Carmen

Sor delegato mio, nun so’ un boiaccia, fateme scioje, v’aricconto tutto.
Abbitavamo là ar paesello nostro, io, co’ mi madre e pure Micaela, ‘na bionna slavata che però visto che er paese era piccolo passava pe’ na gran fica. ‘Mbè insomma io e Micaela se fidanzamo: essa pe’ vole bene me voleva bene però che piattola, sor delegato mio, me pareva de senti’ mi’ madre. Senonché grazie a dio me trasferiscono de reggimento e finisco a Sivija, che Micaela la vedevo ‘na settimana sì e una no quanno veniva giù cor torpedone e le maje de lana che me mannava mi’ madre. Un giorno che ero de ronda, sor delegato mio, me se para davanti un chilometro de fica che me tira un fiore. E chi c’ha visto più? Sor delega’, io so’ de paese, a le mignotte nun ce semo abbituati. Gnente, me ‘nnamoro, soprattutto dopo che l’ho vista mena’ ‘na collega pe’ ‘no screzio de donne: ‘na gatta sor delega’. ‘Na pantera! L’aresto e questa mentre la lego nun me struscia le mano sur pacco mentre m’aricconta tutto quello che me potrebbe fa’? Che deve fa n’omo? Continua a leggere