Norma

“Ammazza che donna che sei a Norma! E chi ce lo sapeva? Quanto te amo.” “Te possino ammazzatte, a Pollio’, e ce dovevamo fini’ sur rogo assieme pe’ fattelo capi’?” Sì perché l’ommini so’ stufarelli, e Pollione non faceva eccezione: prima ingravida Norma che già nun avrebbe potuto visto che era ‘na sacerdotessa gallica e pure vergine, e je fa’ fa’ du fiji senza che gnisuno se n’accorgesse, cosa relativamente facile perché le Norme so’ già larghe de suo, e poi se incapriccia de’ Adargisa, ‘n antra sacerdotessa, vergine pure quella, e se la vo’ porta’ a Roma visto che esso era un generale romano e tra poco je finiva la campagna de Gallia e pure le vergini. Nun aveva però fatto li conti cor fatto che Norma e Adargisa ereno amiche, e un giorno Adargisa va da Norma e je dice nun me mena’, ma me so’ innammorata. De chi?, je fa Norma. Continua a leggere