I Lombardi Alla Prima Crociata

all the single ladiesSiccome che me sa tanto che stamo pe’ rianna’ in guera, me pare appropriato ariccontavve la trama dei Lombardi alla Prima Crociata, che sarebbe dove se so’ inventati che pe’ anna’ a pija li quatrini der mediorente bastava dì diolovòle e gnisuno ciaveva più gnente da di’. A me ‘st’opera me piace un casino pe’ ‘na serie de bboni motivi: er primo che cambia un sacco de lochescion, e quinni nun fai a tempo a capi’ ‘ndo cazzo stai che già stai da n’antra parte, er seconno che ce sta un sacco de cori, e er terzo è che c’è un sacco de bbella musica drento. Allora se comincia che stamo a Milano e ce stanno du’ fratelli che doppo che aveveno litigato pe ‘na fica ‘n sacco de tempo fa, mbè oggi fanno la pace davanti a tutti. E difatti er coro dice “anvedi hanno fatto pace, che carucci, tu te fidi?, io no” e ciavevano raggione perché Arvino era bbono ma Pagano era stronzo, come Romolo e Remo.

Continua a leggere

Macbeth

Lady MacbethAmmazza che zozzo aho’, ma nun puliscono mai? Ce sta sangue dappertutto, ce sta. Sarà che mi’ marito ne ‘sta stanza c’ha sgozzato er re Duncano co’ tutte le guardie sua, ma ammazza che zozzo. Famme pija’ er Cif. Gnente, manco cor Cif viene via. Morammazzata a me e quanno do le feste che poi me tocca pulì, dice viene er re, ‘mbe’ ammazzamolo no?, j’ho detto a mi’ marito, scusa, le streghe nun t’hanno detto che diventerai re tu? Embè, accorciamo i tempi bello mio, se no qui ce famo notte. Quer cacasotto de mi’ marito gnente, va drento a la stanza ma poi torna dice aho’, e mica je l’ho fatta a fini’ er lavoro. Quanto ce rimango demmerda quanno fa così, ma chi me l’ha fatto fa’ a sposa’ ‘sto cojone? Pijo er cortello, entro e fo ‘na carneficina, comanna e fa da te sei servita come un re, appunto. Ma che c’ho su le mano?

Continua a leggere

Simon Boccanegra

Me presento, so’ Maria Amelia Fieschi Grimaldi Boccanegra e tra un po’ pure Adorno: so’ una nessuna e centomila, a me Pirandello me fa’ ‘na pippa. Er fatto è che io sarei la fija illegittima de Simone Boccanegra che s’era scopato a mamma prima der matrimonio, e siccome nonno mio pe’ sto fatto c’è annato in puzza, papà m’ha anniscosta da ‘na vecchia che abitava da le parti de Pisa. Mo’ un bel giorno papa’ mio va a trova’ mamma Fieschi e incontra nonno che je fa “‘ndo sta mi’ nipote?” “Morammazzato se te lo dico” je fa papà, ma nun sapeva che nonno j’aveva preparato un bello scherzetto. Difatti quanno Simone va a trova’ mamma Maria (se chiamava come me, pe’ comprica’ le cose) la trova morta, ce resta de merda ma poi arriva uno che se chiama Paolo Albiani che je dice a papà che l’hanno fatto dogge. E così un bel giorno me l’aritrovo a casa mia perché Paolo me se voleva ingroppa’ e soprattutto perché i mi’ fratelli Grimardi erano nemici sua. Dice, ma come Grimardi? Un momento che ve spiego: Continua a leggere

La traviata

Dunque ce stava ‘na mignotta co’ la tosse che se chiamava Violetta e se faceva mantene’ da un barone, senonchè sotto le finestre je faceva la serenata uno che veniva da la campagna e che ‘na bella sera se l’aritrova dentro casa e se innamoreno. Essa dice “ma farò bene a innamoramme o sara’ mejo continua’ a scopa’? Boh, bevemoce sopra”. Fine primo atto.
Ner seconno atto Violetta e quello de le serenate che se chiama Arfredo so iti a vive assieme, e Arfredo canta un’aria dove dice quanto sto bene, ammazza come so’ contento. E te credo: trovi una che se innamora e in più è mignotta, stai come a sette e mezzo! Continua a leggere

