Fedora

 fedora

La Fedora de Giordano sarebbe n’opera verista, che significa quanno hanno detto mo’ raccontamo le storie de tutti i giorni però strillando un po’ de più, fatte conto come ‘na sorta de neorealismo contro er cinema patinato.
Mo’ ne’ sto caso la vita de tutti i giorni sta in Russia, dove ‘na principessa vedova e piena de soldi se sta’ pe’ sposa’ co’ Vladimiro Andrejevic, un morto de fame coi cravattari dentro casa che giocava e annava a mignotte ma essa Fedora non ce lo sapeva, e infatti quando entra pe’ la prima vorta a casa del fidanzato suo e vede un ritratto de Vladimiro dice “che brav’omo, onesto, devoto chissà quanti pensieri ciavrà ‘ne sta fronte spaziosa, anvedi che boccuccia risarella, me sa che sta a pensa’ a me”.
E gnente, je l’ammazzano subito subito, noi manco lo vedemo, ariva er dottore cor cadavere ancora vivo ma pe’ poco e lo portano in cammera da letto arivederci e ciao. Fedora ce resta demmerda, e poi dice no, lo devo vendica’, lo giuro sulla croce de mamma che porto ar collo, se fa er segno de la croce a la rovescia e se mette a investiga’, e siccome so’ tutti nobbili de ‘sto cazzo pensano subbito che so’ stati i nichilisti.
E invece s’ariseppe da un regazzino ritardato che se chiama Dimitri che era stato Loris Ipanoff er vicino de casa, la polizia core ma quello core più forte de lei ner mentre che Fedora va a fa’ Sarah Bernhardt sur cadavere de Vladimiro.  Continua a leggere