QUELLE TRAME SVELATE: THE COMPETISCION! And de uìnner is…

cliccate ‘mpo’ qua pe’ scopri’ chi ha vinto.

Annunci

QUELLE TRAME SVELATE: THE COMPETÌSCION! Votate, votate, votate!

E FINALMENTE JE L’AVÉMO FATTA!

So’ arivate ben QUATTORDICI trame pe’ la nostra competiscion, le potete lègge sulla pagginetta nostra de feisbù (in ordine de come ce so’ arivàte):

  1. Il trovatore, di Elisabetta Berto
  2. Fidelio, di Filippo Bozzi
  3. Tosca, di Angelo Pecorelli
  4. I Shardana, di Vittoria Lai
  5. Manon Lescaut, di Franca Albanese
  6. Dido & Aeneas, di Isabella M.
  7. Turandot, di Michelangelo Gregori
  8. L’incoronazione di Poppea, di Giulio Ongaro
  9. Fedora, di Guido Schillaci
  10. Le nozze di Figaro, di Arianna Lodi
  11. Les dialogues des carmelites, di Stefania Laura
  12. Tosca, di Fulvio Sammuri
  13. Evaristo, le leggi di Cristo e il carro colorato, di Annamaria Fogliaro
  14. Lohengrin, di Federico La Barbera

Pe’ vota’ avémo approntato un apposito aggeggétto (così pònno vota’ pure quelli che nun ciànno feisbù. Sì, esistono.) che trovate a questo link:

CLICCA QUA PE’ ANNA’ ALL’AGGEGGETTO PE’ VOTA’ LE TRAME!!!

VOTATE, VOTATE, VOTATE! Se vota fino alla mezanotte de Allouin (31 ottobbbre)!!!

Sémo mejo de Missitàglia (mo’ vabbè, nunn’è che ce vòle molto, disciamo…) e nun ciavémo manco bisogno der bravo presentatore co’ la valletta! Daje!

Quelle Trame Svelate: the competìscion!

luscia-de-lammermu-rincojonitaGuarda ‘mpo’ che bella penzata ciò avuto: ‘NA BELLA COMPETISCION DE TRAME!

REGOLAMENTO:

Funziona così: ciavéte tempo fino a mezzanotte der 28 ottobbre 2013 pe’ riscrive ‘na trama d’opera a scelta vostra.

La potete scrive come ve pare, in itagliano, in ingrese, in milanese, in napoletano, in siciliano, COME VE PARE.

Quanno che l’avete scritta la spedite a quelletramesvelate@gmail.com

Il 29 a matìna me svejo, me lavo la faccia, faccio colazzione, e poi leggo le email, e posto le vostre trame sulla nostra paggina de feisbù, così nun potete di’ «ah, ma coso l’ha postata una settimana prima de me, pe’ quello cià più voti!» eccetera. No: tutti inzieme appassionatamente, e poi se vota fino a Allouin.

Quello che becca più voti (NUN BARATE CHE VE SGAMO SUBBITO!) vince er prezziosissssssssimo disegnino origginale de quella rincojonita de Luscìa de Lammermù (lo metto pure drento a ‘na cornicetta, tiè).

Come ve pare ‘sta gegnalàta?

Aricordàteve: pe’ invia’ le trame ciavéte tempo fino a mezzanotte der 28 ottobbre 2013, fafféde er timbro postale.

Disce: ahò, ma ‘nce sta er timbro postale sull’internet…

Vabbè, allora fàmo che fàmo a fidàsse. Aut. Min. Rich.

