Iris

Irise è ‘n’opera de Mascagni de quelle che le conoscono in pochi grazie a dio, che se mette in scena ‘na vorta ogni tanto a beneficio de li soprani che ancora devo capi’ perché la vonno canta’, forse ciavranno avuto un trauma da ragazzine, boh, io nun me lo spiego. Cioè, nun è che è proprio brutta, intennemose: è che si l’hai sentita o meno nun te cambia un cazzo, a parte l’inno ar sole che se uno s’aricorda quanto l’hanno adoprato li fascisti se tocca immediatamente li cojoni. Mo’ ve racconto che succede, anche se a ariva’ a favve ride quanto le note scritte da Illica nel libbretto me sa che nun je la fo, ma provamoce. Continua a leggere

Annunci

L’amico Fritz

L’Amico Fritze è una de quelle opere che se mettono su una vorta ogni morte de papa, pe’ fa contenta qualche abbonata vecchia, o un sovrintendente vecchio che je ricorda tanto la prima vorta che è annato in teatro, o un direttore artistico vecchio che l’aveva vista dar loggione, o un tenore che je piace da fa’ er giovanotto in scena pure se cià cinquant’anni e a guardallo pare che de ciliegie n’ha magnate abbastanza ne la vita. Sia come sia, me tocca aricconta’ la trama dell’Amico Fritz, che me potrei sbriga’ in quattro e quattr’otto dicendove che se sposeno perché a conti fatti in quest’opera nun succede davero un cazzo. Ma siccome che poi dice eh, te la voi cava’ con poco, allora scenno ner dettajo e nun ve la pijate co’ mme se poi alla fine ce restate demmerda. Continua a leggere

Cavalleria rusticana

turiddu_1024

Ammazza che ficata fa’ er carrettiere, dice Alfio. Eh, nun sai quanto, considerando che tu’ moje Lola tutte le vorte che parti te mette un canestro de corna co’ Turiddu e ce lo sa tutto er paese. Che poi ‘sto Turiddu era veramente ‘na bbestia perché ciaveva pure ‘na storia co’ Santuzza, che vabbè era ‘na rompicojoni ma c’è modo e modo de fa’ le cose. Santuzza poraccia va dalla madre de Turiddu e je dice guarda che tu’ fijo me mette le corna co’ Lola, ma siccome che pe’ le madri er fijo è sempre bono e caro lei je risponne “nun te preoccupa’, nun fa’ gnente, nu’ lo di’ a nessuno, vie’ a prega’ in chiesa che è Pasqua” ma Santuzza je dice che lei in chiesa non ce po’ mette piede perché è scomunicata, ‘na metafora da elegante librettista pe’ di’ che Turiddu je l’ha infilato abbondantemente in tutti i buchi. Continua a leggere