Suor Angelica

Tirate fori li fazzoletti perché ve sto pe aricconta’ la trama de un opera che si nun piagni sei un bojaccia: Suor Angelica. Allora, antefatto: ce stava ‘sta pischella ricca, nobbile, ma nobbilenobbile, principessa che se lo fa sbatte dentro da uno e rimane incinta. Quella stronza della zia, principessa pure lei, ma che probabirmente de cazzo in vita sua aveva visto giusto quello de li puttini sopra all’artare, siccome che li genitori de ‘sta pischella ereno morti e lei era responsabbile, la pija e la fa monaca’. Fine dell’antefatto. Mo drento ar convento questa ce stava da sette anni e era diventata la sòra infermiera, che ognuno che ciaveva un malessere, n’alitosi, n’urcera, ‘na gotta, ‘n’artrite, ‘na diarrea, li baffi, insomma tutte quelle malattie che cianno le sore annava da lei e je diceva aho’ sto male e lei je dava sempre una ricetta bbona fatta co’ ‘li fiori. Un ber giorno escheno tutte le moniche dalla chiesa indove che pregavano e so’ tutte un friccico perché è uno de li du’ giorni dell’anno in cui er sole je filtra ner chiostro, sbatte sull’acqua e la fa’ diventà dorata. Pe’ di’ quanto se potevano diverti’ in quer convento. Continua a leggere

Annunci