Anna Bolena

Allora ce sta Bolena che er re non la po’ più vede’, e er coro che se lamenta e dice uuuh aaaah porella mbe’ non è più quella ma che ciavrà boh cose de donne, e essa ariva e fa finta de gnente, dice ahò, che è ‘sta mosceria, Smeton famme er piacere, pija la chitara e sonace ‘na cosa. Quello se mette a canta’ fiore de prato fiore de panna ma quant’è bona la sora Anna, ma essa se incupisce perché pensa ar primo amore suo, Persì (che sembra er nome de un sapone pe li piatti), me sa che ho fatto ‘na cazzata a vole’ diventa’ reggina, Simùr amica mia se tante vorte un re te la chiedesse non je la da’ che nun è tutto oro quello che luccica, e se ne va.

Quella, Sìmur, ce resta piuttostodemmerda in quanto che un re se lo stava a cavalca’ da tempo, eccome, proprio Enrico che era er marito de Anna, co’ tutto che Anna era la mejo amica sua, come pe’ ribadì er detto che “da li mejo amici, le mejo cortellate”, e dice mo’ quanno ariva lo lascio. Però quanno Enrico ariva essa nun je la fa a lassallo e je canta una cosa come quella de Mina, vorrei farlo però ti svegli e al tuo richiamo rispondo sono qui amore mio ti amo, solo che questa dura parecchio de più, me ne vo, resta, vado, ma ‘ndo vai, resta, no, te fo reggina, e Anna?, ce pensamo dopo nun te ne anna’, me ne vado, resta, vabbé resto se no qui non la finimo più. Continua a leggere

Annunci

Don Pasquale

20131207-174245.jpgAriecchime sa, c’ho avuto da fa’, embé, ciò pure ‘na vita che non sarà granché ma è la mia e ce so’affezzionato. Dunque io v’aricconterei la trama dell’opera che sto a fa’, erdompasquale, che m’arisurta difficile scrivela perché er fijo de Tito Schipa aveva fatto ‘na riduzione a musical in romanesco che a dimenticassela mentre scrivo so’ cazzi, comunque ce provo, risartasse fori io ho messo le mano avanti.

Allora stamo a Roma dentro casa de dompasquale, un vecchio che non se l’è mai appettato nessuno e che sta lì lì pe’ stira’ le zampe, co’ un nipote che se sta a fa’ la punta ar cazzo nell’attesa che lo zio mora e je lasci l’eredità.

Sì, allora magni: perché Pasquale ce lo sapeva che er nipote era un tenore e se sarebbe sputtanato tutto in mignotte, automobbili e ristoranti, e je dice de sposasse una che ciaveva li sordi de suo e che quinni avrebbe fatto un bon affare. Ma er tenore, Ernesto, je dice none, io so’ innammorato de Norina, che poi sarebbe er soprano, ‘na vedova squatrinata che però se vede che la dote ce l’aveva in mezzo alle cosce visto che canta un’aria dove in sostanza dice che a fa arapa’ l’omini non è seconna a nessuno.
Continua a leggere

Quelle Trame Svelate: the competìscion!

luscia-de-lammermu-rincojonitaGuarda ‘mpo’ che bella penzata ciò avuto: ‘NA BELLA COMPETISCION DE TRAME!

REGOLAMENTO:

Funziona così: ciavéte tempo fino a mezzanotte der 28 ottobbre 2013 pe’ riscrive ‘na trama d’opera a scelta vostra.

La potete scrive come ve pare, in itagliano, in ingrese, in milanese, in napoletano, in siciliano, COME VE PARE.

Quanno che l’avete scritta la spedite a quelletramesvelate@gmail.com

Il 29 a matìna me svejo, me lavo la faccia, faccio colazzione, e poi leggo le email, e posto le vostre trame sulla nostra paggina de feisbù, così nun potete di’ «ah, ma coso l’ha postata una settimana prima de me, pe’ quello cià più voti!» eccetera. No: tutti inzieme appassionatamente, e poi se vota fino a Allouin.

Quello che becca più voti (NUN BARATE CHE VE SGAMO SUBBITO!) vince er prezziosissssssssimo disegnino origginale de quella rincojonita de Luscìa de Lammermù (lo metto pure drento a ‘na cornicetta, tiè).

Come ve pare ‘sta gegnalàta?

Aricordàteve: pe’ invia’ le trame ciavéte tempo fino a mezzanotte der 28 ottobbre 2013, fafféde er timbro postale.

Disce: ahò, ma ‘nce sta er timbro postale sull’internet…

Vabbè, allora fàmo che fàmo a fidàsse. Aut. Min. Rich.

Lucia di Lammermoor

luciaAllora dovete sape’ che c’è stato ‘n periodo indove che li compositori e li libbrettisti avevano fatto la bella pensata de fa’ impazzi’ li soprani, no ner senso che se le volevano porta’ a letto (oddio, pure, ma er teatro, se sa) ma ner senso che alla fine dell’opera le facevano parti’ de brocca così quelle cominciavano a ‘nfila’ ‘na sfirza de sopracuti a cazzo che spesso ce ne mettevano pure de più de quelli che erano scritti che ar compositore che je frega tanto so’ matta, perché volevano fa’ vede quant’erano brave e poi ar pubbrico er foco d’artificio j’è sempre piaciuto, anvedi quanto sale, ma che nota sarà boh, certo che è brava, mai come quell’artra, quell’artra chi, la greca, ma è morta, e che vor di’, ah, vabbè. Una de le matte più famose è Lucia de Lammermoor, che sarebbe ‘na ‘mbecille che già sana de suo nun era perché vedeva li fantasmi dapertutto, figurete come diventa quanno je fanno sposa’ er tenore sbajato.

Continua a leggere

Maria Stuarda

maria-e-bettaOggi ve parlo de Maria Stuarda, un’opera de Donizzetti che però prima l’aveva fatta pure Mercadante ma j’era annata buca perché quanno l’ha scritta Donizzetti è come se j’avesse detto “bravo, mo’ levete” e infatti quella de Mercadante nun la conosce più nessuno e pure Mercadante non è che se je lo chiedi a mi’ nonna te dice chi è. Insomma la storia è para para a quella de Sciller, che te dice che la Stuarda era bbona e Elisabbetta era ‘na stronza solo perché la Stuarda era cattolica e Elisabbetta no. Mo’ ‘ste due erano cuggine ma se staveno reciprocamente sur cazzo, tanto che la Stuarda era finita in galera e il giorno indove che Elisabbetta dice che se vole sposà ariva Talbot e dice libberala, ma la reggina dice “cor cazzo, se ne resta in galera” anche perché so’ innamorate dello stesso omo, Lester o Leisester o Leicester a seconda de come preferite pronunciallo.

Continua a leggere