Il turco in Italia

Er Turco in Italia è n’opera metateatrale, me capisci, ossia indove che non se sa dove sta la realtà e dove sta er teatro, in quanto ce sta un poeta che se chiama Prosdocimo (ma questo lo indovini se leggi er libbretto perché nell’opera lo chiamano solo Poeta) che all’epoca er Poeta sarebbe er librettista, che deve scrive un libretto pe’ un dramma buffo e non sa ‘ndo sbatte la capoccia, e allora dice me ispiro alla realtà, fatte conto Eduardo.
E ‘nsomma stamo a Napoli indove ‘sto poeta c’ha er blocco dello scrittore e a un certo punto arìveno li zingari, che ancora nessuno pensava alle ruspe, e esso dice anvedi, li zingari, daje a ride, mo’ qualche cosa me invento e dice “gioia, canti, con l’azione!” solo che er revisore da quarche tempo ce fa’ di’ “colazione” dio solo sa perché, e li convince a cojona’ Geronio, un vecchio sposato a ‘na zoccola che se chiama Fiorilla che de corna je ne metteva a due a due finché non diventavano dispari.
Tra ‘sti zingari ce sta ‘na certa Zaida che sarebbe ‘na turca caduta in disgrazia pe’ via che era una delle moji de tale Selim che convinto d’avecce le corna j’ha dato un carcio e essa è finita a legge le carte a Napoli insieme a ’n amico suo che se chiama Albazar. Er Poeta dice ‘mbé, caruccia, me fai ride, sta a senti’: stasera arriva un principe Turco che vo’ vede’ l’Italia, mo’ vedo de imbarcatte sulla nave sua quando torna a casa, fidate.  Continua a leggere

Annunci

Anna Bolena

Allora ce sta Bolena che er re non la po’ più vede’, e er coro che se lamenta e dice uuuh aaaah porella mbe’ non è più quella ma che ciavrà boh cose de donne, e essa ariva e fa finta de gnente, dice ahò, che è ‘sta mosceria, Smeton famme er piacere, pija la chitara e sonace ‘na cosa. Quello se mette a canta’ fiore de prato fiore de panna ma quant’è bona la sora Anna, ma essa se incupisce perché pensa ar primo amore suo, Persì (che sembra er nome de un sapone pe li piatti), me sa che ho fatto ‘na cazzata a vole’ diventa’ reggina, Simùr amica mia se tante vorte un re te la chiedesse non je la da’ che nun è tutto oro quello che luccica, e se ne va.

Quella, Sìmur, ce resta piuttostodemmerda in quanto che un re se lo stava a cavalca’ da tempo, eccome, proprio Enrico che era er marito de Anna, co’ tutto che Anna era la mejo amica sua, come pe’ ribadì er detto che “da li mejo amici, le mejo cortellate”, e dice mo’ quanno ariva lo lascio. Però quanno Enrico ariva essa nun je la fa a lassallo e je canta una cosa come quella de Mina, vorrei farlo però ti svegli e al tuo richiamo rispondo sono qui amore mio ti amo, solo che questa dura parecchio de più, me ne vo, resta, vado, ma ‘ndo vai, resta, no, te fo reggina, e Anna?, ce pensamo dopo nun te ne anna’, me ne vado, resta, vabbé resto se no qui non la finimo più. Continua a leggere

