Manon Lescaut

Dice er problema dell’immigrati, eh, state a senti’ questa. Dunque ce stava ‘na mignotta, perché in opera a mignotte nun tremamo, che se chiamava Manon Lescò, che un ber giorno ariva cor postale drento ‘na piazza e vede er tenore Degriè e se guardano e esso se innamora de lei che era tanto giovane e tanto caruccia, nun ce lo sapeva che era ‘na mignotta ma a ‘sto punto dell’opera nun ce lo sapeva manco lei per quanto le potenzialità ce stavano tutte perché se stava pe’ fa’ monaca, e se sa che chi studia dalle sòre o diventa mignotta o diventa santa, ma più spesso la prima che ho detto.
Insomma se incontrano e lui je fa anvedi che sorchetta, come ve chiamate? “Manon Lescò me chiamo” je fa lei, e lui uuuuh, Manon Lesco’, anvedi, Manon Lescò, che ber nome, uuuh, arivedemose no? E difatti nun solo se rivedono, ma stranamente er tenore c’ha un guizzo de intelligenza, e siccome che aveva sentito che er fratello de lei la voleva fa rapi’ da un banchiere bavoso che se chiamava Geronte pe’ falla diventa’ l’amante sua, esso dice cor cazzo, mo’ la rapisco io e Geronte se la va a pija’ ‘nder culo. Continua a leggere

Annunci

Suor Angelica

Tirate fori li fazzoletti perché ve sto pe aricconta’ la trama de un opera che si nun piagni sei un bojaccia: Suor Angelica. Allora, antefatto: ce stava ‘sta pischella ricca, nobbile, ma nobbilenobbile, principessa che se lo fa sbatte dentro da uno e rimane incinta. Quella stronza della zia, principessa pure lei, ma che probabirmente de cazzo in vita sua aveva visto giusto quello de li puttini sopra all’artare, siccome che li genitori de ‘sta pischella ereno morti e lei era responsabbile, la pija e la fa monaca’. Fine dell’antefatto. Mo drento ar convento questa ce stava da sette anni e era diventata la sòra infermiera, che ognuno che ciaveva un malessere, n’alitosi, n’urcera, ‘na gotta, ‘n’artrite, ‘na diarrea, li baffi, insomma tutte quelle malattie che cianno le sore annava da lei e je diceva aho’ sto male e lei je dava sempre una ricetta bbona fatta co’ ‘li fiori. Un ber giorno escheno tutte le moniche dalla chiesa indove che pregavano e so’ tutte un friccico perché è uno de li du’ giorni dell’anno in cui er sole je filtra ner chiostro, sbatte sull’acqua e la fa’ diventà dorata. Pe’ di’ quanto se potevano diverti’ in quer convento. Continua a leggere

Madama Butterfly

sharpless e ciociosanLa mignotta de cui ve parlo oggi non solo è giapponese, ma è pure minorenne, e se chiama Ciociosan. Mo’ quelli tra voi che so’ iti all’estero o hanno letto du’ libbri (e pure i soprani che ce sformano quanno devono fa’ le mignotte) te diranno che non è ‘na zoccola, è ‘na gheiscia. Dice, e che è ‘na gheiscia? ‘Mbè sarebbe una che mette l’omo a suo aggio, partecipa alle cene, sa fa’ quarche cosa, te fa li massaggi e alla fine te scopa pure, cioè non è che come la vedi allarga le gambe, ce sta tutta ‘na preparazzione. Come ‘na escort? Aaaah. ‘Na mignotta, appunto. Allora ce stava ‘sta mignotta minorenne che se l’era sposata Pinkerton, uno che mannaggia a Puccini fa ir marinaio e tocca vestillo de bianco pure se in vita sua s’è magnato tutto er magnabbile,

Continua a leggere

La bohème

Dunque ce staveno quattro morti de fame che abbitavano drento a ‘na soffitta de Pariggi, uno faceva er pittore, uno er poeta, uno er filosofo e uno er musicista, dunque in sostanza nessuno faceva un cazzo de utile ne la vita, e la viggilia de natale er musicista aveva appena guadagnato quattro sordi e dice ‘mbè, annamoseli a sputtanà ar bar qua sotto, vabbè annamo. Er poeta dice annate avanti voi che io ciò da fa’, ve raggiungo. Come questi se ne vanno je bussa la tisica der piano de sopra, morta de fame pure lei, che je s’era spenta la cannela e se mettono a chiacchierà, che fai, io li fiori de carta e tu?, io le poesie, ‘mbè sostanziarmente nessuno de noi due fa un cazzo, direi de no, oddio me sento male, e mo’ come fo?, Continua a leggere

Turandot

20130902-180706.jpgTurandot è ‘na fiabba cinese che parla de’ ‘na principessa che era rimasta friggida pe’ via che j’aveveno stuprato nonna, e invece de anna’ da lo psichiatra pe’ risorve er blocco, che fa? Siccome che er padre j’aveva detto che era ora che se sposava, essa dice sì, me sposo, a patto che chi la vole risorva tre indovinelli: si ce riesce bene, se no lo scapoccio. E difatti l’opera comincia in mezzo a un macello de capocce tajate indove che se fanno largo da ‘na parte un vecchio cieco che se chiama Timur (cieco de tradizione, no de spartito) e una che piagne sempre che se chiama Liù, e da quell’altra Calaf che è tenore e te n’accorgi subbito da come cammina. Continua a leggere

Tosca

tosca_1024

“Nun te la do, è inutile che insisti” je fa Tosca a Scarpia, “nun te l’ho data ieri e nun te la do oggi, ma come te lo devo dì che me fai schifo, che si te vedo vommito, che piuttosto che dalla a te me la cucio?”. Vabbè, dice Scarpia, e io t’ammazzo er fidanzato che sta nelle celle qua sotto co’ ‘na corda intorno alla capoccia che basta che schiocco un dito e je danno una de quelle girate che je schizza er cervelletto. “Fammece pensa’ un attimo’ “, je dice Tosca.
Che poi tutto questo non sarebbe successo se Tosca Floria, ‘na cantante de successo, non fosse stata gelosa marcia de ‘na donna che er su’ fidanzato giacobbino, Cavaradossi Mario, aveva dipinto co’ le zinne de fori su un artare de Sant’Andrea de la Valle. Fatto ‘sta che ‘na mattina Floria je piomba in chiesa e je fa “embe’, chi sarebbe quer mignottone bionno?” Continua a leggere