Il turco in Italia

Er Turco in Italia è n’opera metateatrale, me capisci, ossia indove che non se sa dove sta la realtà e dove sta er teatro, in quanto ce sta un poeta che se chiama Prosdocimo (ma questo lo indovini se leggi er libbretto perché nell’opera lo chiamano solo Poeta) che all’epoca er Poeta sarebbe er librettista, che deve scrive un libretto pe’ un dramma buffo e non sa ‘ndo sbatte la capoccia, e allora dice me ispiro alla realtà, fatte conto Eduardo.
E ‘nsomma stamo a Napoli indove ‘sto poeta c’ha er blocco dello scrittore e a un certo punto arìveno li zingari, che ancora nessuno pensava alle ruspe, e esso dice anvedi, li zingari, daje a ride, mo’ qualche cosa me invento e dice “gioia, canti, con l’azione!” solo che er revisore da quarche tempo ce fa’ di’ “colazione” dio solo sa perché, e li convince a cojona’ Geronio, un vecchio sposato a ‘na zoccola che se chiama Fiorilla che de corna je ne metteva a due a due finché non diventavano dispari.
Tra ‘sti zingari ce sta ‘na certa Zaida che sarebbe ‘na turca caduta in disgrazia pe’ via che era una delle moji de tale Selim che convinto d’avecce le corna j’ha dato un carcio e essa è finita a legge le carte a Napoli insieme a ’n amico suo che se chiama Albazar. Er Poeta dice ‘mbé, caruccia, me fai ride, sta a senti’: stasera arriva un principe Turco che vo’ vede’ l’Italia, mo’ vedo de imbarcatte sulla nave sua quando torna a casa, fidate.  Continua a leggere

Annunci