Fedora

 fedora

La Fedora de Giordano sarebbe n’opera verista, che significa quanno hanno detto mo’ raccontamo le storie de tutti i giorni però strillando un po’ de più, fatte conto come ‘na sorta de neorealismo contro er cinema patinato.
Mo’ ne’ sto caso la vita de tutti i giorni sta in Russia, dove ‘na principessa vedova e piena de soldi se sta’ pe’ sposa’ co’ Vladimiro Andrejevic, un morto de fame coi cravattari dentro casa che giocava e annava a mignotte ma essa Fedora non ce lo sapeva, e infatti quando entra pe’ la prima vorta a casa del fidanzato suo e vede un ritratto de Vladimiro dice “che brav’omo, onesto, devoto chissà quanti pensieri ciavrà ‘ne sta fronte spaziosa, anvedi che boccuccia risarella, me sa che sta a pensa’ a me”.
E gnente, je l’ammazzano subito subito, noi manco lo vedemo, ariva er dottore cor cadavere ancora vivo ma pe’ poco e lo portano in cammera da letto arivederci e ciao. Fedora ce resta demmerda, e poi dice no, lo devo vendica’, lo giuro sulla croce de mamma che porto ar collo, se fa er segno de la croce a la rovescia e se mette a investiga’, e siccome so’ tutti nobbili de ‘sto cazzo pensano subbito che so’ stati i nichilisti.
E invece s’ariseppe da un regazzino ritardato che se chiama Dimitri che era stato Loris Ipanoff er vicino de casa, la polizia core ma quello core più forte de lei ner mentre che Fedora va a fa’ Sarah Bernhardt sur cadavere de Vladimiro.  Continua a leggere

La Gioconda

gioconda

Oggi ve parlo della Gioconna, che pe’ molti de voi è quella che sorride e ve guarda sempre dar salotto de nonna e a qualcun antro invece je viene subbito in mente la danza de le ore co’ l’ ippopotami de Fantasia, e er seconno c’ha preso de più der primo perché se non altro la danza de le ore ne la Gioconna ce sta, ma senza l’ ippopotami, a meno de non vole’ considera la stazza media der tenore e der soprano, ma sarebbe maleducazzione, non ve pare?

Dunque, annamo con ordine. Intanto stàmo a Venezzia davanti a ‘na chiesa dove incontramo subbito subbito Gioconna che è na cantante e che sta a fa’ da cane lupo alla madre cecata e Barnabba che sarebbe ‘na spia che momentaneamente se spaccia pe’ menestrello, e siccome che Gioconna armeno su la carta (poi in teatro nun se sa mai) era ‘na gran fica esso je fa la corte ma essa lo manna affanculo, e Barnabba dice “ah sì? E io t’ammazzo a mamma”. Pe’ di’ er tipo, che è baritono e quindi cattivo come lammerda.

Allora siccome a Venezzia quanno nun cianno gnente da fa’ fanno ‘na regata, Barnabba je dice a quello che ha perso la regata de oggi che ha visto la cecata faje ‘na fattucchieria sulla barca, e siccome che er popolo è bue piano piano ce credono tutti e allora daje, tutti che vonno lincia’ la vecchia, stanno lì lì pe’ ammazzalla quanno ecchete che ariva er tenore Enzo che sarebbe er fidanzato de Gioconna, er mezzosoprano Laura e su’ marito er basso Arvise, che era un nobbile. Laura, nun se sa perché, se mette de mezzo e dice ar marito de sarva’ la cecata e ciarimedia subbito un rosario che j’arigala la vecchia, che se vede che era appena tornata da padrepio e aveva fatto la spesa de souvenir.

E gnente, mo’ Barnabba sta incazzato nero e se mette a chiacchierà co’ Enzo (che nun ve l’ho detto ma scopa co’ Laura, quella sposata cor basso) e Enzo je dice che nottetempo se ne scappa via nave co’ Laura, e Barnabba je dice che lui pure nun è da meno perché morisse ammazzato se non je lo infila a Gioconna, e pe’ faje capi’ mejo la situazione je dice aho’, io so’ er possente demone der consijo dei dieci, mica pizza e fichi, e Enzo ce rimane demmèrda ar punto tale che fa tela.

