Il barbiere di Siviglia

rosina_1024

“Uh che palle, mo’ ce racconta er barbiere de Sivija, ce lo sapemo, figarofigaro, mmmma, mmmmasemmitoccano, e ‘nnamo, dicce quarche cosa de novo!”. Ah ce lo sapete, allora ariccontatemela voi. Ecco, lo vedete che nun sapete un cazzo? Allora boni e zitti che mo’ ve racconto. Dunque ce stava una che se chiamava Rosina che j’erano morti er padre e la madre e quinni vive co’ uno che je fa da tutore, ‘no stronzo che se chiama Don Bartolo (no, nun è prete), e se so’ trasferiti da poco a Sivija. Mo’ siccome a Sivija Bartolo nun conosceva gnisuno, e consideranno er fatto che era uno sospettoso de suo, la Rosina la teneva chiusa a chiave pe’ paura che quarcuno se la portasse via, mica perché era innammorato ma perché je s’era magnato tutti li sordi e se la voleva sposa’ lui così gnisuno se ne sarebbe accorto. Lo sapevate questo?

Continua a leggere

Annunci