Aida

celeste-aidaAllora, cominciamo a chiarì una cosa: Aida non è celeste, è nera, ner senso che è una principessa etiope che è diventata schiava de li Faraoni e lì se innamora de Radames, perché è bello, giovane, c’ha il fascino della divisa e in più è tenore, e nell’opera se sa che er soprano va cor tenore, non ce so’ santi che tengano.
Mo’ il problema sta nel fatto che pure la fija der Faraone, Amneris, è innamorata de questo, e già so’ cazzi, e in più a Radames je dicono se per cortesia va a da’ una sterminata agli etiopi che hanno francamente rotto li cojoni una vorta de troppo. Radames va e ritorna vincitore (che je l’aveva detto pure Aida ma poi je so’ venuti li rimorsi de coscienza perché dice ahò, qui come me movo me fulminano, se vince lui m’ammazza i parenti, se vincono i parenti ammazzano a lui) e durante tutto un trionfo coi flabelli e gli elefanti e i cammelli e er popolo e i sacerdoti e i raggi laser se la reggìa è contemporanea presenta ar faraone i priggionieri de guera. “Anvedì, papà mio” dice Aida, ma quello je dice sta zitta scema, e racconta ar faraone che sì, lui è er padre, ma che er re, ossia lui ma non se deve sape’, era morto e che lui era solo un soldato qualunque. Radames se intenerisce pe’la pora Aida che e chiede ar Faraone de liberà li priggionieri. Ramfis, er gran sacerdoteche era un pezzodemmerda, dice sì, vabbè, ma almeno tenemose in ostaggio Aida co’ su’padre. Detto fatto. Er faraone pè sovrappiù promette Nerise in sposa a Radames. Aida ce resta de merda, anche pe’ via der fatto che già s’erano fatte na litigata lei e la Nerise sul tema Radames, che la Nerise j’aveva detto “volemo fa a chi so’ io e chi sei tu? Io so’io e tu non sei un cazzo” come er marchese der grillo, solo he Aida dice, mbe’, propriamente un cazzo no, io sarei fija de…”de na mignotta” je fa Nerise e se conclude lì. Continua a leggere

Rigoletto

rigoletto1Allora ce sta uno come Berlusconi che faceva le orge però fori non lo doveva sapè nessuno, che però poi come ar solito lo sapevano tutti ma lui se ne fregava che tanto era er DucadeMantova e poteva fa’ er cazzo che je pareva. Come Berlusconi, t’ho detto. Mo’ durante una de ‘ste borge, mentre che er DucadeMantova se stava a intorta’ la moje der conte de Ceprano (che stava zitto perché je conveniva) ariva Rigoletto, che già era gobbo in più ciaveva un nome demmerda, che de mestiere faceva er buffone de corte e comincia a pija’ per culo ar conte. Tutti a ride. Piomba dentro casa un vecchio incazzato come un puma perché er DucadeMantova je s’era scopato la fija, e Rigoletto pija p’er culo pure a lui, ma a questo je fumano e je dice “potessi passa’ tu quello che passo io.” E poi aggiunge “sii maledè” e tutti immagginamo che abbia detto pure “tto” ma siccome lì l’orchestra esplode non se sente più un cazzo e annamo a senso. Allora Rigoletto torna a casa e mentre è lì che se gratta li cojoni pè scaramanzia e dice che vita demmerda che sto a fa’, incontra Sparafucile che in sostanza je fa “aho’, si voi ammazza’ quarcuno io costo poco, e nello stesso prezzo ce metto pure quella zoccola de mi’ sorella pe’ rimorchiallo”. Rigoletto dice beh, bono a sapesse.

Continua a leggere

Il trovatore

Allora Trovatore. Tutto succede perché ‘na zingara matta, che il conte de Luna padre j’aveva arrostito mamma, se vole vendica’ e allora rapisce uno dei fiji der conte e se lo porta nell’accampamento de zingari pe’ daje foco pure a lui. Ma siccome che non ce sta con la testa da’ foco ar suo de fijo. “oh, che smaronata! E mo’? Vabbè, me tengo er fijo der Conte e dico che è mio, sticazzi, chi se n’accorge?”. Er fijo der Conte, che mo’ è cresciuto e se chiama Manrico, se incapriccia de una e je va a fa’ le serenate sotto le finestre. Pure l’altro fijo der Conte, che mo’ se chiama Contediluna, è incapricciato de ‘sta Leonora, e tutti e due s’aritrovano sotto la finestra de questa che scende e se abbraccia Contediluna pensando che fosse Manrico, Manrico se incazza, i due se sfidano a duello. Continua a leggere