Don Pasquale

20131207-174245.jpgAriecchime sa, c’ho avuto da fa’, embé, ciò pure ‘na vita che non sarà granché ma è la mia e ce so’affezzionato. Dunque io v’aricconterei la trama dell’opera che sto a fa’, erdompasquale, che m’arisurta difficile scrivela perché er fijo de Tito Schipa aveva fatto ‘na riduzione a musical in romanesco che a dimenticassela mentre scrivo so’ cazzi, comunque ce provo, risartasse fori io ho messo le mano avanti.

Allora stamo a Roma dentro casa de dompasquale, un vecchio che non se l’è mai appettato nessuno e che sta lì lì pe’ stira’ le zampe, co’ un nipote che se sta a fa’ la punta ar cazzo nell’attesa che lo zio mora e je lasci l’eredità.

Sì, allora magni: perché Pasquale ce lo sapeva che er nipote era un tenore e se sarebbe sputtanato tutto in mignotte, automobbili e ristoranti, e je dice de sposasse una che ciaveva li sordi de suo e che quinni avrebbe fatto un bon affare. Ma er tenore, Ernesto, je dice none, io so’ innammorato de Norina, che poi sarebbe er soprano, ‘na vedova squatrinata che però se vede che la dote ce l’aveva in mezzo alle cosce visto che canta un’aria dove in sostanza dice che a fa arapa’ l’omini non è seconna a nessuno.
Continua a leggere