Anna Bolena

Allora ce sta Bolena che er re non la po’ più vede’, e er coro che se lamenta e dice uuuh aaaah porella mbe’ non è più quella ma che ciavrà boh cose de donne, e essa ariva e fa finta de gnente, dice ahò, che è ‘sta mosceria, Smeton famme er piacere, pija la chitara e sonace ‘na cosa. Quello se mette a canta’ fiore de prato fiore de panna ma quant’è bona la sora Anna, ma essa se incupisce perché pensa ar primo amore suo, Persì (che sembra er nome de un sapone pe li piatti), me sa che ho fatto ‘na cazzata a vole’ diventa’ reggina, Simùr amica mia se tante vorte un re te la chiedesse non je la da’ che nun è tutto oro quello che luccica, e se ne va.

Quella, Sìmur, ce resta piuttostodemmerda in quanto che un re se lo stava a cavalca’ da tempo, eccome, proprio Enrico che era er marito de Anna, co’ tutto che Anna era la mejo amica sua, come pe’ ribadì er detto che “da li mejo amici, le mejo cortellate”, e dice mo’ quanno ariva lo lascio. Però quanno Enrico ariva essa nun je la fa a lassallo e je canta una cosa come quella de Mina, vorrei farlo però ti svegli e al tuo richiamo rispondo sono qui amore mio ti amo, solo che questa dura parecchio de più, me ne vo, resta, vado, ma ‘ndo vai, resta, no, te fo reggina, e Anna?, ce pensamo dopo nun te ne anna’, me ne vado, resta, vabbé resto se no qui non la finimo più. Continua a leggere