Pagliacci

Allora ce stava uno che se chiamava Sirvio (boni!) che s’era incapricciato de n’attricetta de mezza tacca e se la voleva porta’ via (boni, v’ho detto!) e lei, che se chiamava Nedda, ce stava pure, ma er problema era che ‘sta Nedda era la moje de Canio, er capocomico de ‘na compagnia de giro. Dentro ‘sta compagnia ce stava pure uno che se chiamava Tonio, brutto come la fame e pure gobbo, oppure scemo, lì dipende da quello che vole fa’ er reggista. In genere dicono gobbo perché è più facile: se ar cantante je dici che deve fa’ lo scemo c’è caso che nella recitazione non je cambi un cazzo. Insomma dicevamo de ‘sta Nedda che era una che l’ucelli je piaceveno eccome, tant’è che je canta pure ‘na canzonetta che dice “anvedi quanti ucelli, quanto so’ belli, ma ‘ndo cazzo volerete ahò.” Continua a leggere