La Gioconda

gioconda

Oggi ve parlo della Gioconna, che pe’ molti de voi è quella che sorride e ve guarda sempre dar salotto de nonna e a qualcun antro invece je viene subbito in mente la danza de le ore co’ l’ ippopotami de Fantasia, e er seconno c’ha preso de più der primo perché se non altro la danza de le ore ne la Gioconna ce sta, ma senza l’ ippopotami, a meno de non vole’ considera la stazza media der tenore e der soprano, ma sarebbe maleducazzione, non ve pare?

Dunque, annamo con ordine. Intanto stàmo a Venezzia davanti a ‘na chiesa dove incontramo subbito subbito Gioconna che è na cantante e che sta a fa’ da cane lupo alla madre cecata e Barnabba che sarebbe ‘na spia che momentaneamente se spaccia pe’ menestrello, e siccome che Gioconna armeno su la carta (poi in teatro nun se sa mai) era ‘na gran fica esso je fa la corte ma essa lo manna affanculo, e Barnabba dice “ah sì? E io t’ammazzo a mamma”. Pe’ di’ er tipo, che è baritono e quindi cattivo come lammerda.

Allora siccome a Venezzia quanno nun cianno gnente da fa’ fanno ‘na regata, Barnabba je dice a quello che ha perso la regata de oggi che ha visto la cecata faje ‘na fattucchieria sulla barca, e siccome che er popolo è bue piano piano ce credono tutti e allora daje, tutti che vonno lincia’ la vecchia, stanno lì lì pe’ ammazzalla quanno ecchete che ariva er tenore Enzo che sarebbe er fidanzato de Gioconna, er mezzosoprano Laura e su’ marito er basso Arvise, che era un nobbile. Laura, nun se sa perché, se mette de mezzo e dice ar marito de sarva’ la cecata e ciarimedia subbito un rosario che j’arigala la vecchia, che se vede che era appena tornata da padrepio e aveva fatto la spesa de souvenir.

E gnente, mo’ Barnabba sta incazzato nero e se mette a chiacchierà co’ Enzo (che nun ve l’ho detto ma scopa co’ Laura, quella sposata cor basso) e Enzo je dice che nottetempo se ne scappa via nave co’ Laura, e Barnabba je dice che lui pure nun è da meno perché morisse ammazzato se non je lo infila a Gioconna, e pe’ faje capi’ mejo la situazione je dice aho’, io so’ er possente demone der consijo dei dieci, mica pizza e fichi, e Enzo ce rimane demmèrda ar punto tale che fa tela.

Mo’siccome che Barnabba è baritono e stronzo, scrive ‘na denuncia indove dice che Enzo e Laura vonno scappa’ e la infila drento la bocca de un leone de pietra perché se usava così, ma quello che non sa è che Gioconna co’ la madre hanno visto tutto, ossia Gioconna ha visto, la madre nun ha visto un cazzo, che sta a succede Gioco’?, zitta ma’che nun me fai capi’. Gioconna a quer punto ce resta demmèrda, dice oh porettamme, me mette le corna, ‘nfame, mejo che ce vado pure io sulla nave de Enzo stanotte che li sputtano a tutteddue, ma ’ndo vai resta, no ce vado, no resta, no ce vado ma’, no resta, no vado, se t’ho detto che ce vado ce vado, e io come faccio senza de te?, comprate ’n cane!

Continua a leggere

Annunci