Don Giovanni

Ce stava uno che le donne le considerava giusto pe’ fa’ mucchio, dice fori una dentro un’artra, non me frega gnente come te chiami dimme solo de dove sei che devo mette la bandierina su la mappa come Fede quanno fa’ la cronaca dell’elezzioni, e se chiamava Dongiovanni, che appunto pure adesso uno che se comporta ne’ sto modo lo chiamamo dongiovanni pure a lui, così mo’ ce lo sapete perché.

Insomma Dongiovanni ‘na bella sera decide de infilallo su a Donnanna, la fija de ’n commendatore che era promessa sposa de Donottavio, e je se inguatta ammascherato ne la cammera da letto pe faje bu’, ma essa gnente, se divincola, se storce, se sfila (dice lei) e scappa in giardino indove che a forza de strilli ariva er padre che sfida a duello Dongiovanni ma siccome è vecchio e rincojonito more subbito, mentre che er servo de Dongiovanni che se chiama Leporello sta dentro un cespujo a cacasse sotto. Scappeno via e ecchete che ritorna Donnanna co’ quer sellero de Donottavio, che difatti è tenore, vede su’ padre morto pe’ tera, ce resta demmerda e dice papà, papà mio, me l’hanno ammazzato, giura che me lo vendichi, giura, e vabbè giurerò dice er tenore e vanno via.

Però siccome ogni tanto ce stanno de quelle giornatine dove hai voja a scappa’, ‘ndo vai, come te movi te furmino, ecco che Dongiovanni se mette a fa’ la corte a una che se move come ‘na matta, ma se accorge solo dopo che se l’era già fatta (è successo un sacco de vorte pure a me): trattasi de Donnervira, ‘na virago de Burgos che era de quelle che pe’ dattela se deve senti’ di’ che te la sposi, e che difatti stava a cerca’ propio Dongiovanni pe’ fallo nero visto che cor cazzo che se l’era sposata.  Continua a leggere

Die Zauberflöte (Il flauto magico)

20131008-222310.jpgEr flautomaggico è un’opera leggera de Mozart, anzi non è manco un’opera, sarebbe come una specie de musical der tempo suo che lui l’aveva scritto pe’ ‘n amico che faceva l’attore e cantava un po’ a cazzo de cane e pe’ la compagnia sua de guitti, così, tanto pe’ divertisse, e difatti non l’ha chiamata opera ma singspiel, cioè come pe’ di’ che tu te diverti mentre che canti e ciài pure li dialoghi parlati invece de li recitativi, e invece mo’ tante vorte se vede che li cantanti lirici cantano mejo ma se divertono meno, ma queste so’ considerazioni mie, annamo avanti. Allora ce stava ‘na stronza friggida co’ ‘no zufolo maggico che l’aveva smollata ‘na vorta a un basso che se chiamava Sarastro, e da quer giorno staveno sempre a litiga’ pe’ chi se doveva tene’ la fija Pamina, na rompicojoni perfettina che pare che ce l’aveva solo lei perché come apriva bocca veniva sempre fori ‘na melodia che era ‘na meravija, sempre che la canti er soprano giusto perché se non sai lega’ viene fori ‘na mmerda, ma queste pure so’ considerazioni mie, annamo avanti.

Continua a leggere

Le nozze di Figaro

Susanna e FigaroAllora mo’ ve racconto delle Nozze de Figaro, che quanno dici alla ggente che le devi anna’ a fa’ mediamente te risponne “aaaah, Figaro qua Figaro là” e tu invece de mannalli affanculo pe’ direttissima te metti a spiegaje che no, nun so’ quelle, Figaro è lo stesso ma queste so’ state scritte prima pure se succedono doppo, e che quell’altro che cantano loro è er Barbiere che l’ha scritto Rossini e no Mozart, e quelli te guardano co ‘na faccia che nun se sa se pensano “è mejo che stavo zitto” o “ma che s’è fumato questo?”. Allora le Nozze cominceno cor fatto che Figaroderbarbiere è tornato a servizio dar Contedalmaviva che ner frattempo s’è sposato Rosinaderbarbiere che è diventata LaContessad’almaviva. Ce semo? Annamo avanti. Figaro se deve sposa’ co’ Susanna ma nun cià li quatrini, e un più cià un debbito co’ Marcellina (personaggio novo che ner Barbiere sarebbe quasi la Berta ma non proprio). Dice che debbito? Lo sa lei, a noi nun ce dice un cazzo e morimo senza sapello. Insomma se devono sposa’ e er Contedarmaviva, paraculo, je regala ‘na stanza attaccata alla sua che così quanno Figaro se ne va po’ prova’ a ingroppasse la Susanna come je pare. Quanno la Susanna je lo spiega a Figaro quello ce rimane demmerda e dice ah sì, mo je fo vede io ar Conte.

Continua a leggere