Don Giovanni

Ce stava uno che le donne le considerava giusto pe’ fa’ mucchio, dice fori una dentro un’artra, non me frega gnente come te chiami dimme solo de dove sei che devo mette la bandierina su la mappa come Fede quanno fa’ la cronaca dell’elezzioni, e se chiamava Dongiovanni, che appunto pure adesso uno che se comporta ne’ sto modo lo chiamamo dongiovanni pure a lui, così mo’ ce lo sapete perché.

Insomma Dongiovanni ‘na bella sera decide de infilallo su a Donnanna, la fija de ’n commendatore che era promessa sposa de Donottavio, e je se inguatta ammascherato ne la cammera da letto pe faje bu’, ma essa gnente, se divincola, se storce, se sfila (dice lei) e scappa in giardino indove che a forza de strilli ariva er padre che sfida a duello Dongiovanni ma siccome è vecchio e rincojonito more subbito, mentre che er servo de Dongiovanni che se chiama Leporello sta dentro un cespujo a cacasse sotto. Scappeno via e ecchete che ritorna Donnanna co’ quer sellero de Donottavio, che difatti è tenore, vede su’ padre morto pe’ tera, ce resta demmerda e dice papà, papà mio, me l’hanno ammazzato, giura che me lo vendichi, giura, e vabbè giurerò dice er tenore e vanno via.

Però siccome ogni tanto ce stanno de quelle giornatine dove hai voja a scappa’, ‘ndo vai, come te movi te furmino, ecco che Dongiovanni se mette a fa’ la corte a una che se move come ‘na matta, ma se accorge solo dopo che se l’era già fatta (è successo un sacco de vorte pure a me): trattasi de Donnervira, ‘na virago de Burgos che era de quelle che pe’ dattela se deve senti’ di’ che te la sposi, e che difatti stava a cerca’ propio Dongiovanni pe’ fallo nero visto che cor cazzo che se l’era sposata.  Continua a leggere

Annunci