Il turco in Italia

Er Turco in Italia è n’opera metateatrale, me capisci, ossia indove che non se sa dove sta la realtà e dove sta er teatro, in quanto ce sta un poeta che se chiama Prosdocimo (ma questo lo indovini se leggi er libbretto perché nell’opera lo chiamano solo Poeta) che all’epoca er Poeta sarebbe er librettista, che deve scrive un libretto pe’ un dramma buffo e non sa ‘ndo sbatte la capoccia, e allora dice me ispiro alla realtà, fatte conto Eduardo.
E ‘nsomma stamo a Napoli indove ‘sto poeta c’ha er blocco dello scrittore e a un certo punto arìveno li zingari, che ancora nessuno pensava alle ruspe, e esso dice anvedi, li zingari, daje a ride, mo’ qualche cosa me invento e dice “gioia, canti, con l’azione!” solo che er revisore da quarche tempo ce fa’ di’ “colazione” dio solo sa perché, e li convince a cojona’ Geronio, un vecchio sposato a ‘na zoccola che se chiama Fiorilla che de corna je ne metteva a due a due finché non diventavano dispari.
Tra ‘sti zingari ce sta ‘na certa Zaida che sarebbe ‘na turca caduta in disgrazia pe’ via che era una delle moji de tale Selim che convinto d’avecce le corna j’ha dato un carcio e essa è finita a legge le carte a Napoli insieme a ’n amico suo che se chiama Albazar. Er Poeta dice ‘mbé, caruccia, me fai ride, sta a senti’: stasera arriva un principe Turco che vo’ vede’ l’Italia, mo’ vedo de imbarcatte sulla nave sua quando torna a casa, fidate. 
‘Sta Fiorilla arìva e canta una cosa tipo “quanto me piace er cazzo a me”, poi ariva er Turco, che poi sarebbe gnentemeno che Selim quello dei carci a Zaida, essa lo fa invaghi’, dice viette a pia’ un caffé su da me, e se ne vanno.
Intanto er Poeta scrive tutto.
A casa de Fiorilla ce stanno er Turco e essa che pijano er caffé, quanno ariva er marito e pure l’amante ufficiale, tale Narciso Tenore, e er marito quanno vede i due che stanno a fa’ i cici ce resta demmerda, tantopiù che siccome er turco è grosso e peloso er marito se caca sotto e la moje lo costringe a baciaje a lui l’orlo der vestito. Pure er Turco ce resta demmerda, dice anvedi la gentilezza dei mariti italiani ahò, vabbé, qui ce famo giorno, vedemose più tardi Fiori’ e scappamo in Turchia tutti e due. Er marito co’ la moje restano da soli e fanno un duetto indove che lei dice “io faccio quello che me pare” esso dice “ma, me, mi, mo, mu” e gnente, tutti ar mare tutti ar mare a mostra’ le chiappe chiare.
E difatti davanti ar mare ce stanno: Zaida che riconosce Selim e Selim che dice uh Zaida quanto sei bona me sa che te amo ancora scuseme, ma de che figurate, allora annamosene, er coro che dice “gran meravije ignote ar sole” solo che siccome staccano “ignote” pare sempre che dicheno “mignotte”, fatece caso, Fiorilla che dice quanto so’ fica aho’, Geronio che dice ‘ndo sta quella zoccola, Narciso che se lamenta, er Poeta che scrive, Zaida che dice a Fiorilla nun te permette de toccallo, Fiorilla che dice a Zaida “a puzza, scànzete”, esse che se meneno, tutti che commentano, er Poeta che dice ammazza che finale, e difatti questo sarebbe er finale primo indove che tutti dicheno “le donne so’ tutte amiche fino a quando nun decidono de ciucciasse lo stesso calippo”, fine der primo atto.

Ner seconno atto ce sta er Poeta che fa ‘mbriaca’ Geronio perché dice damoje na svejata a ‘sto cojone, ariva Selim e a Geronio je fa dimme un po’ ma non non te sei stufato de Fiorilla, avoja, ’mbé te la pago, nun sia mai, allora te la rubbo, e io te meno, e comincia un duetto alla romana de quelli “areggime che l’ammazzo, areggime, areggime, t’ho detto areggime” ma non succede un cazzo; er Poeta ce resta demmerda e dice oh, m’ero augurato de chiudela presto e invece gnente.
Se trasferimo in una specie de locanda dove Fiorilla ha invitato sia Zaida che Selim, e quando ariva er Turco je dice ‘mbé, io o lei? Esso nun se sa decide, Zaida ce resta demmerda e se ne va, essi prima litigheno poi fanno pace.
Mo’ la faccenda se complica perchè non se sa precisamente chi, me sa la moje der tenore, ha organizzato una festa in maschera a tema turco, indove che tutti so’ mascherati da turchi e indove che er Poeta ce manna pure Geronio vestito da turco dicendoje guarda che durante la festa Selim te rapisce la moje, io te l’ho detto, poi fa un po’ tu.
Prima de ariva’ alla festa però, siccome nun se famo manca’ gnente e soprattutto nun tajamo più un cazzo, ce sta er momento in cui ognuno deve di’ la sua e er pubblico se sorbetta tre arie una dopo l’altra: la prima der tenore quello famoso, coi da capi e i da piedi e tutto, poi quella de Geronio che pare ‘na cosa scritta cent’anni prima da Paisiello, e per carico ce metto quella der tenore seconno che in genere te fa senti’ che potrebbe fa’ pure er tenore primo e per grazia de dio la rimpinza de variazioni così non sentimo la linea de canto originale, che francamente aiutame a di’.
Superato ‘sto rompimento de cojoni, Geronio ariva alla festa e non capisce chi è la moje visto che so’ tutti mascherati e vestiti uguali e l’azzione se ferma pe’ venti minuti boni sur tema “chi sarà chi sarà chi sarà” co’ tutti pezzi d’assieme de straniamento e de casino che so’ Rossini proprio, e de fatto non succede gnente a parte la musica, che ce sta pure un pezzo a cappella che vor dì senza l’accompagnamento che se i cantanti non stanno attenti vanno a puttane co’ l’intonazzione e a quer punto quanno torna l’orchestra lo straniamento voluto da Rossini è assicurato.
Reggeteve che avemo quasi finito: er Poeta dice a Geronio senti, fai una bella cosa, fa’ finta che sei annato a divorzia’ e manna una lettera a Fiorilla indove che je dici spicciate dar cazzo, tanto ho saputo che Selim non se la carica visto che alla fine in quinta ha scelto Zaida e se la porta in Turchia co’ lui. E difatti er Poeta dà la lettera a Fiorilla che la legge, ce resta demmerda, e canta un’aria de quindici minuti indove in sostanza dice “me tocca torna’ ar paesello co ‘r culo per terra a zappa’ le patate” e vedendo gli amici sua che non l’aiuteno dicendo chi è causa del suo mal pianga sè stesso conclude che da li mejo amici le mejo cortellate.
Arientra Geronio e er Poeta je fa’, dice, vaje sotto che è pentita. Essa dice so’ come ‘na vite moscia che nun sa dove attaccasse, esso je risponne attaccate a ‘sto tronco, er Poeta dice anvedi er lieto fine, entrano tutti, se salutano, ciao Za’, ciao Fiori’, ciao Seli’, ciao Gero’, e er Poeta dice oh, io er dramma l’ho finito e so’ pure mediamente contento, speriamo che a vedello er pubblico non ce resti demmerda, famose ‘na cantata va, e tutti cantano “evviva l’amor l’amor l’amor che vien che va”, sipario.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...