Il turco in Italia

Er Turco in Italia è n’opera metateatrale, me capisci, ossia indove che non se sa dove sta la realtà e dove sta er teatro, in quanto ce sta un poeta che se chiama Prosdocimo (ma questo lo indovini se leggi er libbretto perché nell’opera lo chiamano solo Poeta) che all’epoca er Poeta sarebbe er librettista, che deve scrive un libretto pe’ un dramma buffo e non sa ‘ndo sbatte la capoccia, e allora dice me ispiro alla realtà, fatte conto Eduardo.
E ‘nsomma stamo a Napoli indove ‘sto poeta c’ha er blocco dello scrittore e a un certo punto arìveno li zingari, che ancora nessuno pensava alle ruspe, e esso dice anvedi, li zingari, daje a ride, mo’ qualche cosa me invento e dice “gioia, canti, con l’azione!” solo che er revisore da quarche tempo ce fa’ di’ “colazione” dio solo sa perché, e li convince a cojona’ Geronio, un vecchio sposato a ‘na zoccola che se chiama Fiorilla che de corna je ne metteva a due a due finché non diventavano dispari.
Tra ‘sti zingari ce sta ‘na certa Zaida che sarebbe ‘na turca caduta in disgrazia pe’ via che era una delle moji de tale Selim che convinto d’avecce le corna j’ha dato un carcio e essa è finita a legge le carte a Napoli insieme a ’n amico suo che se chiama Albazar. Er Poeta dice ‘mbé, caruccia, me fai ride, sta a senti’: stasera arriva un principe Turco che vo’ vede’ l’Italia, mo’ vedo de imbarcatte sulla nave sua quando torna a casa, fidate.  Continua a leggere

Il barbiere di Siviglia

rosina_1024

“Uh che palle, mo’ ce racconta er barbiere de Sivija, ce lo sapemo, figarofigaro, mmmma, mmmmasemmitoccano, e ‘nnamo, dicce quarche cosa de novo!”. Ah ce lo sapete, allora ariccontatemela voi. Ecco, lo vedete che nun sapete un cazzo? Allora boni e zitti che mo’ ve racconto. Dunque ce stava una che se chiamava Rosina che j’erano morti er padre e la madre e quinni vive co’ uno che je fa da tutore, ‘no stronzo che se chiama Don Bartolo (no, nun è prete), e se so’ trasferiti da poco a Sivija. Mo’ siccome a Sivija Bartolo nun conosceva gnisuno, e consideranno er fatto che era uno sospettoso de suo, la Rosina la teneva chiusa a chiave pe’ paura che quarcuno se la portasse via, mica perché era innammorato ma perché je s’era magnato tutti li sordi e se la voleva sposa’ lui così gnisuno se ne sarebbe accorto. Lo sapevate questo?

Continua a leggere

Mosè in Egitto

MosèPe’ capì bene ‘sta trama, anzitutto ve dovete scorda’ Ciarlton Eston e li dieci comannamenti che se no ve incasinate, perché questa è ‘na storia libberamente tratta da la Bibbia, ma poi er libbrettista ha fatto un po’ er cazzo che je pareva. Dunque, tutta la storia gira intorno alla verga de Mosè, che come che je dava ‘na sgrullata succedeva sempre quarche cosa de brutto pe’ll antri e de bono pe’ gli Ebbrei. Siccome che ereno tutti schiavi der Faraone, Mosè se smaneggia la verga e je manna la piaga nummero nove, ossia er buio, l’altre otto ve le dovete immagina’ perché Rossini ariva ar punto, mica è Wagner che v’avrebbe ariccontato pure li broccoli che s’era magnato a Natale, ‘ndo l’aveva comprati, come se l’era cotti e er punto de colore de la merda che aveva fatto doppo. Gli Eggizziani se spaventeno e libberano gli Ebbrei, senonché ariva er tenore e dice noooo, io so’ innammorato de un’ebbrea che se chiama Elcia e col cazzo che li fo parti’, e se mette d’accordo pe’ organizza’ una rivorta cittadina contro er faraone. Continua a leggere

Cenerentola

“Hai finito de canta’? Va a pulì’ casa invece de sta a fa’ la Callas!” je fanno le sorellastre a Cenerentola, che poi se chiama Angelina ma siccome passa la vita a buco punzone co’ la capoccia su pe’ ‘l camino a pulì s’è ritrovata quer soprannome lì e ce la chiamano tutti. Angelina sarebbe la fijastra de un Barone che s’era rimorchiato la madre quann’era rimasta vedova, esso aveva seppellito pure quella e era rimasto dentro casa co’ du’ fije che avrebbero potuto fa’ le veline da quant’erano stupide e co Angelina, appunto, che je faceva da serva. Senonché un giorno ariva er Principe in persona dentro casa che stava a cerca’ moje, solo che la cercava travestito da servo perché li signori so’ stravaganti, e come vede Cenerentola ce casca come un fico e comincia a faje le lontananze. E je fa “mo’ guarda che ariva er Principe”. E difatti ariva Dandini, er servo vero, travestito da Principe che dice “ho scopato come un riccio, ma mo’ me vojo sposa’, stasera do un ballo, sete tutti invitati.”. Continua a leggere