Die Zauberflöte (Il flauto magico)

20131008-222310.jpgEr flautomaggico è un’opera leggera de Mozart, anzi non è manco un’opera, sarebbe come una specie de musical der tempo suo che lui l’aveva scritto pe’ ‘n amico che faceva l’attore e cantava un po’ a cazzo de cane e pe’ la compagnia sua de guitti, così, tanto pe’ divertisse, e difatti non l’ha chiamata opera ma singspiel, cioè come pe’ di’ che tu te diverti mentre che canti e ciài pure li dialoghi parlati invece de li recitativi, e invece mo’ tante vorte se vede che li cantanti lirici cantano mejo ma se divertono meno, ma queste so’ considerazioni mie, annamo avanti. Allora ce stava ‘na stronza friggida co’ ‘no zufolo maggico che l’aveva smollata ‘na vorta a un basso che se chiamava Sarastro, e da quer giorno staveno sempre a litiga’ pe’ chi se doveva tene’ la fija Pamina, na rompicojoni perfettina che pare che ce l’aveva solo lei perché come apriva bocca veniva sempre fori ‘na melodia che era ‘na meravija, sempre che la canti er soprano giusto perché se non sai lega’ viene fori ‘na mmerda, ma queste pure so’ considerazioni mie, annamo avanti.

Continua a leggere

Manon Lescaut

Dice er problema dell’immigrati, eh, state a senti’ questa. Dunque ce stava ‘na mignotta, perché in opera a mignotte nun tremamo, che se chiamava Manon Lescò, che un ber giorno ariva cor postale drento ‘na piazza e vede er tenore Degriè e se guardano e esso se innamora de lei che era tanto giovane e tanto caruccia, nun ce lo sapeva che era ‘na mignotta ma a ‘sto punto dell’opera nun ce lo sapeva manco lei per quanto le potenzialità ce stavano tutte perché se stava pe’ fa’ monaca, e se sa che chi studia dalle sòre o diventa mignotta o diventa santa, ma più spesso la prima che ho detto.
Insomma se incontrano e lui je fa anvedi che sorchetta, come ve chiamate? “Manon Lescò me chiamo” je fa lei, e lui uuuuh, Manon Lesco’, anvedi, Manon Lescò, che ber nome, uuuh, arivedemose no? E difatti nun solo se rivedono, ma stranamente er tenore c’ha un guizzo de intelligenza, e siccome che aveva sentito che er fratello de lei la voleva fa rapi’ da un banchiere bavoso che se chiamava Geronte pe’ falla diventa’ l’amante sua, esso dice cor cazzo, mo’ la rapisco io e Geronte se la va a pija’ ‘nder culo. Continua a leggere

I racconti di Hoffmann

I Racconti de Offa so’ un po’ come un firme de Fellini, che uno ce va e dice ammazza, bello, peccato che nun c’ho capito un cazzo, e allora ariva quello esperto de Fellini e te dice “che ce volevi capi’? E’ come un sogno, che li sogni tua ciànno ‘na loggica? No. E allora godite er sogno e nun sta’ a rompe li cojoni”. Nei Racconti de Offa uguale, che difatti è tutto ‘n viaggio tra le donne che nun se capisce che vor di’ però e bello, che poi c’è chi dice che le donne che Offa incontra so’ sempre la stessa c’è chi dice che so’ tre diverse e anche la faccenna che Offenbach c’è morto sopra e non l’ha finita ha aiutato pe’ la scesa perché ognuno la finisce come je pare, ce stanno più versioni de Offa che Cristi su la croce.

Continua a leggere

Lucia di Lammermoor

luciaAllora dovete sape’ che c’è stato ‘n periodo indove che li compositori e li libbrettisti avevano fatto la bella pensata de fa’ impazzi’ li soprani, no ner senso che se le volevano porta’ a letto (oddio, pure, ma er teatro, se sa) ma ner senso che alla fine dell’opera le facevano parti’ de brocca così quelle cominciavano a ‘nfila’ ‘na sfirza de sopracuti a cazzo che spesso ce ne mettevano pure de più de quelli che erano scritti che ar compositore che je frega tanto so’ matta, perché volevano fa’ vede quant’erano brave e poi ar pubbrico er foco d’artificio j’è sempre piaciuto, anvedi quanto sale, ma che nota sarà boh, certo che è brava, mai come quell’artra, quell’artra chi, la greca, ma è morta, e che vor di’, ah, vabbè. Una de le matte più famose è Lucia de Lammermoor, che sarebbe ‘na ‘mbecille che già sana de suo nun era perché vedeva li fantasmi dapertutto, figurete come diventa quanno je fanno sposa’ er tenore sbajato.

Continua a leggere