se fa solo er sangue amaro, uno dice annamosene co’ un filo de dignità.

Poi vanno tutti davanti ar re a scaggionasse, lei e er sapone che canta da tenore, ma insomma gnente, condannati, come te sbaji, una roba che a raccontalla ce se mette un attimo ma in teatro ner frattempo potresti compila’ tutto er modello unico, e dopo ‘sta scena ce sta: Sìmur che dice ar re perdonala e lui in sostanza risponne cor cazzo, Persì che va a mori’ammazzato insieme ar fratello de Bolena de cui nun v’ho parlato perché francamente conta come er due de briscola, e finalmente semo arivati alla scena che conoscono tutti, quella coi sopracuti, sempre se er soprano ce li mette.

Stamo ner carcere e ce sta er coro che dice uuuuuh aaaaaaah porella. Anna ner frattempo sta a fa’ le prove generali der sonnambulismo de Ledi Macbeth e fa una scena che se nun è matta poco ce manca, però la musica è tanto bella, ar dorce guidami, der nostro amaahahahahahahahahahahahahahahahhaaaaaaaaaaaagggiornorendimi der nostro amor aaaaaaaaaah sol uahahahhaha sol che come la fai la fai tanto diranno sempre che la faceva mejo la turca e a senti’ loro stavano tutte in sala quanno la fece la greca, tutte, pure quelle che mo’ c’hanno vent’anni, er coro ridice porella, poi entrano Smeton, er fratello de Anna e Persì che ancora non so’ morti, li mortacci loro e de Donizetti, e dicono uuuuuh aaaaah porella. A sto punto Porella dice “a coppia de stronzi, ve perdono”, ner senso de Sìmur e Enrico, e come dio vole finalmente la scapocceno mentre er coro, in sottofondo, insieme a Smeton Persì e Rochefort (er fratello, co ‘sto nome che pare un formaggio francese) fa uuuuuh aaaaaaah porella.

E mentre er coro dice “che fine der cazzo”, sempre che nun je lo tajino, che sarebbe un peccato, pe’ na vorta che non dicono porella, cala er sipario.

Annunci

One thought on “Anna Bolena

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...