Mo’siccome che Barnabba è baritono e stronzo, scrive ‘na denuncia indove dice che Enzo e Laura vonno scappa’ e la infila drento la bocca de un leone de pietra perché se usava così, ma quello che non sa è che Gioconna co’ la madre hanno visto tutto, ossia Gioconna ha visto, la madre nun ha visto un cazzo, che sta a succede Gioco’?, zitta ma’che nun me fai capi’. Gioconna a quer punto ce resta demmèrda, dice oh porettamme, me mette le corna, ‘nfame, mejo che ce vado pure io sulla nave de Enzo stanotte che li sputtano a tutteddue, ma ’ndo vai resta, no ce vado, no resta, no ce vado ma’, no resta, no vado, se t’ho detto che ce vado ce vado, e io come faccio senza de te?, comprate ’n cane!

Continua a leggere

Don Giovanni

Ce stava uno che le donne le considerava giusto pe’ fa’ mucchio, dice fori una dentro un’artra, non me frega gnente come te chiami dimme solo de dove sei che devo mette la bandierina su la mappa come Fede quanno fa’ la cronaca dell’elezzioni, e se chiamava Dongiovanni, che appunto pure adesso uno che se comporta ne’ sto modo lo chiamamo dongiovanni pure a lui, così mo’ ce lo sapete perché.

Insomma Dongiovanni ‘na bella sera decide de infilallo su a Donnanna, la fija de ’n commendatore che era promessa sposa de Donottavio, e je se inguatta ammascherato ne la cammera da letto pe faje bu’, ma essa gnente, se divincola, se storce, se sfila (dice lei) e scappa in giardino indove che a forza de strilli ariva er padre che sfida a duello Dongiovanni ma siccome è vecchio e rincojonito more subbito, mentre che er servo de Dongiovanni che se chiama Leporello sta dentro un cespujo a cacasse sotto. Scappeno via e ecchete che ritorna Donnanna co’ quer sellero de Donottavio, che difatti è tenore, vede su’ padre morto pe’ tera, ce resta demmerda e dice papà, papà mio, me l’hanno ammazzato, giura che me lo vendichi, giura, e vabbè giurerò dice er tenore e vanno via.

Però siccome ogni tanto ce stanno de quelle giornatine dove hai voja a scappa’, ‘ndo vai, come te movi te furmino, ecco che Dongiovanni se mette a fa’ la corte a una che se move come ‘na matta, ma se accorge solo dopo che se l’era già fatta (è successo un sacco de vorte pure a me): trattasi de Donnervira, ‘na virago de Burgos che era de quelle che pe’ dattela se deve senti’ di’ che te la sposi, e che difatti stava a cerca’ propio Dongiovanni pe’ fallo nero visto che cor cazzo che se l’era sposata.  Continua a leggere

Don Pasquale

20131207-174245.jpgAriecchime sa, c’ho avuto da fa’, embé, ciò pure ‘na vita che non sarà granché ma è la mia e ce so’affezzionato. Dunque io v’aricconterei la trama dell’opera che sto a fa’, erdompasquale, che m’arisurta difficile scrivela perché er fijo de Tito Schipa aveva fatto ‘na riduzione a musical in romanesco che a dimenticassela mentre scrivo so’ cazzi, comunque ce provo, risartasse fori io ho messo le mano avanti.

Allora stamo a Roma dentro casa de dompasquale, un vecchio che non se l’è mai appettato nessuno e che sta lì lì pe’ stira’ le zampe, co’ un nipote che se sta a fa’ la punta ar cazzo nell’attesa che lo zio mora e je lasci l’eredità.

Sì, allora magni: perché Pasquale ce lo sapeva che er nipote era un tenore e se sarebbe sputtanato tutto in mignotte, automobbili e ristoranti, e je dice de sposasse una che ciaveva li sordi de suo e che quinni avrebbe fatto un bon affare. Ma er tenore, Ernesto, je dice none, io so’ innammorato de Norina, che poi sarebbe er soprano, ‘na vedova squatrinata che però se vede che la dote ce l’aveva in mezzo alle cosce visto che canta un’aria dove in sostanza dice che a fa arapa’ l’omini non è seconna a nessuno.
Continua a leggere